Nino De Vita

Stagnone_di_Marsala
Stagnone di Marsala

Dialetto di Marsala (TP), Contrada Cutusìo

Nino De Vita è nato a Marsala nel 1950. Ha esordito con la raccolta di versi Fosse Chiti (Amadeus, Montebelluna, Treviso 1984). Dopodiché si è rivolto al dialetto, dando alle stampe con cadenza annuale (1991-1996) alcuni volumetti per gli amici, poi confluiti nelle opere: Cutusìu (Mesogea, Messina 2001), Cùntura (ivi 2003), Nnòmura (ivi 2005), Òmini (ivi 2011), Sulità (ivi 2017). Libri che gli hanno meritato numerosi e importanti riconoscimenti, come i premi “Cittadella”, “Salvo Basso”, “Bartolo Cattafi”, “Viareggio della Giuria”, “Alberto Moravia”, “Tarquinia-Cardarelli”, “Ignazio Buttitta”.
È anche autore di racconti per ragazzi: Il cacciatore (Orecchio Acerbo, Roma 2006), Il racconto del lombrico (ivi 2008), La casa sull’altura (ivi 2011).
Di lui sono uscite le antologie Il cielo sull’altura. Viaggio nella poesia di Nino De Vita, a cura di Anna De Simone (Circolo Culturale Menocchio, Montereale Valcellina, Pordenone 2013) e The Poetry of Nino De Vita (con testo inglese a fronte), a cura di Gaetano Cipolla (Legas, Mineola, New York 2014).

Si riportano alcune poesie con la traduzione dell’Autore. Il dialetto viene trascritto con qualche adattamento direttamente dalla voce del Poeta. (*)

MARTINU

Parlai râ luna.
Èramu una ricina,
’n terra, aggiuccati,
a ggiru, nnô jardinu.

Parlai r’u bbiancu
râ luna;
r’i màculi nnô bbiancu
râ luna; râ luci
chi scoppa ri nnâ luna.
Ascutàvanu a mmia
taliannu ’a luna.

Cc’era Martinu,
u picciriddhu ch’avìa
l’occhi astutati, nzèmmula
cu nniathri:
stava cu ’a testa calata,
i manu ncapu l’erva
chi spuntava.

Parlai râ luna,
tunna e a ffàuci;
râ meZZaluna;
r’u jocu râ luna
chi s’ammuccia nnê nèvuli
e ss’affaccia…
E a ccorpu Martinu
mi firmau.
«È bbeddha»
rissi «’a luna!».
 

MARTINO. Parlai della luna. / Eravamo una diecina, / per terra, accovacciati, / a giro, nel giardino. // Parlai del bianco / della luna; / delle macchie nel bianco / della luna; della luce / che viene dalla luna. / Ascoltavano me / guardando la luna. // C’era Martino, il bambino che aveva / gli occhi spenti, insieme / a noi: / stava a testa bassa, / le mani sull’erba / appena nata. // Parlai della luna, / tonda e a falce; / della mezzaluna; / del gioco della luna / che si nasconde fra le nuvole / e riaffaccia… / E all’improvviso Martino / m’interruppe. // «È bella» / disse «la luna!».

I LIBBRA

I libbra stannu fermi
ma rinthra hannu una vita
ch’i macina: cci sunnu
i cincheddha, i sbintati, i luparini;
i torti, i macanzisi;
alivoti cci sunnu ’i nannalàu,
i scarafuna, l’òmini squaquègnari,
i ngaZZati, l’eroi;
cci su’ nzivati tinti
nne cantunera bbianchi
ri fogghji, cc’è u silenziu,
cci su’ ncuttumi, i tuppulìi ru cori…

I libbra stannu suli, comu chiddhi
chi sunnu dispizziati, langariati,
scthritti nnê ligna, muti:
l’ùmidu i puntiddhìa,
nnê vasciura scurusi, allippatizzi
ri muffa.

I libbra cci hannu ’a firi,
i palori chi ssàrvanu.
Fannu pinzari, chiànciri,
nni fannu scaccaniari;
amici ncuddhuriati
ri chiddhi nfarinati, i sularini.

Hannu tristizzi i libbra
ch’unn’i putemu fari
scenti,
ddulura linzittiusi.
Gnunìanu trisora, l’allisciati
ri chiddhu chi, ccalatu
a ppinzari, a nchiappari
nne fogghji, sapi chi
cci sunnu.

