Dialetto di Palazzo San Gervasio

U vínde e u ssole

palazzo
Palazzo San Gervasio (Pz)

Nu júrne u vínde e u ssole accumenzàrene a sc-iarrà.

U vínde decéve de esse u cchiù fforte e a vota sóie u ssole decéve d’esse la forza cchiù granne dla terre.

 féine decedìrene de fà na prove.

Vedìrene nu passande ca stacéve camenanne lunghe nu sendíere e decedìrene ca u cchiù fforte de lore sarebbe state cure ca l’avesse luvate i vestéite da ngúgghie.

La vorie accumenzaie l’òpere: accumenzaie a menà, ma a menà acchessì fforte ca u passande s’arravugliaie sembe de cchiù jinde ô mandelle.

La vorie allore menaie sembe cchiù fforte e ll’òmene calaie la cape e s’arravugliaie na sciarpe atturne u cúgghie.

Arruvaie u ggéire d’u ssole, ca, caccianne tutte i nùvele, accumenzaie a resplende cchiù fforte.

L’òmene ca ere arruvate vecéne a-nu pónde, accumenzaie chiane chiane a luarse u mandelle.

U ssole, tutte suddesfatte, mbucaie de cchiù i ragge fine a fà cucínde.

U crestiane, russe dou câude, guardaie l’acque de la jumare e, ssenza penzà dóie vote, se menaie jinde.

U ssole jirte inde ô cíele redéve e redéve.

La vorie, delòuse e perdende, se scéie a sconne.

________

Trascritto da un audio inviato dal compianto prof. Carlo Palermo.

 

Annunci

Scrivere la lingua madre

SCRIVERE LA LINGUA MADRE

Manuale di grafia unitaria del Centro-Sud

Med-Mer-Sic-

Dialetto di Tursi

AlbinoPierro - CopiaALBINO PIERRO

Nato a Tursi (Mt) nel 1916, nel 1939 si trasferì a Roma, dove insegnò storia e filosofia nei licei. È morto a Roma nel 1995.

Dopo otto volumi di poesia in lingua, passò al dialetto del suo paese natale pubblicando con Laterza, Garzanti, Scheiwiller, Mondadori, Einaudi e altri editori una quindicina di libri, ora raccolti in Albino Pierro : Tutte le poesie, edizione critica secondo le stampe a cura di Pasquale Stoppelli, Salerno, 2 voll., Roma 2012. Continua a leggere “Dialetto di Tursi”

Dialetto di San Fele (Pz)

San Fele (PZ) (foto di alvatore Sebaste)
San Fele (PZ) (foto di Salvatore Sebaste)

ASSUNTA FINIGUERRA

[L’uómmene pe mmé so state chiuove]

L’uómmene pe mmé so state chiuóve
cadàvere de sole sope ô fiume
circhie de fuóche p’allazzà ’a lune
e àrdele cume appene ’a guardaie Continua a leggere “Dialetto di San Fele (Pz)”

Dialetto di Tursi (Mt)

Tursi, la Rabatana (foto di A. Mormando - Wikipedia)
Tursi, la Rabatana (foto di A. Mormando – Wikipedia)

ALBINO PIERRO

Amore

Amore,
amore duce e anniputente,
pure si mo le tegne u core amère,
te sente, amore, granne cchiù d’u mère,
te sente a tutte i bbanne com’e ll’arie
c’arravògghiete i cose e lle fè legge
e cchiù ’ucente assèi d’i ’ummenarie. Continua a leggere “Dialetto di Tursi (Mt)”

Come si scrive (e legge) il dialetto

TRASCRIZIONE DEI DIALETTI ALTO-MERIDIONALI

Il dialetto pugliese (Capitanata, Terra di Bari e parte delle province di Brindisi e Taranto), ma anche lucano, abruzzese, molisano, calabrese settentrionale, campano che non si riconosce nella scrittura del napoletano, si scrive (e legge) come l’italiano, con qualche precisazione. Continua a leggere “Come si scrive (e legge) il dialetto”