Sono nato e cresciuto a Montepeloso (Irsina). Mi ricordo di quando io e mio fratello eravamo bambini, d’estate si usciva a giocare con gli amici tutta la mattina per poi tornare a casa a mezzogiorno. Il nonno tornava sempre dall’orto con un sacco di patate, cipolle, fagioli e un paio di fragole per noi bambini. Un pomeriggio siamo andati a giocare in un bosco vicino al paese, si stava così bene che non abbiamo neanche sentito le madri che ci chiamavano: era veramente tardi e andammo a letto senza cenare.

Agghie néte e agghie cresciûte a mMondepelûse. M’arrecorde quanne ghîje e ffràteme, da crijatûre, ’a staggione anzemme a sciuquò p’i cumbagne, tûtte ’a matîne, e ppo’ turnamme â chése a mmenzadîje. U nonne turnaie da fore sembe pe nu sacche de patéte, cepodde, fasulîcchie e nne pîcche de fràgule p’i crijatûre. A bbespre ·scemme a sciuquò ô vosche vecîne ô pajîse, e sse stève acchessî bbúne ca po’ nn’i sendemme i màmmere ca ne chiamàvene, po’ s’ére fatte tarde e scemme a ddorme senza mangé.

Da Ethnopedia

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...