Dialetto di Noci (Ba)

Noci (Ba) Torre dell'Oorologio (foto di Michele Zaccaria)
Noci (Ba) Torre dell’Orologio (foto di Michele Zaccaria)

PROVERBI

’A bus¢ì fus¢e a galóppe, ’a veretè vè zóppe.
La bugia fugge a galoppo, la verità zoppica.

’A chèpe, i file tâ fàs¢ene azè, i file tâ fàs¢ene abbascè.
La testa, i figli te la fanno alzare, i figli te la fanno abbassare.

’A figghie inde all’igghie, ’a nore addafore.
La figlia nel fianco, la nuora fuori.

’A gaddine fès¢e l’uéve e ô guardidde nge juscke u cule.
La gallina fa l’uovo e al gallo gli brucia il culo.

Alze i pite ca u sòle cos¢e.
Affrettati ché il sole scotta.

Assuquè u muère câ cózze
Asciugare il mare con una valva di cozza.

Ce buéne vué’ stè, mange picche e bive assè.
Se bene vuoi stare, mangia poco e bevi assai.

Ce vué’ l’acque, fatte u puzze.
Se vuoi l’acqua, scavati il pozzo.

L’acque ca nan ho fatte ngile stè.
L’acqua che non è caduta in cielo sta.

L’ànema maje scrésce acquanne u sòle crésce
L’anima mia decresce quando il sole cresce.

N’attène cambe cinde file, cinde file na’ ccàmbene n’attène.
Un padre sfama cento figli, cento figli non sfamano un padre.

Nange more u saracòne ce nange nasce u sciambagnòne.
Non muore l’avaro se non nasce lo scialacquatore.

Na’ scì sckutuénne ngile ca mbacce te vene.
Non sputare in cielo che (lo sputo) ti viene in faccia.

Quanne vè bune u spedetèle nge vè ngule ô specèle.
Quando il culo scorreggia gli va in culo allo speziale.

U puassaridde pisce u litte e u cule jève mazzète.
L’uccello piscia il letto e il culo ha le mazzate.

_______

Tratti, con adattamenti (Scrivere il dialetto), da Mario Gabriele & Giovanni Laera, Appendice al “Dizionario etimologico del dialetto di Noci”, Edizioni Cooperative Meridies, Noci (Ba) 2014

Annunci