Dialetto di Carpino (Fg)

chiesa_di_san_cirillo
Chiesa di San Cirillo. Foto di Domenico Sergio Antonacci

Nò nde l’hé ditte na parola male

Nò nde l’hé ditti na parola male,
i’ te l’hèi ditti si vuòi fà l’amore
e ma pìjete la palelle e vattinne pi fochë
e mma va’ ’lla case di lu nnammurate,
ma pìgghiete doie ore di spasse e ggioche.
A ssi màmmete ce n’addone di chisti ggioche,
à dice ché sonne state i fajelle de foche ellà,
vole ellà, uéi lì uéi là.

E mma bbella ive tu
e më l’ha fatte annammurà,
me l’ha fatte ’nnammurà
la cammenature e llu parlà.
A sse bbella tu nò gnive
annammurà nò më facive.

Lu surge sotte la tine
e sottë la tine sta,
ma la jatta malandrine
ngappe lu surge sotte la tine.

Lu surge sotte lu lette
e sottë lu lette sta,
ma la gatta maledette
ngappe lu surge sotte lu lette.

Lu surge ndi la casce
e ndi la casce sta,
ma la vatta vascia vasce
ngappe lu surge ndi la casce.

Cummare dzìchete e nossë
quanne ha chiòvetë addove si’ missë,
sotte na chiande de dzìchete e nossë
e iévë chiòvete e no nzi’ nfosse.

E vulë ellà
quidde ché vvú’ la fèmmene fa,
së vú’ li maccarune
de farine nge ne sta,
e së vú’ li maccarune
te li magne a une a une,
se vú’ li strascenéte
te li magne appappeléte.

Li fèmmene de Monde
e tennë li scarpe a dojë ponde,
une annanze e n’àvetë addrete
ponne jì ·ccavà li prete.

E lli fèmmene de Viche
sàpene coce li ciammariche,
e lli mèttene allu sole
fanne ascì li corne da fore.

E cumë bbelle ha fattë iesse
pe mmè ne nvò cummatte,
quanne màmete va alla messe
e cë recréie nghiane suse.

Te si’ fattë la carejole
vaje vennenne la capesciole.
Uh madonnë se nghianghe suse
ché paurë t’hé fà pejà,
t’éja rombe la frijarole
dove ce frije lu bbaccalà.

Lassàteli bballà ssi bbelle zetelle
ché tenne la tarande sott’a lu pede.

Oje tu ca vaje e veni oje da Caserte,
non sai la bbella sua si è vivë o morta?
Ma iere sera l’aje lasciate a lettë,
ma pe nna freva d’amore ca sbarijave,
e nna mane ce teneve oje li cummitte
n’àvita mane ci trascina morte.
La mammi ci ni vaje ndani da lu letti:
Pòvera figghia mia chi d’amore è mmorta!
E vajë bbelle e vvatti vísti munachelle,
si mmònica ti faje issi rimiti ci farà.

Di prime amore ti vene a ssalutaji
di nove amandi bbelli stàtime a sentirë:
S’isse avi lu piacere li vogli servire,
dagli lu vende e ppò davi navigaie;
questa bbarchette al porte ché aveve ascìje,
quanne pi nnande a vujë vene a ppassaji
fammi nu segne d’amore e mìttitë a rride.
E vajë bbelle e vvatti vísti munachelle,
si mmònica ti faje issi rimiti ci farà
e ttu diciarraje la messe e issi la servarrà.

