Dialetto di Montecalvo Irpino (Av)

Foto di Gianluca Cardinale
Montecalvo Irpino (foto di Gianluca Cardinale)

PROVERBI

Viéstite cippone ca pare barone.
Vesti ceppone, che pare barone. (L’abito fa il monaco.)

L’àbbeto nun fa-mmònico E chjìrica nun fa prèvetë.
Abito non fa monaco e chierica non fa prete.

Lu fasce de malèreva abbasta a diécë cavalle.
Il fascio di malerba basta per dieci cavalli.

Ave paùre ca lu culo arrobba la cammise.
Ha paura che il culo rubi la camicia.

Chi fàbbreca nda li ccase de l’ate perde càuce E mastrìa.
Chi fabbrica in casa altrui perde calce e maestria.

Chi nun fàbbreca E nun marita nun zape cché-ssi dice.
Chi non fabbrica e non marita non sa che si dice.

San Nicole cu la barba bianga, si nun ghiòve la néve nun manga.
San Nicola con la barba bianca, se non piove la neve non manca.

Sanda Catarinella o acqua o nevecella.
A Santa Caterina o piove o comincia a nevicare.

Ogni-pprèdeca èsce a denarë.
Ogni predica finisce con la richiesta di denaro.

Ogni scarpe devenda scarpone.
Ogni scarpa diventa scarpone.

Doppu chiùoppeto na bell’acque.
Dopo la pioggia una bell’acqua. (Piove sul bagnato.)

Sand’Andùono màšchere e sùonë.
A Sant’Antonio Abate maschere e suoni.

«Oh, andó vaie?» «Porte cepólle.»
«Dove vai?» «Porto cipolle» (Discorso fra sordi.)

«Lu meglie ómo» deceva mammanonna, «appese alla pèrteca oppure all’ulmu de lu Càrmeno».
«Il migliore uomo» diceva la nonna, «andrebbe impiccato alla pertica o all’olmo della chiesa del Carmine»

A Sand’Andùono ogni-ggallenella abbìa l’ùovo.
A Sant’Antonio Abate ogni gallinella comincia a far l’uovo.

Chi cammina lécca E chi sède sécca.
Chi cammina lecca e chi siede secca.

Tanda figlie, tanda pruvvedentsa.
Tanti figli, tanta provvidenza.

Latte capisce e frustë nò.
Latte capisce e frusta no. (Capisce solo quando gli conviene.)

Lu malu cano acchiappa lu bùono jazze.
Il cane cattivo ha la migliore sistemazione.

Si cule cacava, nun mureva.
Se il culo cacava, non moriva.

Quande siénde rumore de rattacasa, staie nu poco E po’ trase.
Quando senti rumore di grattugia, aspetta un po’ e dopo entra.

Tiémbu de cacatorio nun ze porta A cunfessorio.
Tempo di cacatoio non si porta in confessionale. (I panni sporchi si lavano in casa.)

’E ttiémpe de cacatorio nun gi vole culu strintu.
Con la diarrea non c’è culo che tenga.

Mangu pùlice nd’a sse panne!
Neanche pulce in codesti panni!

Lu suldatu de Napulejone jette cazze e turnavë cuglione.
Il soldato di Napoleone andò cazzo e tornò coglione.

Quande lu cjélo èa a picurellë adda chiòve a catenellë.
Quando il cielo è a pecorelle pioverà a catinelle.

Lu cano mózzeca a lu strazzato.
Il cane morde allo straccione.

La cap’ e la coda èa malu scurcià.
La testa e la coda sono le parti più difficili da scuoiare.

Mò te vene, zùoppo, sta cchianata!
Ora riesci, zoppo, a fare questa salita! (Non è pane per i tuoi denti.)

_______

Dalla lettura di Maria Gelormini Maestra Maruzzella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...