Dialetto di Locri (Rc)

Locri-Tempio-Marasà
Locri – Tempio Marasà

Alfredo Panetta

U gàlanu

U cchiappai, nci allisciai i pinni
cu na manu, cu ll’àuthra nci stujai
u sangu mbiscatu a coccia ’i chiumbu.

Mbicinai i labbra a jja pagura
virdi, nci arricchiai u thréntulu:
parìanu ngusci ’i figghiolèju.

M’ahhiancà a na masthra
d’abbivaratizziu, u dagià ntâ
na pethra d’armacera…

nci appojai vicinu â testicèja
na junta d’erba frisca

e mâ fujìi.

Il rigogolo. L’ho catturato, gli ho lisciato le piume / con una mano, con l’altra gli ho pulito / il sangue impregnato di piomo. // Ho avvicinato le labbra a quella paura / verde, ho ascoltato il tremito: / sembravano i gemiti di un neonato. // Mi sono accostato a un canale / d’irrigazione, l’ho adagiato su / una pietra di muro a secco… // gli ho posato vicino alla piccola testa / un ciuffo d’erba fresca // e sono scappato. (Traduzione dell’autore. Da Petri ’i limiti, “Pietre di confine”, Moretti & Vitali, Bergamo 2005)

 

’A luna ’i Giamperranti

Quandu ’a luna si curca
arretu ê cerzi ’i Giamperranti
pappùma ncigna u nterra
simenzi ’i panìculu.
Una esti pô cantu d’u scropìu
cusì llentu chi mmartèja nt’a ll’ossa
n’àutru è ppâ jornata ’i sidura
chi ssulu ’u vinu si fida pè mmu asciuca
e na junta ntera â fini è ppè ll’acqua
dâ vinèja chi smovi i pali d’u mulinu
(cusapi quantu passa ’i tandu a du matinu
cusapi quanta farina finu all’eternità).

Mberzù sup’ô timpuni, ppizzatu
nt’a nu cùfalu di timpa, guarda u cielu
’n ziafrò. Dint’ê sò occhji staju
’i jja notti, chija chi nnesscì mama.

La luna di “Gianferrante”. Quando la luna si corica / dietro le querce di “Gianferrante” / mio nonno materno comincia / a interrare semi di granturco. / Uno è per il canto dell’assiolo / così lento e martellante nelle ossa / un altro è per la giornata di sudore / che solo il vino riesce ad asciugare / ed una manciata intera / per l’acqua del ruscello che muove / le pale del mulino (chissà quanta / ne scenderà da lì fino al mattino, chissà quanta farina / fino all’eternità). // In alto presso il colle, ficcato / nell’incavo di un dirupo, fissa il cielo / un ramarro. Dentro i suoi occhi abito / da quella stessa notte, in cui nacque mia madre. (Traduzione dell’autore. Da Na folia nt’è falacchi, “Un nido nel fango”, edizioni CFR, Piateda So 2011)

______

Trascritto con adattamenti dall’audio di Youtube

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...