I LIBRI. I libri stanno fermi/ ma dentro hanno una vita/ intensa: ci sono/ gli scapestrati, i libertini, i chiusi di carattere;/ i malvagi, i traditori;/ a volte ci sono gli stupidi,/ gli ingordi, gli uomini miseri,/ gli amanti, gli eroi;/ ci sono paure indicibili/ negli spazi bianchi/ dei fogli, c’è il silenzio,/ ci sono pene, i palpiti del cuore…// I libri stanno soli, come quelli/ che sono maltrattati, che vivono un sopruso,/ ristretti nei ripiani, muti:/ l’umido li macchia,/ nei posti bassi, oscuri, sporchi/ di muffa.// I libri hanno la fede,/ le parole che salvano./ Fanno pensare, piangere,/ ci fanno sbellicare dalle risa;/ amici intimi sono/ dei sapienti, dei solitari.// Hanno tristezze i libri/ che non possiamo/ capire,/ dolori laceranti./ Nascondono tesori, le carezze/ dell’uomo che chinato/ a pensare, a scrivere/ sui fogli, sa che/ ci sono.

ORONZIU

I

’Un cc’era ossu chi ffacissi i cosi
chi nn’all’òmini fannu
l’ossa.

L’ossa chi sunnu
nnê cianchi, nnâ casciata
ru pettu, nnâ catina
ru coddhu avìa sturciuti,
i peri nturciuniati.
Si nn’ija un vrazzu, stortu,
ru ciancu pi nnâ rrhini;
l’àvutru u stinnigghiava
ma picca nnê bbuttuna
ra màchina; e cc’un gnìritu, stirannu
i nervi, tutti i nervi
râ catina, stintannu
cu ’a testa, spiZZiniannu
cu ll’occhi arriniscìa
a mmaccàrini unu;
scrìviri, nnâ jurnata, una puisìa,
una litthra.

Puru l’ossa râ facci
èrano storti, cci
niscìanu nzurri ddhi
palori.
Si muvìa
nnâ seggia comu avissi
a ccàriri.
’A mathri cci attaccava
i ’ammi.

ORONZO. I. Non c’era osso che facesse le cose/ che negli uomini fanno/ le ossa.// Le ossa che sono/ nel bacino, nella gabbia/ del petto, nella catena/ del collo aveva storte,/ i piedi attorcigliati./ Andava un braccio, storto,/ dal fianco sulla schiena;/ l’altro lo distendeva/ ma di poco sui tasti/ della macchina; e con un dito, stirando/ i nervi, tutti i nervi/ del collo, storcendo/ la testa, facendo strabici/ gli occhi riusciva/ ad ammaccarne uno;/ a scrivere, in quel giorno, una poesia,/ una lettera.// Pure le ossa della faccia/ erano storte,/ uscivano stentate le/ parole./ Si muoveva/ nella sedia e sembrava dovesse/ cadere./ La madre gli legava/ le gambe.

II

“U sai qual’èsti ’a cosa
ch’addisìu?” mi spiau
una rî primi voti
chi gghjivi nn’iddhu pi
ncunthrallu.
M’u rissi chi rrirìa.
“E comu fazzu p’abbisari, Oronziu”.
“Penzi chi vogghiu un postu ’n Paraddisu?”
Eu retti un’abbuZZata.
“È vveru. Ma su’ ccosi
chissi ri ddoppu. Niatri
cci avemu ’a stissa età,
un corpu avemu, Ninu,
chinu ri ddisiddèri…”
Mi sintìa mmastardutu.
Quarchi ccosa vulìa
eu riri e ’unn’u sapìa.
“Stai pinzannu chi gghiéu addisìu una fìmmina?”
“U penzu, sì” cci rissi.
“E ppuru chissu è vveru. Ma pi mmegghiu
riri, si mi capisci,
spinnu l’amuri ru
’na fìmmina. Ma tu
penza a cquarchi atra cosa”.
E soccu avìa a ppinzari.
’A timenza cci avìa
ri sgarrari, e ’un putìa.
Iddhu si misi a rrìriri,
rrìriri a scialacori.
Appuntiddhava
mmacanti i peri, si
sturcìa pi ncapu un latu
scaccaniannu, abbattìa
’a testa, ZZichittiava…
Unu parìa
chi sta scattannu ri
peu.
Ddoppu s’abbunazzau,
suratu.
“Amicu meu,
scantu tu cci hai” mi rissi
“ri riri quarchi ccosa chi mi pò
struppiari…”
“È ddaccussì, Oronziu”
eu fici, esu esu.
“Ti vegnu ô ncontru, annunca. Èsti una cosa
chi tu ogni gghiornu fai,
chi fai quann’è chi vveni
a ttruvàrimi…”
“Caminari!” eu fici ri
nzùbbitu.
Oronziu arricialàu.
Abbannunàu ’a testa,
ciatannu, araciu si
calau ’i vavareddhi.

