Eugenio Cirese

Dialetto di Fossalto (CB)

 

Fossalto - La Pagliara Maje Maje
Fossalto (Molise) · La Pagliara Maje Maje

 

Eugenio Cirese

(Fossalto 1884 – Rieti 1955)

 
Serenatella
 
Jè nottë e·jjè serénë
déndr’a ru còre e ngíele.
Le štelle
fermate
vecine,
a·ccócchia a·ccócchia
o sole,
com’a pecurêllë
štiènne pasciênne
l’aria de notte
míez’a ru cuåmbe
senza rocchie
e·ssenza fine.

Spónda la luna
e parë lu paštore
che huårda e·ccónda
la mandra sparpagliata,
e·zz’assecura
che·nnescjuna
ze spêrde
míez’a ru verde.
Canda nu rascjagnúole
la letanìa d’amore
déndr’a na fratta.
Canda pe·ttê
che viglië, bella,
e síendë
la serenata
déndr’a la štanza
arešchiarata.

Ne nd’addurmì, dulcézza,
véglia fine a demanë,
e·ppenza a·mmê che štonghe
a·rrepenzà lundane,
e huårde
la luna gghianga
che·tt’accarézza
e parë che·tt’arrênne
redênne
ru vasce che të donghe.
 
Serenatella. È notte ed è sereno dentro nel cuore e in cielo. Le stelle vicine, a coppie o sole, come le pecorelle stanno pascendo l’aria di notte in mezzo al campo senza cespugli e senza fine. Spunta la luna e pare il pastore che guarda e conta la mandria sparpagliata, e si assicura che nessuna si perda in mezzo all’erba. Canta un usignolo la litania d’amore dentro a una fratta. Canta per te che vegli, bella, e senti la serenata dentro la stanza rischiarata. Non t’addormire, dolcezza, veglia fino a domani, e pensa a me che sono a ripensarti lontano, e guardo la luna bianca che t’accarezza e pare che ti renda ridendo i miei baci.

 
 
Canzunetta

Tu vié’ a la fónda
le piénne a·llavà,
l’amore t’affrónda
t’ajuta a sciacquå´.
La spara cumbónne
la tina te pónne.

Tu vié’ a ru vosche
la légna a·ffascià,
l’amore canósche
che vênë a·ttaglià.
La spara cumbónne
ru fascie te pónne.

Tu vié’ a la vigna
ca vú’ velegnà,
l’amore la pigna
t’ajuta a·ttaglià.
La spara cumbónne
la céšta te pónne.

Tu vié’ a ru líette
ca vú’ repusà,
l’amore a despíettë
pe·fforza vò ndrà.
Ru líette accumbónne
la tréccia scumbónne.

Canzonetta. Tu vai alla fonte i panni a lavare, l’amore ti viene incontro t’aiuta a sciacquare. Il cercine compone, la tinozza in testa ti pone. Tu vai ai boschi la legna ad ammucchiare, l’amore conosco che viene a tagliare. Il cercine compone, il fascio in testa ti pone. Tu vai alla vigna, che vuoi vendemmiare, l’amore il grappolo t’aiuta a tagliare. Il cercine compone, la cesta in testa ti pone. Tu vai nel letto, che vuoi riposare, l’amore per dispetto a forza vuole entrare. Il letto compone, la treccia scompone.

 
Repose
 
Forse che·ll’òme appéna z’è ’ssupite
dope la fatejata de ru júerne,
lassa ndêrra lu cúerpe appesandite
e zë va a méttë ngíele
pe gode lu repose
a lumë de le štelle.

Ru vendaríelle
pare che·tt’areporta lu respire
e lu Befíerne
arrima le paròle
e·ffa sendì lu cande de lu súenne.
Nu rascjagnúele,
da chi sa ddó, respónne.

Riposo. Forse che l’uomo appena si è assopito, dopo la fatica del giorno, lascia in terra il corpo appesantito, e si va a mettere in cielo per godere il riposo alla luce delle stelle. Il venticello pare che ne riporti il respiro, e il Biferno rima le parole e fa sentire il canto del sonno. Un usignolo, chissà da dove, risponde.
_________

Testi di riferimento in Mario Dell’Arco e Pier Paolo Pasolini (a cura di), Poesia dialettale del Novecento, pref. di Giovanni Tesio, Torino, Einaudi, 1995, pp. 99-101. Trascrizione con adattamenti. Voci: Domenichina Piedimonte e Vincenza Cornacchione.

Annunci

Giuseppe Rosato, Il mare — incroci on line

Giuseppe Rosato, IL MARE Di Felice, Martinsicuro (Te) 2016 di Sergio D’Amaro Giuseppe Rosato, in tanti anni di operosa attività poetica (sia in lingua che in dialetto), ci ha abituati al suo passo di esperto viandante esistenziale. Sappiamo che quando smette la sua penna satirica, si fa coinvolgere completamente in un’altra dimensione, fatta […]

via Giuseppe Rosato, Il mare — incroci on line

Traduci la favola e manda il tuo video!

