Dialetto di San Marco in Lamis (Fg)

Fracchie a San Marco in Lamis
(da FoggiaToday)

Fracchie a San Marco in Lamis- le foto 5

Lu marite ché ddecéva lu fatte come ienne

Na vòta, nu gione bèllefàtte, ma puvurédde, ce ha pigghiatë a nna giona ricca, ma ché ttenéva nu defétte a nn’ócchie. Tutt’e ddua parévene ché stévene cundende. Quanne stévene cucate, isse uascjava a lla mugghière sembe sope l’ócchie addefettate. Iéssa no ngapeva lu pecché. Na vòta ce ha velutë pigghià lu ndriche, pe quéssë iè vvutata mbacce lu marite e ll’ha dittë:
«Pecché me uascıe sembe sop’e quist’ócchië?»
«Pecché iè pë quissë ché më t’éie pigghiate.»

Il marito che non sapeva mentire

Una volta, un giovane bello, ma povero, si sposò con una ragazza ricca, ma che aveva un difetto a un occhio. Tutt’e due sembravano essere contenti. Quando erano a letto, lui baciava la moglie sempre sull’occhio difettoso. Lei non capiva il perché. Una volta ha voluto togliersi la curiosità, per cui si è rivolta al marito e gli ha detto:
«Perché mi baci sempre su quest’occhio?»
«Perché è per questo (occhio) che ti ho sposata.»

_____

Il testo dialettale, tratto da Li cunte. Vangelo popolare e Racconti veri e verosimili di Grazia Galante (Bari, Levante, 2012), è trascritto in grafia DAM.

Annunci

Un pensiero riguardo “Dialetto di San Marco in Lamis (Fg)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...