II. “Sai quel’è la cosa che più/ desidero?” mi domandò/ una delle prime volte/ che andai da lui a/ trovarlo./ Me lo disse che rideva./ “E come faccio a indovinare, Oronzo”./ “Pensi che voglio un posto in Paradiso?”/ Io feci sì, con la testa./ “È vero. Ma sono cose/ queste di dopo. Noi/ abbiamo la stessa età,/ un corpo abbiamo, Nino,/ pieno di desideri…”/ Io ero imbarazzato./ Qualche cosa volevo/ dire e non sapevo./ “Tu pensi che desidero una donna?”/ “Lo penso, sì” gli dissi./ “E pure questo è vero. Ma per meglio/ dire, se mi capisci,/ desidero l’amore di/ una donna. Ma tu/ pensa a qualche altra cosa”./ E che potevo pensare./ Il timore avevo/ di sbagliare, e non potevo./ Lui si mise a ridere,/ ridere di cuore./ Puntellava/ nel vuoto i piedi, si/ storceva su di un lato/ ridendo forte, dibatteva/ la testa, stirava il corpo…/ Uno sembrava/ che sta scoppiando di/ gioia./ Dopo si quietò,/ sudato./ “Amico mio,/ paura hai” mi disse/ “di dire qualche cosa che mi può/ ferire…”/ “È così, Oronzo”/ io feci, sollevato./ “Ti aiuto io, allora. È una cosa/ che tu ogni giorno fai,/ che fai quand’è che vieni/ a trovarmi…”/ “Camminare!” io pronunciai/ immediatamente./ Oronzo sospirò./ Abbandonò la testa,/ respirando, piano abbassò/ le palpebre.

DOMMIANU

Mi pathruniava ’a fami
e ccircavu a mme’ matri,
rrunguliusu; o vinìa
iddha a ttruvari a mmia,
cu ’na feddha ri pani
’n manu. Sempri una feddha
ri pani. “Teccà, mancia”.
Cci addumannai una vota tanticchieddha
ri cosa, chi nni sacciu,
r’accumpagnari ô pani,
pi ccalàrimi megghiu;
si nn’iju, s’arricampau
cu ’na scthriscia, una sganga,
ri muddhica. Mi rissi,
puennumilla “Teccà, è u cumpanaggiu.
È ttumazzu, bbiscusu,
tènnaru comu ’a tumma”
U taliai, u firriai.
Era comu ’a muddhica.
Ma me’ matri m’avìa
rittu ch’era tumazzu,
e gghiéu accumpagnai
u pani cu ’a muddhica.
Muzzicavu
u pani e ppizzuliavu
u tumazzu.
Me’ matri mi taliava.
Rissi “Màncialu a ppicca
a ppicca, vasinnò,
h’a ssèntiri, t’accabba,
t’arresta sulu u pani”.
E gghiéu accussìa fici.
Ogni vvota accussì
facìa.
Ravu una muzzicata
nnô pani e pizzuliavu,
ma a ppicca, u cumpanaggiu.
Una vota finìu pi pprimu u pani
e ’a chiamai. “Mi finìu
u pani, o ma’, finìu”
nnamentri chi ttinìa
nnâ punta ri iriteddha
ddha nnicchia ri tumazzu.
Iddha vinni e ppurtau
n’athra feddha ri pani,
cchiù nziccuta “Chi cci hai
’a lupa?” mi spiau.
N’atra vota pi pprimu mi finìu
u tumazzu, arristai
cu ttanticchia ri pani
’n manu. Chiamai “O ma’,
finìu u cumpanaggiu”.
Chiamai e ss’arrabbiau,
vinni nni mia cu ’a facci sbambuliata.
“Ti rissi, Dommianu, ri manciari
u cumpanaggiu a ppicca
a ppicca”.
Si nn’iju. S’arricampau
cu ttantu ri muddhica
ri pani e mm’u puìu.
Una vota cci rissi “O ma’, mi pari
chi stu tumazzu chi
mi runi cci avi u stissu
sapuri ra muddhica
ru pani”.
Mi rissi “Ma chi ddici,
’unni l’h’a ddiri cchiù,
tu mancu l’h’a ppinzari,
Dommianu, tu m’h’a ccrìriri,
m’h’a ccrìriri Dommianu”
e, u vitti, cci nisceru
i làcrimi ri l’occhi.

