L’avverbio [nən] “non”

In molti dialetti alto-meridionali, come nel Gargano (Carpino, Cagnano Varano, Monte Sant’Angelo, Mattinata, a cui gli esempi si riferiscono), nel Tavoliere (Alberona, Lucera), a Ruvo di Puglia (BA), a Pescara e provincia, nel Molise (Campobasso), nelle province dell’Aquila (Opi, Bugnara, Raiano) e di Chieti (Lanciano, Sant’Eusanio del Sangro, Vasto, Guardiagrele), l’avverbio di negazione “non” si comporta in maniera particolare.

Con l’affievolirsi della O la -N finale dell’avverbio si lega alla sillaba seguente (NON DAT > nen-dé [nə ndé] ‘non dà’), spesso rafforzandosi davanti a vocale (NON HABET > nenn-eve [nə nn-évə] ‘non ha, non ottiene’).

Il nesso di -N finale con M- o V- iniziale della parola seguente si comporta come all’interno di parola, per cui si ha assimilazione: NON METIT ne-mmete (ne’ metë) [nə mmétə] ‘non miete’, NON VALET > ne-mmele (ne’ melë) [nə mmélə] ‘non vale’, come in INVIDIA > mmidie [mmidjə]; NON VENIT > ne-vvene (ne’ venë) [nə vvénə] ‘non viene’.

Se la -N incontra C, P o T, si ha lenizione postnasale: NON CANTAT > nen-gande [nə ngandə] ‘non canta’; NON QUI VENIT > nen-ge vene [nə ndžə vénə] ‘non ci viene’; NON POTEST > nem-bote [nə mbótə] ‘non può’; NON TENET > nen-dene [nə ndénə] ‘non tiene’.

Se la consonante iniziale della parola seguente è S-, si ha sonorizzazione: NON SAPIO > nen-sacce [nə nsattšə] ‘non so’; e frequente passaggio della s sonora a zeta sonora: nen-zacce [nə ndzattše].

La consonante iniziale di scı’ [ši] *JIRE ‘andare’, scjuqué [šukwé] JOCARI ‘giocare’ e simili, si comporta come la c di cèrnə ‘cernere’: nen-gèrnə ‘non setaccia’. Per cui avremo: scıemme [šèmmə] ‘andammo’ e nen-gemme [ne ndžèmme] ‘non andammo’, scjoche [šókə] ‘gioca’ e nen-gioche [ne ndžókə] ‘non gioca’.

La lenizione postnasale è spesso accompagnata da aferesi, per cui dell’avverbio non resta che la -N finale legata alla parola successiva: n-gapisce [ngapiššə] ‘non capisce’, n-ge vene [ndžə vénə] ‘non ci viene’, m-bote [mbótə] ‘non può’, n-dene [ndénə] ‘non tiene’, n-zepe [ndzépə] ‘non sa’.

Il trattino – che indica l’affievolimento della e atona di nen e l’appoggio alla parola seguente –, in assenza di ne, distingue la negazione da parole con prefisso/preposizione IN, come, per esempio, n-gambısce ‘non pascola’ da ngambısce ‘al pascolo’, m-borte ‘non porta’ da mborte ‘importa’ o ‘in porta’, m-bonne ‘non possono’ dal viestano e manfredoniano mbonne ‘bagnare’.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...