Centro-Sud

QUADRO SINOTTICO

La grafia è quella dell’italiano, così integrata:

a   aperto (it. ago), in sillaba libera di parola piana può avere una pronuncia alterata, che può essere scritta (pänechëne  ‘cane’,  patâne ‘patata’) o descritta in nota.

ä  a che tende a e.[1]

â   a che tende a o: Fossalto CB cuâmbe ‘campo’.

e   suono neutro, breve e indistinto (fr. pauvre), tipico dell’AM (pugl. pertuse [pərtu:sə] buco’), tranne quando è tonico (pugl. mere [merə] ‘mare’, pedde [pèddə] ‘pelle’).

ë  nell’AM indica la vocale tonica (Vieste FG pëne [pə:nə] ‘pane’, Matera vënde ‘vento’, amëcere ‘amici’, Bugnara AQ lu paése më’ ‘il paese mio’), fuori dall’AM la vocale atona (Centùripe EN pòvëru ‘povero’).

é   chiuso (it. sera): Matt. FG fecétele ‘beccafico’, éccédènẓe ‘eccedenza’.

E   suono finale distinto (usato nell’AM): Matt. chichE ‘qualche’, Sturno AV fortE, Manfredonia FG accattEvvinne.

è   aperto (it. festa): Monte Sant’Angelo FG artèteche ‘smania’, Molfetta BA èmìnele ‘mandorla’.

ê   molto aperto, tendente ad (stêlle ‘stella’ si pronuncia quasi come ‘stalla’)

e, o  tonici, chiusi in sillaba aperta (core [co:rə] ‘cuore’, pete ‘piede’) e aperti in sillaba chiusa (forte [fòrte], pugl. coute [cò:utə] ‘coda’).

ó    chiuso (it. sole).

ò     aperto (it. notte).

ô     molto aperto, tendente ad a (San Nicandro Garganico FG môrte ‘morta’, che si pronuncia quasi come ‘Marte’).

ö    che tende a e: Lucera FG söle ‘sole’.

í      come o più chiuso che nell’it. vino.

ì     come o più aperto che nell’it. pista, in sillaba libera di parola piana (nitematine) può indicare un suono alterato, che può essere scritto (néitenëite, nöitenòite ecc.) o descritto in nota.

î    molto aperto, quasi é.

ï    vocale tonica, che tende a u (simile alla franc. di mur ‘muro’); vocale atona, iato (cfr. it. vïola).

ú    come o più chiuso che nell’it. muro.

ù    come o più aperto che nell’it. frutto, in sillaba libera di parola piana (pupecannarute) può presentare una pronuncia alterata, che può essere scritta (pöupepìupe ecc.) o descritta in nota.

û     molto aperto, quasi ó.

ü   vocale tonica, che tende a (u francese di mur ‘muro’); vocale atona, iato (trüé = truué ‘trovare’).

(u)   semiconsonante (come nell’it. uovo), utile in caso di totale dileguo vocalico: San Martino in Campo PG vig(u)lo [vigwlo] ‘vicolo’, triq(u)lo ‘briciola’.

b   iniziale rafforzato in parte del Centro e in tutto il Meridione (bbelle).

·b   bilabiale fricativa (spagn. haba ‘fava’). Si indica solo a inizio di parola: ’a ·bàrebe ‘la barba’. [2]

c’  dell’it. cinque (usato a fine parola). [3]

c(ı)   ci del toscano bacio, ovvero sci del nap. busciardo: abr. accucı’ ‘così’, vacıà ‘baciare’, pugl. ‘andare’, cıucà ‘giocare’, stucıé ‘pulire’, sic. cıuri ‘fiori’. La ı senza puntino è possibile digitarla anche nei social (Alt+213).

ch  k(a,o,u)+h (aspirato): u chane ‘il cane’.

·d    variante debole di d (come ·b): Carpino FG i ·dinde ‘i denti’.

dh (ḍ) retroflesso: Lecce staddha (staḍḍa) ‘stalla’, Petrizzi CZ cavadhu (cavaḍu) ‘cavallo’. [4]

g(i)  iniziale rafforzato, come b.

g’  dell’it. giro, usato a fine parola (Mattinata FG nen-g’la fite ‘non ce la fa’) e davanti a consonante (San Martino in Campo PG nùgg’le ‘paturnie’).

g(ı)  come g(i) nel toscano agile (àle): Limbadi Motta VV mantegıu ‘mantello’.

