La «lingua napoletana»

Traduci la favola di Esopo e manda il tuo video! 

U uíende e u sòule
(dialetto di Mattinata – FG)

Nu júerne u uíende e u sòule accumenzèrene a leteché.
U uíende decèive de jesse lu cchiù fforte e allòure u sòule decèive ca jére jisse la forza cchiù jerosse de la terre.
Alla fine decedèrene de fé na prove. Vedèrene a vune che scèive cammenenne pe nnu tratture e decedèrene ca u cchiù fforte de lori duie sarrìe stéte cudde che sarrìe arrejesciute a luuàrele u uestite da ngúedde.
U uíende, allòure, ce mésse all’opre: accumenzéje a sciusçé e sciusçé, ma u rusultéte jére ca u crestejéne ce arraugghièive sembe de cchiù dajindre la cappe.
U uíende allòure sciusçé pe cchiù fforze, e ll’ome chiechenne la chépe ce arraugghié na sciarpe atturne lu cúedde.
Arrevé u turne de lu sòule, che caccenne lundéne li nnùuele, accumenzé scalefé ne poche de cchiù.
L’ome che jéve arrevéte vecine a nnu ponde, accumenzé chiéne chiéne a luuàrece la cappe.
U sòule nemunne cundende aumendé lu ccàlete de li ragge söu, fine a fàrele devendé frevute.
L’ome russe pe lu ccàlete assé, védde l’acque de lu fiume e senz’addemmuré fèice nu tuffe e ce mené dajindre.
U sòule jàlete ngíele rerèive e rerèive.
U uíende, cundrarejéte e vinde, ce scì ’ mmuccé a nna vanne lundéne lundéne.

Il vento e il sole (Esopo)
 
Un giorno il vento e il sole cominciarono a litigare.
Il vento sosteneva di essere il più forte e a sua volta il sole diceva di essere la forza più grande della terra.
Alla fine decisero di fare una prova.
Videro un viandante che stava camminando lungo un sentiero e decisero che il più forte di loro sarebbe stato colui che sarebbe riuscito a togliergli i vestiti.
Il vento, così, si mise all’opera: cominciò a soffiare, e soffiare, ma il risultato fu che il viandante si avvolgeva sempre più nel mantello.
Il vento allora soffiò con più forza, e l’uomo chinando la testa si avvolse un sciarpa intorno al collo.
Fu quindi la volta del sole, che cacciando via le nubi, cominciò a splendere tiepidamente.
L’uomo che era arrivato nelle prossimità di un ponte, cominciò piano piano a togliersi il mantello.
Il sole molto soddisfatto intensificò il calore dei suoi raggi, fino a farli diventare incandescenti.
L’uomo rosso per il gran caldo, guardò le acque del fiume e senza esitare si tuffò.
Il sole alto nel cielo rideva e rideva.
Il vento deluso e vinto si nascose in un luogo lontano.

Nel vecchio Regno di Napoli – Abruzzo, Molise, Lucania, Puglia centro-settentrionale, Calabria settentrionale, e aree limitrofe con la cosiddetta “e muta” (basso Lazio) – si parla la «lingua napoletana», «seconda lingua d’Italia» (UNESCO).

Se sei dell’area, affrèttati (prima che lo faccia un altro della tua città) e manda a f.granatiero@libero.it la tua traduzione in dialetto (che useremo per i sottotitoli) e un video (non verticale) con un buon audio e le indicazioni di Comune e Provincia.

Scrivi il dialetto come ti viene, senza preoccuparti. Con la guida dell’audio verrà poi integrato, adattato al video e pubblicato su YouTube, in Poesia e dialetti e sulla pagina Facebook I Dialetti Alto-Meridionali. Si possono inviare anche delle foto del luogo con cui sostituire in parte o in tutto la ripresa della propria immagine. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...