Dialetto di Centùripe (EN)

PROVERBI

U Signuri chiudi na porta e rapi un purtuni ‘Il Signore chiude una porta e apre un portone’.

I chiàcchjri su’ cchiàcchjri, ’a putiara voli i pìcciuli ‘Le chiacchiere sono chiacchiere, la bottegaia vuole i soldi’.

I làstimi sunu di canigghia, cu li jetta si li pigghia ‘Le imprecazioni sono di crusca, chi le getta se le piglia’.

Cu sputa ncielu, nfaccia ci torna ‘Chi sputa in cielo, in faccia gli torna’.

Amaru cu cci avi bbisuognu ‘Povero chi ha bisogno’.

Risparmia risparmia quannu ’a cascia è cchjna, ca quannu u funnu pari nun c’è cchiù nnenti da risparmiari ‘Risparmia risparmia quando la cassa è piena, ché quando il fondo appare non c’è più niente da risparmiare’.

Tintari nn-alloggia ‘Tentare non nuoce’.

Cu cci avi sordi ’n bursettinu fa pPasqua, Natali e San Martinu ‘Chi ha soldi in borsettino fa Pasqua, Natale e San Martino’.

Cu bbeni mi voli, ’n casa mi veni ‘Chi bene mi vuole, in casa mi viene’.

Figghj nichi peni nichi, figghj ranni peni ranni ‘Figli piccoli pene piccole, figli grandi pene grandi’.

U rriccu comu voli e u pòvəru comu pò ‘Il ricco come vuole e il povero come può’.

Ogni ccacateddha ’i musca è ssustanza ‘Ogni cacatina di mosca è sostanza’.

I cchiù mmiègghj scèrri sunu thra i parienti ‘Le migliori liti avvengono tra i parenti’.

Iu mangiu cipuddha e a tia t’abbàmbənu l’uòcchj ‘Io mangio cipolla e a te bruciano gli occhi’.

A tiempu ’i nicissità u figghiu ci ’a nfila a ssò mà ‘In tempo di necessità il figlio glielo infila a sua madre’. Indovinello: ’a vugghia, l’ago (la cruna dell’ago).

Cu ti voli bbeni ti fa cciànciri e cu ti voli mali ti fa rrìdiri ‘Chi ti vuol bene ti piangere e chi ti vuol male ti fa ridere’.

Miegghiu sulu ca mal’accumpagnatu ‘Meglio solo che male accompagnato’.

Cu joca sulu nun perdi mai ‘Chi gioca solo non perde mai’.

U voi dici curnuti ô sceccu ‘Il bue dice cornuto all’asino’.

Ognunu tira ô so cuddhuruni ‘Ognuno tira alla sua focaccia’.

I guai dâ pignata i sapi ’a cucchiara ch’arrimina ‘I guai della pignatta li sa il cucchiaio che mescola’.

Cu vinni scinni e cu accatta acchiana ‘Chi vende scende e chi compra sale’.

______

Fonte orale: Dr. Antonino Di Paola, anni 78, nato a Centuripe (EN), vivente a Torino dal 1969.

Scrivere la lingua madre

Scrivere la lingua madre

Manuale di grafia unitaria del Centro-Sud

Med-Mer-Sic-