Scrivere la lingua madre

Scrivere la lingua madre

Manuale di grafia unitaria del Centro-Sud

Med-Mer-Sic-

Dialetto di Castelluccio Valmaggiore (Foggia)

FRANCESCO GRANATIERO
Qualche etimologia

abbalì, “stancarsi, arrendersi” [‘avvilire’].

allangate, “affamato, avido” [< langhe, v. infra] .

allassacrése, “all’improvviso” [da assacrésa, part. pass. di assacréde ‘rassicurare, convincere, lasciar credere’].

ammuccà, “pendere, vacillare” [lat. *ad imbuccare, cfr. nap. abbuccà id.].

ammuccate, “pendìo” [< ammuccà].

ànete, “impalcatura” [< *ànnete; cfr. napol. ànneto “andito, palchetto su cui lavorano i muratori”].

arremenà, “zappettare” [‘rimenare’]. Continua a leggere “Dialetto di Castelluccio Valmaggiore (Foggia)”

Una scrittura per ogni paese?

Le singole iniziative paesane in merito alla trascrizione del proprio dialetto sono sempre lodevoli, ma se effettuate senza un superiore coordinamento possono portare a una babele di scritture che non giova alla comprensione degli italiani. È invece necessario ispirarsi a dei criteri generali di trascrizione che rientrino in una convenzione allargata, se vogliamo che le nostre cose trovino un più ampio riscontro. Continua a leggere “Una scrittura per ogni paese?”

Vocabolario dei dialetti garganici

Francesco Granatiero, Vocabolario dei Dialetti Garganici, Foggia, Grenzi, 2012, pp. 1024, € 59

DSCN6645

DSCN6647

«Il nostro tempo, con l’orizzontale appiattimento linguistico e culturale, l’eccessiva esaltazione del presente e il rivoluzionario progresso della scienza e della tecnica, potrebbe essere la più seria minaccia per i dialetti. Con la scomparsa degli oggetti tradizionali, legati a usi e mestieri millenari (e ora, nel migliore dei casi, relegati in qualche museo etnografico), certamente si perderanno anche le parole che li designavano. Continua a leggere “Vocabolario dei dialetti garganici”