Scrivere la lingua madre

Scrivere la lingua madre

Manuale di grafia unitaria del Centro-Sud

Med-Mer-Sic-

Dialetto di Agnone (Isernia)

Dialetto di Agnone (Isernia) (1)

Agnone

aglie (pl. èglie) m. aglio.
alma (pl. alme) f. anima.
aníelle (pl.f. anèlla) m. anello. (2)
arèate (pl. aríete) m. aratro.
ballatìure (pl.f. ballatòrra) m. ballatoio. Continua a leggere “Dialetto di Agnone (Isernia)”

Cambuasciane, sande e riàule

campobasso_campanile_s-_bartolomeo-e-minardi
Campobasso. Campanile San Bartolomeo. (foto di E. Minardi)

Cambuasciane, sande e riàule di Stefano Di Maria, tradotto in dialetto campobassano da Rosaria Pietromonaco, dalla cui voce (Cambuasciane, sande e riàule) viene qui trascritto in grafia DAM.

Nu cambuasciane re cinguand’anne, chélle che l’addummanne l’addummanne, t’arrespónne accuscı′: «M’arrecorde ca na ote, quanne javame uagliune, jéva tutta cambagne. Allore ne jéve cumm’ e mo. La cetà funije acquà e sctavame sembe a jucà mmiéze a-la vie, frabbecavame carrozze che le taccozze re ligname e-le cuscenétte re le màchene; sennò sctavame arrangecate ngoppe all’àrbere… e mamme, la bbonalme, puurelle, z’arrajave cumm’e nnu cane.» Continua a leggere “Cambuasciane, sande e riàule”

Dialetto di Campobasso

GIUSEPPE ALTOBELLO

Minghe A Peppa, XX

La massarìe, z’arrecanósce, è chélle
ch’appare a-la sulagne gghianghejate,
che té nd’a ll’uócchie de la rumanelle
na cócchie de pecciune apparegliate. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”

Dialetto di Fossalto (Cb)

EUGENIO CIRESE

Camina

Da ngoppa a ll’úorte
sembrava na furmica
pe ru tratture.
Annanze e arrête
matina e séra:
a scégne la matina,
a renghianà la séra
sudate e sctanghe,
la zappa ngúolle
e pêde nnanze pêde, tranghe tranghe. Continua a leggere “Dialetto di Fossalto (Cb)”

Dialetto di Castelmauro (Cb)

GIUSEPPE JOVINE

Chicchirichì

Addò sendive llu chicchirichì
na matina d’éstàte?
Ché bbella matina d’éstàte!
Tutte le munne candava
chìcchiri chìcchiri chì!…
E hiurìvene jenestre e gerasule
e véle gghianghe de paranze
come a scenne de palómme. Continua a leggere “Dialetto di Castelmauro (Cb)”

Dialetto di Casacalenda (Cb)

GIOSE RIMANELLI

Molisèide

U Munne d’u Molise sonne i cose
che fanne ’a vite chiéne d’aria fine.
’A ggente èrrìve e magne, ze repose
penzanne: «Tenne u doce scti mètìne!»
’A Chiazze guarde sembe chi ze spose
pecché te vò vedé se puó chèmpà. Continua a leggere “Dialetto di Casacalenda (Cb)”

Dialetto di Campobasso

PROVERBI

Mo pure le puce tenne la tosse. Ora anche le pulci hanno la tosse.

Quande u diàule t’accarézza, vole ’ànima. Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

U cattive lauratore ogni zzappate è nu delore. Per il cattivo lavoratore ogni zappata è un dolore.

Tutte passe, tutte ze scorde e tutte ze lasse. Tutto passa, tutto si scorda e tutto si lascia. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”

Come si scrive (e legge) il dialetto

TRASCRIZIONE DEI DIALETTI ALTO-MERIDIONALI

Il dialetto pugliese (Capitanata, Terra di Bari e parte delle province di Brindisi e Taranto), ma anche lucano, abruzzese, molisano, calabrese settentrionale, campano che non si riconosce nella scrittura del napoletano, si scrive (e legge) come l’italiano, con qualche precisazione. Continua a leggere “Come si scrive (e legge) il dialetto”