L’accento

Nei dialetti alto-meridionali l’accento tonico è obbligatorio sulle parole tronche, sdrucciole e bisdrucciole: accussì, pàppele, scàpulene. Continua a leggere “L’accento”

Annunci

Il suono [š]

Nei dialetti alto-meridionali (DAM) sci  suona

[šš] nelle parole accentate: sciacquà [ššakkwà] ‘sciacquare’, casciòune [kaššòun∂] ‘cassone’, sfascé [sfaššé] ‘sfasciare’, strùscele [strùšš∂l∂] ‘ciabatte’, ascì [aššì] ‘uscire’,  crescènde [kreššènd∂] ‘lievito’, vàsce [vàšš∂] ‘basso’, capìsce [kapìšš∂] ‘capisce’, strìsce [strìšš∂] ‘striscia’, canòsce [kanòšš∂] ‘conoscere’, pésce [péšš∂] ‘pesce’, frùsce [frušš∂] ‘foglie secche’, gràsce [gràšš∂] ‘grascia’, pugl. nesciùne ‘nessuno’, cä’sce [käšš∂] ‘cassa’;

[š] nelle parole non accentate:  busciarde  [bbušard∂] ‘bugiardo’, sciunghe ‘giunco’, stascione ‘estate’, scenestre [š∂nèstr∂] ‘ginestra’, stascedde [stašèdd∂] ‘mazza’, mascije [maši:j] ‘magia’, vasce [và:š∂] ‘bacio’,  vulisce [vulì:š∂] ‘voglia’, josce [jó:š∂] ‘oggi’, mureisce  [murèjš∂] ‘ombra’, sci [ši] ‘andare’, abr.  nesciune ‘nessuno’, vräsce [vrä:š∂] ‘brace’.

In caso di accento obbligatorio, [š] viene reso con scj o sc-: vascjà  ‘baciare’, stascjòne  [stašòn∂] ‘estate’,  vruscjé  [vrušé] ‘bruciare’,  príscje [prí∂š∂]  ‘gioia’, felìscjene [f∂lìš∂n∂] fuliggine’, sc-ínere  [ší∂n∂r∂] ‘genero’, sc-èttene  [šètt∂n∂] ‘gettano’, trasc-ì [trašì] ‘entrare’, crusc-é [krušé] ‘crochet’, accusc-ì [akkušì] ‘così’).

• Il fonema [š] di parole napoletane come šcumma sušpiro si può rendere anche con sc o sc- (sckaffesccaffe / sc-caffe [škaff∂] ‘schiaffo’, suscpire / susc-pire [sušpi:r∂] ‘sospiro’, sctelle / sc-telle [štèll∂] ‘stella’), ma in questa posizione l’uso di š tra i poeti dialettali è sempre più frequente.

Come si scrivono i dialetti alto-meridionali (DAM)

514px-italy_-_forms_of_dialect

L’accento tonico è obbligatorio in parola tronca (accussì), sdrucciola (šcàtule) o bisdrucciola (scàpulene).

L’accento fonico è obbligatorio (viénde, fémmene, candé, paèise, trèsòule, sòretepónde, cólepe), tranne in parola piana, dove la vocale s’intende chiusa in sillaba aperta (panere [pané:rǝ] ‘paniere’, rote [ró:tǝ] ‘ruota’) e aperta in sillaba chiusa (quaterne [kwatèrnǝ] ‘quaderno’, notte [nòttǝ]).

Continua a leggere “Come si scrivono i dialetti alto-meridionali (DAM)”

La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)

di Francesco Granatiero

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al dialetto napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i dialetti del cosiddetto «volgare pugliese», comprendente il napoletano e i dialetti italici o ausònii, che insieme e più modernamente costituiscono i dialetti alto meridionali (DAM) o meglio, secondo la definizione dell’UNESCO, la «lingua napoletana» (classificata come seconda lingua d’Italia), in cui rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la scrittura dei quali bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)”