Vinìa nni mia cu ’na feddha ri pani
nno ’na manu e ’a muddhica
nnê ìrita ri l’àvuthra
manu. “Teccà” e ppuìa.
Pi pprima u pani, ddoppu
u tumazzu.

DAMIANO. Mi prendeva la fame/ e cercavo mia madre,/ lamentoso; o veniva/ lei a trovare me,/ con una fetta di pane/ in mano. Sempre una fetta/ di pane. “Tieni, mangia”./ Le domandai una volta un pochetto/ di cosa, che so,/ da accompagnare al pane,/ per scendere meglio;/ se ne andò, tornò/ con una striscia, un pezzetto,/ di mollica. Mi disse/ porgendolo “Tieni, è il companatico./ È formaggio, spugnoso,/ morbido come la tuma”./ Lo guardai, lo girai./ Era simile alla mollica./ Ma mia madre mi aveva/ detto che era formaggio,/ e io accompagnai/ il pane alla mollica./ Mordevo/ il pane e pizzicavo/ il formaggio./ Mia madre mi guardava./ Disse “Mangialo a poco/ a poco, se no,/ io ti avverto, finisce,/ ti resta solo il pane”./ E io così feci./ Ogni volta così/ facevo./ Davo un morso/ al pane e pizzicavo,/ ma poco poco, il companatico./ Una volta finì per prima il pane/ e la chiamai “ Mi è finito/ il pane, o ma’, è finito”/ mentre tenevo/ nella punta dei ditini/ quel poco di formaggio./ Lei venne e portò/ un’altra fetta di pane,/ più sottile “E che sei/ affamato?” disse./ Un’altra volta per prima finì/ il formaggio, rimasi/ con un poco di pane/ in mano. Chiamai “O ma’,/ è finito il companatico”./ Chiamai e si arrabbiò,/ venne da me con la faccia accalorata./ “Ti ho detto, Damiano, di mangiare/ il companatico a poco/ a poco”./ Se ne andò. Ritornò/ con un tantino di mollica/ di pane e me lo porse./ Una volta le dissi “O mà, a me sembra/ che questo formaggio che/ mi dai ha lo stesso/ sapore della mollica/ del pane”./ Mi disse “Ma che dici,/ non devi dirlo più,/ tu neanche lo devi pensare,/ Damiano, tu mi devi credere,/ mi devi credere Damiano”/ e, lo vidi, le uscirono/ le lacrime dagli occhi.// Veniva da me con una fetta di pane/ in una mano e la mollica/ nelle dita dell’altra/ mano. “Tieni” e me li porgeva./ Per prima il pane, dopo/ il formaggio.

U LICCASAPUNI

Misu rinthra ê sacchetti
râ bbunaca, ri càvusi,
ngagghiatu nnâ currhìa,
purtava cu iddhu, sempri, e pprontu all’usu
una speci ri licca-
sapuni.

E u sapìanu tutti,
nnamenthri caminava
pumatusu p’i strati o sbarrachiava
cu ’na pirata ’a porta
ru cìrculu e tthrasìa
taliannu cu ll’ucchiazzi
storti.

Unn-ammazzau mai
a nnuddhu nnâ so’ vita,
nné ffici mai scantari un picciriddhu.
Sulu una vota, menthri chi purtàvanu
a sSalunardu nnô
furguni, ’n pithrissioni,
si cci chiantau ddà ncostu
pi ddifènnilu e vvinni alluntanatu.

Morsi a ssessantun’annu,
muzzicatu ri l’api.

I frevi s’u manciaru pi tthri gghiorna.

’A matina ru quartu
jornu, so’ soru Pippa,
chi l’assistìa, cunzau
u lettu.

U stinnigghiaru,
vistutu e ssenza scarpi.

Pippa si l’allisciau,
cci assistimau ô rinthra
ra sacchitteddha u licca-
sapuni e ss’assittau
a cchiànciri.