Il vento e il sole (Esopo)

Un giorno il vento e il sole cominciarono a litigare.
Il vento sosteneva di essere il più forte e a sua volta il sole diceva di essere la forza più grande della terra.
Alla fine decisero di fare una prova.
Videro un viandante che stava camminando lungo un sentiero e decisero che il più forte di loro sarebbe stato colui che sarebbe riuscito a togliergli i vestiti.
Il vento, così, si mise all’opera: cominciò a soffiare, e soffiare, ma il risultato fu che il viandante si avvolgeva sempre più nel mantello.
Il vento allora soffiò con più forza, e l’uomo chinando la testa si avvolse un sciarpa intorno al collo.
Fu quindi la volta del sole, che cacciando via le nubi, cominciò a splendere tiepidamente.
L’uomo che era arrivato nelle prossimità di un ponte, cominciò piano piano a togliersi il mantello.
Il sole molto soddisfatto intensificò il calore dei suoi raggi, fino a farli diventare incandescenti.
L’uomo rosso per il gran caldo, guardò le acque del fiume e senza esitare si tuffò.
Il sole alto nel cielo rideva e rideva.

Il vento deluso e vinto si nascose in un luogo lontano.

 

Traduci la favola e manda il tuo video!

Nel vecchio Regno di Napoli – Abruzzo, Molise, Lucania, Puglia centro-settentrionale, Calabria settentrionale, e aree limitrofe con la cosiddetta “e muta” – si parlano i Dialetti Alto-Meridionali (DAM) o «lingua napoletana» (UNESCO), che è la seconda lingua d’Italia.

Se sei dell’area, manda a f.granatiero@libero.it la tua traduzione in dialetto (che verrà usata per i sottotitoli) e un video (non verticale) con un buon audio e le indicazioni di Comune e Provincia.

Scrivi il dialetto come ti viene, senza preoccuparti. Con la guida dell’audio verrà poi integrato, adattato al video e pubblicato su YouTube, in Poesia e dialetti e sulla pagina Facebook I Dialetti Alto-Meridionali. Si possono inviare anche delle foto del luogo con cui sostituire in parte o in tutto la ripresa della propria immagine.

Dialetto di Foggia

U vínde e u söle

Versione di Gianni Ruggiero

Nu júrne vínde e·ssöle attaccàrene a·ffà quéstiòne.

L’une e·ll’ate s’avandàvene d’èsse sòpe a tèrre u cchiù fortë.

Accussì se mettèrene d’accorde e facìrenë na sfide. E vedenne nu puverílle ca jéve venenne pe nu tratture, facìrene nu patte: u prime che u fëce levà da ngúlle i panne, vénge.

Continua a leggere “Dialetto di Foggia”

Dialetto di San Marco in Lamis (FG)

Lu uénde e·llu sole

Versione di Luigi Ianzano

Nu jurne, lu uénde e·llu sole abbìjene a·lletecà: lu uénde ce créde cchiù fortë e allu sole li fa ciche ciche: jè gghjisse, a·llu munne, lu cchiù fermë.

Ah mbè, ce danne la ndésa. Pustéjene nu rumèie allu tratture e strégnene li dénde: chi jè bone a scuffelà a·cquidd’òme li panne da ngódde, còse ce sònne, ségne jè cché quiddë secure è cchiù dë férrë.

Continua a leggere “Dialetto di San Marco in Lamis (FG)”

Dialetto di Mola di Bari (BA)

U vínde e u såule

Versione di Antonio Palumbo

Na dîje u vínde e u såule accumenzèrene a·ffé léite.
U vínde deciave de jésse u cchiù fórtë, mbésce u såule deciave ca jave jîdde a forze cchiù granne d’a terre.
Alla féine, decedèrene de fà na prove.
Vederne jöune che scjave camenanne lúnghe a·nnu sendíere, e decedèrene ca u cchiù fórtë de llori ddoie, ava jèsse códe c’avâ rejèscie a leuàrenge i·rrobbe da nguèdde. Continua a leggere “Dialetto di Mola di Bari (BA)”

La «lingua napoletana»

Traduci la favola di Esopo e manda il tuo video! 

U uínde e u sòule
(dialetto di Mattinata – FG)

Nu júrne u uínde e u sòule accumenzèrene a·lleteché.
U uínde decèive de jesse lu cchiù fortë e allòure u sòule decèive ca jére jisse la forza cchiù jerosse de la terre.
Alla fine decedèrene de fé na prove.  Continua a leggere “La «lingua napoletana»”