Ombretta Ciurnelli

Dialetto di San Martino in Campo (PG)

acquedotto-perugia
Perugia

OMBRETTA CIURNELLI

Già insegnante di liceo, è una voce poetica e critica importante dell’odierna letteratura dialettale. Il dialetto arcaico e rustico della sua prima infanzia, quello di San Martino in Campo (PG), è oggi la lingua della sua poesia. Ha pubblicato Badarellasse ncle parole. Abbecedario di acrostici (Guerra, Perugia 2007), L ’Arcontastorie (ivi 2008), Si curron le formiche (ivi 2010), La città del vento. Poesie in lingua perugina (Cofine, Roma 2013). Ha poi scritto un testo teatrale, Dai campi di granturco ai gelsomini (Fabbri, Perugia 2012), curato l’antologia Dialetto lingua della poesia (Cofine, Roma 2015) ed edito il volume Lingue allo specchio. Poesia in dialetto e autotraduzione (Ali&no, Perugia 2019).

La poesia di Ombretta Ciurnelli non è pacificazione. Pervasa da inquietudine e amarezza, si nutre di memoria e di presente, affondando nel preconscio a risvegliare fantasmi e paure. È una poesia impressionistica, raffinata, allegorica e metafisica, che porta il dialetto ben oltre i confini della propria terra, nel pieno della cultura letteraria nazionale.

Si riportano alcuni suoi testi emblematici tradotti dall’Autrice.

Il dialetto, da lei scritto evidenziando le differenze dall’italiano, viene qui trascritto con adattamenti seguendo la grafia del Centro-Sud.

MUCCITE DA N’IDEA

Muccite da ’n’idea ch’abira forte
ncón ardijón d’arbuldechè ta ’l mónno
quan chèdon giù da l’àbise ntól fojjo
arèsteno spaurète ntra le righe
e ’l verso fon fatiga p’artrovallo
mò fùsseno formiche sótt’a l’acqua
che cùrron nun son manco lore dua

FUGGITE DA UN’IDEA. Fuggite da un’idea che gira forte / con un ardire da rovesciare il mondo / quando cadono giù dalla matita sul foglio / restano spaventate tra le righe / e il verso fan fatica per trovarlo / come fossero formiche sotto la pioggia / che corrono non sanno nemmeno loro dove

’L VECCHIO ORLOGGÈO

Ntól vìguëlo bujo c’è n portón cinino
quattro scaline e addietro a ’n banconcino
a lavorè ce sta ’l vecchio orloggèo
che arcojje tutt’i fiotte de la gente
nti arlogge dua che ’l tempo s’è mmattito

Per fè muccì i mi giórne si m’acòro
polèsse che lu leva ’n bigarume
e fa agirè più forte le mi notte
e si me ngrugno sgruflanno nti tempe
passète nto la ruzza ansiém ta lia
me fa currì all’iddietro
(anco per pòco)

IL VECCHIO OROLOGIAIO. Nel vicolo buio c’è un portone piccolo / quattro scalini e dietro a un banconcino / a lavorare sta il vecchio orologiaio / che raccoglie tutti i sospiri della gente / negli orologi in cui il tempo è impazzito // Per far fuggire i miei giorni se mi dispero / può darsi che lui tolga un piccolo ingranaggio / e faccia girare più veloci le mie notti / e se mi rattristo rovistando nei tempi / trascorsi nella gioia insieme a lei / mi fa correre indietro / (anche per poco)

A CARTE ÉN GIOCHÈTO

La faccia alunghèta
na mìsquela aguttsa
do occhie de brège
na ghigna nti labbre
le ttsanne sdradète
nnerite de vecchio

A carte én giochèto
na brìsquela lunga
dua Lia c’eva j’asse
e tutt’i denère

A CARTE ABBIAMO GIOCATO. La faccia allungata / un mento appuntito / due occhi di brace / un ghigno sulle labbra / i denti diradati / anneriti di vecchio // A carte abbiamo giocato / una briscola lunga / in cui Lei aveva gli assi / e tutti i denari

NNÉ L SÒ

Nné l sò si è pe ’l vento liggero
che ntórno tragina i rimore
e quan che m’alìgia la carne
ntól fón de ’n silentsio ch’afoga
pianino me ciufla ’n soché
Nnél sò si è pe ’l vento che ttsòffia
che scólto ’l rispiro de ’l mónno
mischiè tta le ruzze cinine
opur tal suspir de ’n amore
o ncó ta ’n gran sùmmio svaprèto