IL COLTELLACCIO. Serbato nelle tasche/ della giacca, dei pantaloni,/ infilato sotto la cintura,/ portava con lui, sempre, e pronto all’uso/ un coltellaccio/ a scatto.// E lo sapevano tutti,/ mentre camminava/ smargiasso per le strade o apriva/ con un calcio la porta/ del circolo ed entrava/ guardando con gli occhi/ torbidi.// Non ammazzò mai/ nessuno nella sua vita,/ né mise mai paura ad un bambino./ Solo una volta, mentre/ portavano San/ Leonardo in processione,/ gli si piantò accanto/ per difenderlo e venne allontanato.// Morì a sessantun’anni,/ assalito dalle api.// Le febbri se lo mangiarono per tre giorni.// La mattina del quarto/ giorno, sua sorella Giuseppa,/ che l’assisteva, preparò/ il letto.// Lo distesero,/ con il vestito nuovo e senza scarpe.// Giuseppa lo accarezzò,/ gli sistemò nel taschino/ del gilè il coltellaccio/ a scatto e sedette/ a piangere.

________

(*) La -c(i)- intervocalica semplice suona come nel toscano bacio. 

Dialetto di Curinga (CZ)

2008_05_08_09_53_09_curinga_foto_c.cesareo2
Curinga (CZ). Foto C. Cesareo

Terrìbili è stu lùacu

Versione di Sebastiano Giampà  Continua a leggere “Dialetto di Curinga (CZ)”

Grafia del Centro-Sud

QUADRO SINOTTICO

La grafia è quella dell’italiano, così integrata:

a         aperto (it. ago), in sillaba libera di parola piana può avere una pronuncia alterata, che può essere scritta (päne, chëne ‘cane’, patâne ‘patata’) o descritta in nota.

ä         a che tende a e.*

â         a che tende a o.*

e (ë)   suono breve e indistinto (fr. pauvre) nell’Alto Meridione (pugl. pertuse [pərtu:sə] buco’, Vieste FG pene [pə:nə] ‘pane’*), ma non in sillaba chiusa di parola senza accento, dove la vocale s’intende tonica e aperta (pugl. pedde [pèddə] ‘pelle’).

In -ue e ­je/-ie finale preceduto da vocale tonica non fa sillaba (pugl. óue [o:w] ‘dove’, ije [i:j] ‘io’, nuie [nu:j] ‘noi). In caso contrario si usa la dieresi (la sòüe [la sò:wə] ‘sua’, nùïe [nu:jə] ‘noi’).

Quando è tonico, in luogo dell’accento si usa la dieresi (Matera amëcere ‘amici’) o l’apostrofo (Bugnara AQ lu paése me’ ‘il paese mio’).

é          chiuso (it. sera).

è          aperto (it. festa).

ê          molto aperto, tendente ad a (stêlle ‘stella’ si pronuncia quasi come ‘stalla’).

o         tonico, aperto in sillaba chiusa (forte [fòrte], pugl. coute [cò:utə] ‘coda’), chiuso in sillaba aperta (core [co:rə] ‘cuore’).

ó         chiuso (it. sole).

ò         aperto (it. notte).

ô         molto aperto, tendente ad a (môrte ‘morta’ si pronuncia quasi come ‘Marte’).

ö         o che tende a e (söle ‘sole’).*

i (ì)     spesso aperto, in sillaba libera di parola piana (nite, matine) può indicare un suono alterato, che può essere scritto (néite, nëite, nöite, nòite) o descritto in nota.

î          molto aperto, quasi é.

í          monottongo derivante da íe (cíle < cíele ‘cielo’, vínde < víende ‘vento’).

ï          i che tende a u (simile alla u franc. di mur ‘muro’).*

u (ù) spesso aperto, in sillaba libera di parola piana (pupe, cannarute) può presentare una pronuncia alterata, che può essere scritta (pöupe, pìupe) o descritta in nota.

û         molto aperto, quasi ó.

ú         monottongo derivante da úo (fúche < fúeche < fúoche ‘fuoco’).

ü         u che tende a i (u francese di mur ‘muro’).*

b         iniziale rafforzato in parte del Centro e in tutto il Meridione (bbelle).*

c’         c dell’it. cinque (usato a fine parola).

ch       k(a,o,u)+h (aspirato) (u chane ‘il cane’).*

d-        variante debole (Carpino FG d-inde ‘denti’).*

dh      retroflesso (Lecce staddha ‘stalla’, Petrizzi CZ cavadhu ‘cavallo’).

fh        f che tende ad h (Gezzeria CZ alla fhina ‘alla fine’).

g-        variante debole (Lucera G u g-alle ‘il gallo’).*

g(i)     iniziale rafforzato come b (vedi).*

g’         g dell’it. giro (usato a fine parola).

gh       gh(a,o,u)+h (Fossalto CB ghalline ‘gallina’).*

ghl     gl di glicine (Peschici FG anghliste ‘lombrico’).

