Dialetto di Palazzo San Gervasio

U vínde e u ssole

palazzo
Palazzo San Gervasio (Pz)

Nu júrne u vínde e u ssole accumendsàrene a sciarrà.

U vínde deceve de esse u cchiù fortë e a vota sóie u ssole deceve d’esse la forza cchiù granne d’la terre.

A’ féine decedìrene de fà na prove.

Vedìrene nu passande ca staceve camenanne lunghe nu sendíere e decedìrene ca u cchiù fforte de lore sarebbe state cure ca l’avesse luvate i vestéite da ngúgghie.

La vorie accumendsaie l’òpere: accumendsaie a menà, ma a menà acchessì fforte ca u passande s’arravugliaie sembe de cchiù jinde o’ mandelle.

La vorie allore menaie sembe cchiù fforte e ll’òmene calaie la cape e s’arravugliaie na sciarpe atturne u cúgghie.

Arruvaie u géire d’u ssole, ca, caccianne tutte i nùvele, accumendsaie a resplende cchiù fforte.

L’òmene ca ere arruvate vecene a nu pónde, accumendsaie chiane chiane a luarse u mandelle.

U ssole, tutte suddesfatte, mbucaie de cchiù i ragge fine a fà cucínde.

U crestiane, russe dou câude, guardaie l’acque de la jumare e, ssendsa pendsà dóie vote, se menaie jinde.

U ssole jirte inde o’ cíele redeve e redeve.

La vorie, delòuse e perdende, se s¢eie a sconne.

________

Trascritto da un audio, poi smarrito, inviato dal compianto prof. Carlo Palermo.

 

Annunci

Scrivere il dialetto

SCRIVERE IL DIALETTO

Dall’Umbria alla Sicilia passando per la Puglia

Manuale di grafia unitaria dei dialetti italiani centro-meridionali

Italy_-_Forms_of_Dialect

Dialetto di Tursi

AlbinoPierro - CopiaALBINO PIERRO

Nato a Tursi (Mt) nel 1916, nel 1939 si trasferì a Roma, dove insegnò storia e filosofia nei licei. È morto a Roma nel 1995.

Dopo otto volumi di poesia in lingua, passò al dialetto del suo paese natale pubblicando con Laterza, Garzanti, Scheiwiller, Mondadori, Einaudi e altri editori una quindicina di libri, ora raccolti in Albino Pierro : Tutte le poesie, edizione critica secondo le stampe a cura di Pasquale Stoppelli, Salerno, 2 voll., Roma 2012. Continua a leggere “Dialetto di Tursi”

Dialetto di San Fele (Pz)

San Fele (PZ) (foto di alvatore Sebaste)
San Fele (PZ) (foto di Salvatore Sebaste)

ASSUNTA FINIGUERRA

[L’uómmene pe mmé so state chiuove]

L’uómmene pe mmé so state chiuove
cadàvere de sole sope o’ fiume
circhie de fuoche p’allazzà ’a lune
e àrdele cume appene ’a guardaie Continua a leggere “Dialetto di San Fele (Pz)”

Dialetto di Tursi (Mt)

Tursi, la Rabatana (foto di A. Mormando - Wikipedia)
Tursi, la Rabatana (foto di A. Mormando – Wikipedia)

ALBINO PIERRO

Amore

Amore,
amore duce e anniputente,
pure si mo le tegne u core amère,
te sente, amore, granne cchiù d’u mère,
te sente a tutte i banne com’e ll’arie
c’arravògghiete i cose e lle fè legge
e cchiù ’ucente assèi d’i ’ummenarie. Continua a leggere “Dialetto di Tursi (Mt)”

Come si scrive (e legge) il dialetto

TRASCRIZIONE DEI DIALETTI MERIDIONALI

Il dialetto pugliese (Capitanata, Terra di Bari e parte delle province di Brindisi e Taranto), ma anche lucano, abruzzese, molisano, calabrese settentrionale, campano che non si riconosce nella scrittura del napoletano, si scrive (e legge) come l’italiano, con qualche precisazione. Continua a leggere “Come si scrive (e legge) il dialetto”