·g(h)  variante debole di g(h) (come ·b e ·d): Lucera FG u ·galle ‘il gallo’, Foggia a ·garde ‘ad ardere’, Trebisacce ’a ·gummighe ‘l’orcio’.

gh  g(a,o,u)+h: Fossalto CB ghalline ‘gallina’.

ghl  gl di glicine: Peschici FG anghliste ‘lombrico’.

j semiconsonante, come nell’it. juta (pugl. jatte ‘gatto’).

h  fricativa velare [x] o laringale sorda [h]: sic. hamiari ‘riscaldare il forno’. Limitata al verbo avere, è un puro segno grafico.

h(i)  [ç] (ch del ted. ich): mol. hiume ‘fiume’, Vibo Valentia  hiuhhiari ‘soffiare’.

lı   gli (it. figlio) ma di grado tenue: Bugnara AQ filıe ‘filo’.

nı  gn (it. ragno [rañño]) ma di grado tenue: sal. calunıa [kaluña] ‘calunnia’.

nh    suono velare: Celle di San Vito FG tténh ‘tempo’, sic. sannhu ‘sangue’.

ph    p+h (aspirato): Locri RC camphu ‘campo’.

s   sordo (it. sordo), tranne nei nessi automatici (sbsg ecc.).

s-  sordo (usato davanti a r): Matt. s-ruuizzje ‘servizio’.

·s  sonoro: Pescasseroli AQ mé·sa ‘mezza’, Faeto FG n·suónne ‘in sogno’, Amendolara CS u ·sale ‘il sale’, ’a ·sira ‘la sera’, San Fratello ME nè·s naso’, Teramo  ê·s·se ‘esso’.

s (š/ž)  davanti a cons. ripetuta, come nel nap. scala e sguarrà: pugl. sccume (sckume) ‘schiuma’, abr. e mol. sttelle ‘stella’, camp. susppire ‘sospiro’, sffizziuse ‘sfizioso’, Ribera AG ssrringiva ‘stringeva’; nap. sgguarrà ‘sbagliare’, smmammà ‘svezzare’, pugl. sbbambà ‘divagarsi’ ecc. [5]

sc(i)  rafforzato (it. nascere), tranne dopo dittongo (Mattinata FG murèisce ‘ombra’), dove suona come nel nap. busciardo.

s-c(i)   eventuale pronuncia staccata.

th    t+h (aspirato): Locri RC venthu ‘vento’.

thr (ṭṛ)  cacuminale: sic. quatthru ‘quattro’.

sordo (Perugia melanzana, Roma nazzione, Napoli pazzià ‘scherzare’, San Marco in Lamis FG nazijóne ‘nazione’, Mattinata FG zìppele ‘stecco’, cíleze ‘gelso’, zappe e zzappe ‘zappa e zappa’), tranne in nz dove si abbia lenizione (pugl. m-benze ‘non pensa’, n-zende ‘non sente’) e in zi/zei dove si evidenzi la semiconsonante (pugl. grazzje [grad’dzjə] ‘grazia’, nazzejone [nad’dzəjonə] ‘nazione’)

·z  sonoro: Guardiagrele CH mé·ze [medzə] ‘mezzo’, pugl. al·zà ‘alzare, ale·zà [alə’dza] ‘alzare’, jar·zone [jardzo:nə] ‘garzone’, Melissano BR ·zucufàu ‘rigogolo’, mè·z·ze [mèddzə] ‘metà’, u ·z·zinghe [u-d’dzingə] ‘lo zinco’.

La parola non accentata s’intende piana.

’   L’art. femminile ’a ‘la’ vuole l’apostrofo, le preposizioni articolate l’apostrofo (a’ ‘alla’), il trattino (d-a case ‘dalla / della cassa’) o l’accento circonflesso (dâ casa ‘dalla / della casa’).

–   L’avv. non in caso di aferesi si lega alla parola seguente (sic. n-passari ‘non passare’, nn-èssiri ‘non essere’), in caso di lenizione anche in assenza di aferesi (pugl. nen-déne o n-déne ‘non tiene’, nem-bote m-bote ‘non può’, nen-zépe o n-zépe ‘non sa’).

  Il raddoppiamento della consonante iniziale (cchiù ssótte ‘più sotto’, pe mmè ‘per me’, li ssore ‘le sorelle’), facoltativamente, si può omettere solo dopo “a” (AD) ed “e” (ET) non seguite dall’articolo, le quali rafforzano sempre (a te e me = a tte e mme), tranne se separate da pausa o da trattino (e-roppe, a-soffià).

____________

[1] Le vocali alterate solo in sillaba libera di parola piana (ä ë, ï, öü, ê, î, ô, û) si scrivono come in italiano (a, a, e, i, o, u), descrivendole in una nota. Altrettanto vale per gli allofoni delle consonanti (bb, ch, gg(i), gh, ph, th ecc.).

[2] Il punto mediano (·) è presente nel codice ASCII (Alt+0183). Il simbolo si può comporre anche direttamente sui social network.

[3] Qualora -c(i)- intervocalico semplice suoni sempre come nel toscano bacio, esso va scritto come in italiano, limitandosi ad annotarlo.

[4] Il punto sotto la lettera (ḍ, ṭ, ṣ, ẓ) si aggiunge con Alt+0803, ma nei social network il simbolo non sempre può essere incollato.

[5] Le lettere š Š corrispondono rispettivamente ai codici Alt+0154 e Alt+0138 e si possono scrivere anche sui social.

___________

Per approfondimenti scarica e leggi Scrivere la lingua madre 9-7-2020

 

Un pensiero riguardo “Grafia del Centro-Sud

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...