Dialetto di Curinga (CZ)

2008_05_08_09_53_09_curinga_foto_c.cesareo2
Curinga (CZ). Foto C. Cesareo

Terrìbili è stu lùacu

Versione di Sebastiano Giampà 

De pèda vinni ccà. La manu ntinta,
ntâ conca de na petra d’acqua santa,
mi signa hrunti e si ricrija l’ànima.
Lu sccuru m’incupiscia ma rihriscca,
lu vrazzu cala mpìattu e ccora mbiscca.

E man’a manu chi hhurnu ’e parrara,
mi mìantu nzìastu e pigghiu a rihiatara,
lu sccuru e-la sagghiuta a mente tórnanu;
la cìnnara chi ntesta hu pojata
mi hiuhhia ca la vita è na passata.

Strihizzi nta na vurza nnumiduta,
pana e curtìaddu, nguscia ’e patuta,
na canna pe bbastuni e mi ripìantu:
chiantata stitta virdi e bardanzòsa,
mo mbutta, morta, passu senza pòsa.

Terrìbili è stu lùacu, ma ccà nchiana
la péddha malandata e chiddha sana.
Scbirgogna cui ccà vena a testa àvutta;
perduna e alleggia cui a-lu scindira
vasatu l’arcu, si ménta a ciangira.

Dinocchia juti e cu li rini rutti
li sccali l’aju de sagghjira tutti.
Tornatu all’acqua li campani sìantu:
de cora mi ricriju e tuttu scpiccia,
signatu d’acqua, cu ll’ùrtima guccia.

Come traduzione si riporta l’originale di Luigi Ianzano, preceduta dal testo di Terrìbbele è stu loche, in dialetto di San Marco in Lamis (FG):

Me tròue arrète cqua. La mana mbóssa
inde la prèta cava, e ll’acqua mossa
me ségna mbrónda e ggià ce scchina l’ànema.
La scurda appassuléja ma refréscca,
lu vracce cala mbétte e ggià m’amméscca.

A pòche a pòche abbèle lu parlà
e me chembónne e, fa’ pe rrihiatà,
te venne a mende scurda e capadàvete.
La cénnera pusata a cera vascia
me hiata ché lla vita è tterra róscia.

Duie cinge nde na bbórza gnummeduta,
pane e curtédde e sccame de patuta,
na ferla pe bbastone, e appenne l’òcchiera:
chiandata jèva vérda e maffijosa,
mo vvóssa nzalanuta e nón-ge pòsa.

Terrìbbele è stu loche, e porta ngima
còrie accrettate e hiore de calima,
sbrevógna chi sfreffódda e nón-ge ngólepa,
perdona e alleggerisce quanne ascigne
e uaasce l’arche, e a làcreme te signe.

Venócchie sfatte, e ll’ùtema fatija
rómbe li grine, e manghe jè bbuscıja.
E tórne all’acqua, e dói cambane ndòcchene
cu ffurnescıja mbétte. E ddò me spicce
cu nn’atu ségne, cu ll’ùteme squicce.

Terribilis est locus iste. Mi trovo di nuovo qui. La mano intinta / nella pietra cava, e l’acqua smossa / mi segna la fronte e già si delizia l’anima. / Il buio rattrista ma riporta freschezza, / il braccio cala sul petto e già mi prende. // Gradualmente soffoco le parole / e mi aggiusto e, fai per prendere fiato, / ti vengono in mente buio e salita. / La cenere posata sul capo chino / mi bisbiglia che la vita è terra argillosa. // Due stracci in uno zaino umido, / pane senza companatico e gemiti di patimento, / una ferula per bastone, e provo rimorso: / radicata al suolo era rigogliosa e spavalda, / ora spinge confusa e non ha posa.// Tremendo è questo luogo, e richiama su / pelli aggrinzite e fior fiore di vitalità, / umilia chi eccede e non si accusa, / perdona e allevia quando discendi / e baci la soglia, e a lacrime ti segni. // Ginocchio sfinito, e l’ultima fatica / spezza la schiena, e nemmeno è bugia. / E torno all’acqua, e due campane rintoccano / con entusiasmo nel petto. E qui mi libero / con un altro segno, con l’ultima goccia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...