j          (iniziale o intervocalico) semiconsonante (it. juta).

h         fricativa velare [x] o laringale sorda [h] (Sicilia hamiari ‘riscaldare il forno’). Limitata al verbo avere, è un puro segno grafico.

hi        [ç] (ch del ted. ich) (mol. hiume ‘fiume’, Vibo Valentia hiuhhiari ‘soffiare’).

lj         gli (it. figlio) ma di grado tenue (Bugnara AQ filje ‘filo’).

nj        gn (it. ragno [rañño]) ma di grado tenue (salentino calunja [kaluña] ‘calunnia’).

nn-     suono velare (Celle di San Vito FG ténn- ‘tempo’, sic. sann-u ‘sangue’).

ph      p+h (aspirato) (Locri RC camphu ‘campo’).*

s         sordo (it. sordo) tranne nei nessi automatici (sb, sg ecc.).

s-        sordo (garg. s-ruuiZZie ‘servizio’), usato solo davanti a r.

S         interno sonoro (Pescasseroli AQ méSa ‘mezza’, Faeto FG nSuónne ‘in sogno’,  Amendolara CS u -Sale ‘il sale’, ’a -Sira ‘la sera’, San Fratello ME nèS ‘naso’).

sc        (davanti a consonante) š del nap. šcala (pugl. sckume o sccume ‘schiuma’, abr. e mol. sctelle ‘stella’, camp. suscpire ‘sospiro’).

scj, SC(i), e sc(e) dopo dittongo o vocale lunga,    come nel nap. busciardo (pugl. scjucà ‘giocare’, SCeniisce ‘cinigia’).**

sg(i)   come la g(i) del toscano agile. In parole che suonano come ‘dis-giungere’ si userà il trattino.

th        t+h (aspirato) (Locri RC venthu ‘vento’).*

thr      cacuminale (sic. quatthru ‘quattro’).

ts        suono di zeta sordo, come nell’it. canzone (Perugia melantsana). È utile soprattutto in quelle aree dell’Alto Meridione dove non si ha sonorizzazione dopo n (Montecalvo Irpino AV pruvvedentsa).*

z          sordo (garganico meridionale tra zappe e zappe [tra tsappə e ttsappə] ‘tra zappa e zappa’), tranne dopo nell’Alto Meridione, dove in genere si pronuncia come nell’it. pranzo (abr. mol. camp. pugl. luc. cosent. penzà ‘pensare’*).

Z          interno sonoro: Melissano BR Zucufàu ‘rigogolo’, Guardiagrele CH méZe [medzə] ‘mezzo’, pugl. jarZone [jardzo:nə] ‘garzone’, aleZà alZà ‘alzare’, meZZe [mèddzə] ‘metà’, ZZinghe ‘zinco’, Galàtone LE ZZùccaru nZùccaru ‘zucchero’.

La parola non accentata s’intende piana.

         L’avv. non in caso di aferesi si lega alla parola seguente (sic. n-passari ‘non passare’, nn-èssiri ‘non essere’), in caso di lenizione-sonorizzazione anche in assenza di aferesi (pugl. nen-déne o n-déne ‘non tiene’, nem-bote o m-bote ‘non può’, nen-zépe o n-zépe ‘non sa’).

           L’art. femminile ’a ‘la’ vuole l’apostrofo, le preposizioni articolate l’accento circonflesso (dâ casa ‘dalla / della casa’).

Il raddoppiamento iniziale può essere sottinteso solo dopo la prep. “a” e dopo la congz. “e” (a tè e [a ttè e mmè]), ma non nell’articolo, che, se non rafforzato, è unito da un trattino (a-la ‘alla’, e-le ‘e le’), non necessario dove il rafforzamento sintattico è sconosciuto (come a Perugia).

Il raddoppiamento dovuto ad altre parole è sempre scritto (pe mmè, cchiù ssótte, li ssore ‘le sorelle’).

__________

* Le vocali alterate solo in sillaba libera di parola piana (ä, â, ë, ï, ö, ü ecc.) si possono scrivere come in italiano (a, a, e, i, o,ecc.), purché lo si dica in una nota. Altrettanto vale per gli allofoni delle consonanti (bb, ch, d-, g-, gg(i), gh, ph, th, nts/nZ ecc.).

** Qualora -c(i)- intervocalico semplice suoni sempre come nel toscano bacio, basta dirlo in una nota.

__________

Per leggere o scaricare il manuale completo, clicca su Scrivere la lingua madre