Non ti ho detto una parola cattiva, / ti ho detto se vuoi fare l’amore / e prendi la paletta e vai per fuoco / e vai alla casa dell’innammorato, / e prenditi due ore di spasso e giochi. E se tua madre si accorge di questi giochi, / dirai che sono state le faville di fuoco ellà, / vole ellà uéi lì uéi là. // E bella eri tu / e mi ha fatto innamorare, / mi ha fatto innamorare / la camminatura e il modo di parlare. / E se bella non eri / innamorare non mi facevi. // Il sorcio sotto il tino / e sotto il tino sta, / ma la gatta malandrina / acchiappa il sorcio sotto il tino. // Il sorcio sotto il letto / e sotto il letto sta, / ma la gatta maledetta / acchiappa il sorcio sotto il letto. // Il sorcio nella cassa / e nella cassa sta, / ma la gatta bassa bassa / acchiappa il sorcio nella cassa. // Comare sicut et nos / quando ha piovuto dove ti sei messa, / sotto una pianta di sicut et nos / e ha piovuto e non sei bagnata. // E vulë ellà / quello che vuoi la donna fa, / se vuoi i maccheroni / di farina non ce n’è, / e se vuoi i maccheroni / te li mangi a uno a uno, / se vuoi le strascinate (sorta di grosse orecchiette) / te le mangi appiccicate. // Le donne di Monte / hanno le scarpe a due punte, / una davanti e una dietro / possono andare a cavare le pietre. // E le donne di Vico / sanno cuocere le lumache, / le mettono al sole / fanno uscire le corna fuori. // E come bello ha fatto lei / con me non vuole avere a che fare, / quando la mamma va a messa / si ricrea sale su. // Ti sei fatta la carretta / vai vendendo nastri e fettuccine. / Oh madonna se salgo su, / che paura ti faccio prendere, / devo romperti la padella / dove si frigge il baccalà. // Lasciatele ballare queste belle signorine / ché hanno la tarantola sotto il piede. // O tu che vai e vieni da Caserta, / non sai se la sua bella è viva o morta? / Ieri sera l’ho lasciata a letto / con una febbre d’amore che delirava, / in una mano aveva i confetti / con l’altra mano si trascinava come morta. / La madre si allontana allora dal letto: / Povera figlia mia che d’amore è morta! / Vai, bella, e vai a vestirti da monachella, / se monaca ti fai lui eremita si farà. // Da primo amore ti viene a salutare / da nuovo amante bene statemi a sentire: / Se lui ha piacere lo voglio servire, / dategli il vento e poi deve navigare; / questa barchetta al porto doveva uscire, / quando davanti a voi si trova a passare / mi farà un segno d’amore, mi sorriderà. / E vai bella a farti suora, / se suora ti fai, lui eremita si farà / e tu dirai la messa e lui la servirà.

Trascrizione DAM secondo il manuale Scrivere la lingua madre.

Dal grano al pane

DAL GRANO AL PANE. LA TRADIZIONE DI MATTINATA

Francesco Granatiero

12112182_1045045438839971_6599855912899250277_n

Dal grano raccolto si metteva da parte (pe semendë) quello da seminare l’anno dopo. Allora le donne ne versavano un mucchio su una spianatoia (u taulíre), così da stenderne con la mano uno strato sottile davanti agli occhi, per riconoscere e togliere (cunzé u irene) i semi di loglio (u scjúgghie) o di altre erbe infestanti, in genere piccoli, rotondi e più o meno scuri (i cecerídde). Continua a leggere “Dal grano al pane”

La Capitanata ha un nuovo dizionario

 

dizionario

Dionisio Morlacco, Dizionario del dialetto di Lucera

Dare un quadro reale di una determinata situazione linguistica è sempre pressoché impossibile, in quanto le parole, i loro suoni e il loro combinarsi nella frase sono soggetti a continui mutamenti. Ci sono parole che scompaiono ed altre che si trasformano. Le forme di maggior prestigio soppiantano quelle locali. Scompaiono gli oggetti tradizionali e con essi muoiono le parole che li indicavano. Continua a leggere “La Capitanata ha un nuovo dizionario”

Dialetto di Campobasso

PROVERBI

Mo pure le puce tenne la tosse. Ora anche le pulci hanno la tosse.

Quande u diàule t’accarézza, vole ànima. Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

U cattive lauratore ogni zappatë è nu delore. Per il cattivo lavoratore ogni zappata è un dolore.

Tutte passe, tutte ze scorde e tuttë ze lasse. Tutto passa, tutto si scorda e tutto si lascia. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”

Dialetto di Castelluccio Valmaggiore (Foggia)

FRANCESCO GRANATIERO
Qualche etimologia

abbalì, “stancarsi, arrendersi” [‘avvilire’].

allancate, “affamato, avido” [< lanche, v. infra] .

allassacrése, “all’improvviso” [da assacrésa, part. pass. di assacréde ‘rassicurare, convincere, lasciar credere’].

ammuccà, “pendere, vacillare” [lat. *ad imbuccare, cfr. nap. abbuccà id.].

ammuccate, “pendìo” [< ammuccà].

ànete, “impalcatura” [< *ànnete; cfr. napol. ànneto “andito, palchetto su cui lavorano i muratori”].

arremenà, “zappettare” [‘rimenare’]. Continua a leggere “Dialetto di Castelluccio Valmaggiore (Foggia)”

Una scrittura per ogni paese?

Le singole iniziative paesane in merito alla trascrizione del proprio dialetto sono sempre lodevoli, ma se effettuate senza un superiore coordinamento possono portare a una babele di scritture che non giova alla comprensione degli italiani. È invece necessario ispirarsi a dei criteri generali di trascrizione che rientrino in una convenzione allargata, se vogliamo che le nostre cose trovino un più ampio riscontro. Continua a leggere “Una scrittura per ogni paese?”