Dialetto di Mottola (TA)

petra-foto-palmiotto

Scıàmmene, bbelle, scıà (*)

(Rit.) Scıàmmene, bbelle, scıà,
scıàmmene a venemé,
ca lu míere dolge am’a ffé.
Scıàmmene, bbelle, scıà,
scıàmmene a venemé
| alla saluta tòie e chéra mè.

Sùbbete ne scıéme la matine
allégre e candanne all’aria fine
| annazzechéte suse allu traìne.
Arruuéme fore allu spundé d’u sòle,
leste scennime da lu traìne
| e a tagghié l’uve ognune vole.

Da mbonde accumenzéme lu felére
june appíerse all’ate accumbagnéte
| e a tagghié l’uve pére pére.
Cè ppríesce sendime jinde allu core
a tagghié cusse bbéne de Ddije,
| cusse bbelle tesore.

Sò ggràppele grosse, sò ggràppele mature,
appéne ca li vite te n’annamure,
| ca sò nna méravìglie de la nature.
Tagghiéme chesse senz’ abbadé
ci la fatì ne féesce stanghé
| sapenne allu mmíere ca n’av’a ddé.

Ne stéme dalla matine alla sère
fine a quanne apponne lu sòle,
| quanne ‘bbaste’ diisce la massére.
Anghiute ca sò li grosse tine,
allégre li purtéme allu traìne,
| scıéme candanne alla candine.

Andiamo, belli, andiamo – (Rit.) Andiamo, belli, andiamo, / andiamo a vendemmiare, / ché il vino dolce dobbiam fare. / Andiamo, belli, andiamo, / andiamo a vendemmiare | alla salute tua e mia. // Presto ci andiamo la mattina / lieti e cantando all’aria fine | cullati dal carretto. / Giungiamo ai campi allo spuntar del sole, / lesti scendiamo | e a tagliar l’uva ognuno vola. // Da un capo del filare cominciamo / un dietro l’altro in compagnia | a tagliar l’uva procedendo in riga. / Che piacere sentiamo dentro al cuore / a coglier questo ben di Dio, | questo bel tesoro. // Son grappoli grossi, son grappoli maturi, / appena li vedi te ne innamori, | ché sono una meraviglia della natura. / Li tagliamo senza badare / se il lavoro ci fa stancare | pensando al vino che faremo. // Ci stiamo dalla mattina alla sera / fino a quando tramonta il sole, | fino al cenno della massaia. / Quando son pieni i grossi tini / allegri li portiamo sul carretto, | cantando andiamo alla cantina.

(*) “a” (<AD) ed “e” (< ET) determinano sempre rafforzamento: a venemé [a vvənəmé],  e chéra mè [e kkéra mè] ecc. Il suono di é (venemé, ffé, chéra ecc.) ha a volte ancora un timbro aperto, ma più chiuso rispetto alla è di ‘mia’ e sère ‘sera’.

Il segno | introduce il verso ripetuto.

Il testo dialettale, tradotto dal redattore, viene trascritto da una lettura di Dino Rogante e Domenico Caragnano. Il canto tradizionale si trova in Leopoldo Rogante, Vusce de pajise: sunanne, candanne e ballanne. Canti popolari di Mottola e Massafra, a cura di Vito Fumarola, presentazione di Giovanni Laera, Mottola (TA), Stampasud, 2019.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...