Lago di Barrea (Aq) - Foto di Sogeking
Lago di Barrea (Aq) – Foto di Sogeking

U ceglióne

A mmi m’hé cresciute mamma Sttélla! I’ sttéva sembe alla casa sé. N-zacce quand’anne tenéva, ma èra pìccula! Quande nu jurne me menétte mmende d’addummanarce: «Mamma Stté, ma tu la si vistta la cicógna quande m’hé purtate a mmi?»

A qquande ca ze ne scette e mme fa: «Jih, sia fatta la vulendà de Ddi’! La cicógna a tti! a tti t’hé purtate u ceglione!».

«E cché è u ceglione, mamma Stté?»

«Eh, è u ceglione», me respunnétte.

Mah!, inzómma i’ purtéva sembe le denucchiélla scurtecate pe jì uardenne pe d-aria a vvedé se ppasséva sttu cacchie de ceglione, ca a mmende mé era nu céglie grósse!
Eh mmica è fenuta ècche! N’òte jurne stteva che mmamma, che ze stteva a ppeglià u café che ll’amiche sé, e sttévane a pparlà de quande allattévane i figlie. Mò i’ arrecchiéva, e a nu certe punte decéi: «Mà, com’éra i’ quande m’allattive?»

Chél’ota pe ffalla cchiù bbella a qquande ca ze ne scette e mme respunnétte: «Va addummannà alla vacca, ca chéla t’hé allattate a tti, i’ che nne sacce?»

Mbè, a mmi me ze cumenzirne a ndruvedà le cerevella, e qquande jéva a ppazzià che j’òte uagliunitte, penzéva sembe: Ma chistte le saparrave ca a mmi m’hé purtate u ceglione e mm’hé ’llatate la vacca?»

Mbè, mo le sapete pure vu’ pecché Rosa Maria è sciuta fòre accucı’, nn-è ccólpa mé!»

L’uccellone

A me m’ha cresciuto mamma Stella! Io stavo sempre a casa sua. Non so quanti anni avevo, ma ero piccola. Quando un giorno mi venne in mente di domandarle: “Mamma Stella, ma tu l’hai vista la cicogna quando ha portato a me?”

A quel punto lei se ne uscì e mi fa: “Iih, sia fatta la volontà di Dio, la cicogna a te? A te ti ha portato l’uccellone”.

“E cos’è l’uccellone, mamma Stella?»

“Eh, è l’uccellone”, mi rispose.

Mah! Insomma io avevo sempre le ginocchia sbucciate, perché andavo guardando per aria per vedere se passava questo cacchio di uccellone, che nella mia mente era un grosso uccello!

E mica è finita qui! Un altro giorno ero con mamma, che stava prendendo il caffè con le sue amiche e stavano parlando di quando allattavano i figli. Allora io ascoltavo e, a un certo punto, dissi: “Ma’, com’ero quando mi allattavi?”

Quella, per farla più bella, se ne uscì rispondendomi: “Vai a chiedere alla vacca, perché quella ti ha allattato a te, io che ne so?”

Beh, a me cominciò a intorbidirsi il cervello e, quando andavo a giocare con gli altri bambini, pensavo sempre: Ma questi lo sapranno che a me mi ha portato l’uccellone e mi ha allattato la vacca?

Beh, ora lo sapete anche voi perché Rosa Maria è uscita fuori così, non è colpa mia!

___________

Audio: Rosa Maria Scarnecchia, autrice del racconto. Trascrizione con adattamenti.  Materiale inviato da Elio Flagiello e Mario Marchionna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...