Dialetto di Fossalto (CB)

Fossalto - La Pagliara Maje Maje
Fossalto (Molise) – La Pagliara Maje Maje

Eugenio Cirese

(Fossalto 1884 – Rieti 1955)

 

Serenatella

Jè nnotte e jè sseréne
déndre a ru còre e ngíele.
Le sttelle
fermate
vecine,
a cócchia a cócchia
o sole,
come a pecurêlle
sttiènne pascênne
l’aria de notte
míeze a ru cuâmbe
senza rocchie
e senza fine.

Spónda la luna
e pare lu pasttore
che uuârda e cónda
la mandra sparpagliata,
e zz’assecura
che nnecıuna
ze spêrde
míeze a ru verde.
Canda nu racıagnúole
la letania d’amore
déndre a na fratta.
Canda pe ttê
che vviglie, bella,
e síende
la serenata
déndre a la sttanza
arescchiarata.

Nen-d’addurmì, dulcézza,
véglia fine a demane,
e penza a mê che sttonghe
a repenzà lundane,
e uârde
la luna gghianga
che tt’accarézza
e pare che tt’arrênne
redênne
ru vacıe che tte donghe.

Serenatella. È notte ed è sereno dentro nel cuore e in cielo. Le stelle vicine, a coppie o sole, come le pecorelle stanno pascendo l’aria di notte in mezzo al campo senza cespugli e senza fine. Spunta la luna e pare il pastore che guarda e conta la mandria sparpagliata, e si assicura che nessuna si perda in mezzo all’erba. Canta un usignolo la litania d’amore dentro a una fratta. Canta per te che vegli, bella, e senti la serenata dentro la stanza rischiarata. Non t’addormire, dolcezza, veglia fino a domani, e pensa a me che sono a ripensarti lontano, e guardo la luna bianca che t’accarezza e pare che ti renda ridendo i miei baci.

Canzunetta

Tu vié a la fónda
le piénne a lavà,
l’amore t’affrónda
t’ajuta a sciacquâ.
La spara cumbónne
la tina te pónne.

Tu vié a ru vosche
la légna a fascià,
l’amore canósche
che vvêne a taglià.
La spara cumbónne
ru fasce te pónne.

Tu vié a la vigna
ca vú velegnà,
l’amore la pigna
t’ajuta a taglià.
La spara cumbónne
la céstta te pónne.

Tu vié a ru líette
ca vú’ repusà,
l’amore a despíette
pe fforza vò ndrà.
Ru líette accumbónne
la tréccia scumbónne.

Canzonetta. Tu vai alla fonte i panni a lavare, l’amore ti viene incontro t’aiuta a sciacquare. Il cercine compone, la tinozza in testa ti pone. Tu vai ai boschi la legna ad ammucchiare, l’amore conosco che viene a tagliare. Il cercine compone, il fascio in testa ti pone. Tu vai alla vigna, che vuoi vendemmiare, l’amore il grappolo t’aiuta a tagliare. Il cercine compone, la cesta in testa ti pone. Tu vai nel letto, che vuoi riposare, l’amore per dispetto a forza vuole entrare. Il letto compone, la treccia scompone.

 
Repose

Forse che ll’òme appéna z’è ’ssupite
dope la fatejata de ru júerne,
lassa ndêrra lu cúerpe appesandite
e zze va a métte ngíele
pe ggode lu repose
a lume de le sttelle.

Ru vendaríelle
pare che tt’areporta lu respire
e llu Befíerne
arrima le paròle
e fa sendì lu cande de lu súenne.
Nu racıagnúele,
da chisaddó, respónne.

Riposo. Forse l’uomo appena si è assopito, dopo la fatica del giorno, lascia in terra il corpo appesantito, e si va a mettere in cielo per godere il riposo alla luce delle stelle. Il venticello pare che ne riporti il respiro, e il Biferno rima le parole e fa sentire il canto del sonno. Un usignolo, chissà da dove, risponde.

_________

(*) Testi di riferimento in Mario Dell’Arco e Pier Paolo Pasolini (a cura di), Poesia dialettale del Novecento, pref. di Giovanni Tesio, Torino, Einaudi, 1995, pp. 99-101. Trascrizione dalle letture di Domenichina Piedimonte e Vincenza Cornacchione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...