Dialetto francoprovenzale di Celle (FG)

Sono nato e cresciuto a Celle di San Vito. Mi ricordo di quando io e mio fratello eravamo bambini, d’estate si usciva a giocare con gli amici tutta la mattina per poi tornare a casa a mezzogiorno. Il nonno tornava sempre dall’orto con un sacco di patate, cipolle, fagioli e un paio di fragole per noi bambini. Un pomeriggio siamo andati a giocare in un bosco vicino al paese, si stava così bene che non abbiamo neanche sentito le madri che ci chiamavano: era veramente tardi e andammo a letto senza cenare.

Me sé nascì e crascì a Celle de Sante Vite. Me reccorde decchire ggi e mun frare ne savanne senfanne, de premavére se saglive a ggiuccà do lo amiche tutte lu mattinne pe ppoie turnà a ciannù a meceggiure. Mun paràn i turnave tuttuaie dall’òre do un sacche de patate, ceppulle, fasule e di fràule pe nnusse senfanne. Un dappoie meceggiure ne sunne allà a ggiuccà nghiénne un bóue deccante a lu paìje, se stave tri pue bunne che nanne pa manche sentì le mmare che se chiamavante: aéve addavére ttarde e se n’allarunne a checìje sénze manche mengìje. 

Da Ethnopedia

Faeto e Celle di San Vito (FG).

Celle.Faeto.posizione

Clicca su FRANCOPROVENZALE e leggi o scarica il saggio Il francoprovenzale pugliese e la grafia dei dialetti alto-meridionali 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...