Nnél sò si è pe ’l vento che mucce

NON LO SO. Non lo so se è per il vento leggero / che intorno trascina i rumori / e quando mi accarezza la pelle / nel fondo di un silenzio che affoga / pian piano mi sussurra un segreto / Non lo so se è per il vento che soffia / che ascolto il respiro del mondo / mescolato ai giochi di bambina / oppure al sospiro di un amore / o anche a un grande sogno svanito // Non lo so se è per il vento che fugge

SCÓLTA

Scólta ntól fón de ’n’ómbra
del vento tutt’i clore
ligia ntna coccia d’albro
’l tempo che c’è muccito
chiappa na girigiòla
che cià discurso ’n fiore
scupre ntól buj del bosco
le mulichìn dla luce
e ’l borbottè arcapéttsa
che ’n temporale à ditto

cussì tu sè na fojja su pe ’n rèmo

ASCOLTA. Ascolta nel fondo di un’ombra / tutti i colori del vento / accarezza su una corteccia d’albero / il tempo che c’è fuggito / afferra una coccinella / con cui ha parlato un fiore / scopri nel buio del bosco / le piccole briciole della luce / e il borbottare afferra / che un temporale ha detto // così tu sei una foglia su di un ramo

SCALINE

Sàjono lente
ji scaline ntól colle
che da millanne
’l chiàmeno del Sole
birate còme fùsson
’n organétto stirato
da le man de ’n sonatore
(o figurte sinnò
ventaje granne
merlétte ormò scordate
e nute pietra)

Poggiata su pi tétte
na lindiera
ncla tramontana
che cantsona i sùmmie

SCALETTE. Salgono lente / le scalette sul colle / che da secoli / chiamano del Sole / piegate come fossero / un organetto disteso / dalle mani di un suonatore / (o immagina se no / ventagli grandi / trine ormai dimenticate / e diventate pietra) // Appoggiata sui tetti / una ringhiera / con la tramontana / che si burla dei sogni

RISPIRO

’N muccì de tégole
tétte campanile
de tórre de torrétte
de camine…
(riscoste ’n qua e llà
orte e giardine)

E curre supra
’l vèrde di lichene
’l fiatón del tempo
ntón rispir del vento

RESPIRO. Un fuggire di tegole / tetti campanili / di torri di torrette / di comignoli… / (nascosti qua e là / orti e giardini) // E corre sopra il verde dei licheni / l’affanno del tempo / in un respiro del vento

ABONORA

Abonora
(quan sól che no scopino
camina nsù e ngiù
p’arcutinalla
e ntól grigio
dle pietre de la piattsa
bianca se sveja
la Fontana Granne)
davér davero
sta città del vento
deventa tutt’a ’n botto
sól che mia

AL MATTINO PRESTO. Al mattino presto / (quando solo uno spazzino / cammina su e giù / per farla bella / e nel grigio / delle pietre della piazza / bianca si sveglia / la Fontana Grande) / davvero / questa città del vento / diventa all’improvviso / solo mia

PAGNE STESE

Potrei dirti di quanti gradini sono le vie fatte a scale,
di che sesto gli archi dei porticati…
ma so già che sarebbe come non dirti nulla

Italo Calvino

Potrìa ditte quant’ènno…
còm’ènno…
tutt’i scalin
che sàjono sualto…

Potrìa arcontatte
de ’n palattso antico
di merlétte che fonno
le fenestre… de quante tórre
rubbàvon ’l turchino…

De tisto potrìa ditte
e de tant’altro
ntra che spulce
ntla pólvere di sèqule…

Ma pu l’acapiriste
i pagne stese
e l’ora che s’acenne
na fenestra…
le muffe ch’arispira
’l bórgo antico…
le sedie ’n fila
ntón vìgolo a discurre…
l’offrór dle torte
amanite per Pasqua…
’n gettlino strumpicciato
de linòrio…

PANNI STESI. Potrei dirti quante sono… / come sono… / tutte le scalette / che salgono in alto… // Potrei raccontarti / di un palazzo antico / dei merletti che disegnano / le finestre… di quante torri / rubavano l’azzurro… // Di questo potrei parlarti / e di tanto altro / mentre frughi / nella polvere dei secoli… // Ma poi li capiresti / i panni stesi / e l’ora in cui si illumina / una finestra… / le muffe che respira / il borgo antico… / le seggiole in fila / in un vicolo a discorrere… / l’odore delle torte / preparate per Pasqua… / un germoglio stropicciato / di alloro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...