FRANCESCO GRANATIERO

SSA SÈITE

Ssa sèite che n-ge stute
è terra mute e m-bote
la sécche pe ssu nute
nganne mo cqua sté sote

sunnenne rote e rote
d’acque sccume sbattute
nd’ a scúgghie spagghianute
dajindre a nnu tramote.

Ssa sèite iè n’assarse
c’héi avute pe ddote
canne de terra amere,

iè na cénera sparse
tra li zappine e i cchiote
a i ffrócıe i ndraünére.

QUESTA SETE

Sete che non si spegne
è terra muta e non può
marea con questo nodo
in gola stare immota

sognando ruote e ruote
d’acqua schiuma sbattuta
tra scogli spogli nudi
in corpo a un maremoto.

Questa sete è un’arsura
ché ho ricevuto in dote
gola di terra amara,

è una cenere sparsa
tra pini e sepolture
alle frogie dei fortunali.

P. Piemontese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...