Sono nato e cresciuto a Pescara. Mi ricordo di quando io e mio fratello eravamo bambini, d’estate si usciva a giocare con gli amici tutta la mattina per poi tornare a casa a mezzogiorno. Il nonno tornava sempre dall’orto con un sacco di patate, cipolle, fagioli e un paio di fragole per noi bambini. Un pomeriggio siamo andati a giocare in un bosco vicino al paese, si stava così bene che non abbiamo neanche sentito le madri che ci chiamavano: era veramente tardi e andammo a letto senza cenare.

Ji sò nate e cresciute a Péscàre, in Abbruzze. M’arcorde de quande ji e fràteme éravàme ddu’ cìtele, l’ésttàte sciavame jucà nghe li cumbagna nosttre tutte le matine e dapù ariavame a la case a mè·z·zejúrne. Lu nonne arvenèi sembre dall’orte nghi nu sacche de patane, cepolle, facıule e nnu pare de fràgule pe nnu’ bardisce. Nu pomérìgge jassame jucà a nu bbosche vecine allu paése, sttavame ’ccucı’ bone ché mmanghe avéme sendite li matra nosttre ché cce sttéiene a chiamà. S’avèi fatte tarde na fréche e avéme jite a lu llêtte senza magnà.

 

Da Ethnopedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...