L’avverbio [nən] “non”

In molti dialetti alto-meridionali, come nel Gargano (Carpino, Cagnano Varano, Monte Sant’Angelo, Mattinata, a cui gli esempi si riferiscono), nel Tavoliere (Alberona, Lucera), a Ruvo di Puglia (BA), a Pescara e provincia, nel Molise (Campobasso), nelle province dell’Aquila (Opi, Bugnara, Raiano) e di Chieti (Lanciano, Sant’Eusanio del Sangro, Vasto, Guardiagrele), l’avverbio di negazione “non” si comporta in maniera particolare.

Con l’affievolirsi della O la -N finale dell’avverbio si lega alla sillaba seguente (NON DAT > nen-dé [nə ndé] ‘non dà’), spesso rafforzandosi davanti a vocale (NON HABET > nenn-eve [nə nn-évə] ‘non ha, non ottiene’).

Il nesso di -N finale con M- o V- iniziale della parola seguente si comporta come all’interno di parola, per cui si ha assimilazione: NON METIT ne-mmete (ne’ metë) [nə mmétə] ‘non miete’, NON VALET > ne-mmele (ne’ melë) [nə mmélə] ‘non vale’, come in INVIDIA > mmidie [mmidjə]; NON VENIT > ne-vvene (ne’ venë) [nə vvénə] ‘non viene’.

Se la -N incontra C, P o T, si ha lenizione postnasale: NON CANTAT > nen-gande [nə ngandə] ‘non canta’; NON QUI VENIT > nen-ge vene [nə ndžə vénə] ‘non ci viene’; NON POTEST > nem-bote [nə mbótə] ‘non può’; NON TENET > nen-dene [nə ndénə] ‘non tiene’.

Se la consonante iniziale della parola seguente è S-, si ha sonorizzazione: NON SAPIO > nen-sacce [nə nsattšə] ‘non so’; e frequente passaggio della s sonora a zeta sonora: nen-zacce [nə ndzattše].

La consonante iniziale di scı’ [ši] *JIRE ‘andare’, scjuqué [šukwé] JOCARI ‘giocare’ e simili, si comporta come la c di cèrnə ‘cernere’: nen-gèrnə ‘non setaccia’. Per cui avremo: scıemme [šèmmə] ‘andammo’ e nen-gemme [ne ndžèmme] ‘non andammo’, scjoche [šókə] ‘gioca’ e nen-gioche [ne ndžókə] ‘non gioca’.

La lenizione postnasale è spesso accompagnata da aferesi, per cui dell’avverbio non resta che la -N finale legata alla parola successiva: n-gapisce [ngapiššə] ‘non capisce’, n-ge vene [ndžə vénə] ‘non ci viene’, m-bote [mbótə] ‘non può’, n-dene [ndénə] ‘non tiene’, n-zepe [ndzépə] ‘non sa’.

Il trattino – che indica l’affievolimento della e atona di nen e l’appoggio alla parola seguente –, in assenza di ne, distingue la negazione da parole con prefisso/preposizione IN, come, per esempio, n-gambısce ‘non pascola’ da ngambısce ‘al pascolo’, m-borte ‘non porta’ da mborte ‘importa’ o ‘in porta’, m-bonne ‘non possono’ dal viestano e manfredoniano mbonne ‘bagnare’.

 

 

Annunci

Dialetto di Montecalvo Irpino (Av)

Foto di Gianluca Cardinale
Montecalvo Irpino (foto di Gianluca Cardinale)

PROVERBI

Viéstite cippone ca pare barone.
Vesti ceppone, che pare barone. (L’abito fa il monaco.)

L’àbbeto nun fa mmònico e cchjìrica nun fa prèvetë.
Abito non fa monaco e chierica non fa prete.

Lu fasce de malèreva abbasta a diécë cavalle.
Il fascio di malerba basta per dieci cavalli.

Ave paùre ca lu culo arrobba la cammise.
Ha paura che il culo rubi la camicia.

Chi fàbbreca nda li ccase de l’ate perde càuce e mmastrìa.
Chi fabbrica in casa altrui perde calce e maestria.

Chi nun fàbbreca e nnun marita nun zape cché ssi dice.
Chi non fabbrica e non marita non sa che si dice.

San Nicole cu la barba bianga, si nun ghiòve la néve nun manga.
San Nicola con la barba bianca, se non piove la neve non manca.

Sanda Catarinella o acqua o nevecella.
A Santa Caterina o piove o comincia a nevicare.

Ogni pprèdeca èsce a denarë.
Ogni predica finisce con la richiesta di denaro.

Ogni scarpe devenda scarpone.
Ogni scarpa diventa scarpone.

Doppu chiùoppeto na bell’acque.
Dopo la pioggia una bell’acqua. (Piove sul bagnato.)

Sand’Andùono màšchere e sùonë.
A Sant’Antonio Abate maschere e suoni.

«Oh, andó vaie?» «Porte cepólle.»
«Dove vai?» «Porto cipolle» (Discorso fra sordi.)

«Lu meglie ómo» deceva mammanonna, «appese alla pèrteca oppure all’ulmu de lu Càrmeno».
«Il migliore uomo» diceva la nonna, «andrebbe impiccato alla pertica o all’olmo della chiesa del Carmine»

A sSand’Andùono ogni gallenella abbìa l’ùovo.
A Sant’Antonio Abate ogni gallinella comincia a far l’uovo.

Chi cammina lécca e cchi sède sécca.
Chi cammina lecca e chi siede secca.

Tanda figlie, tanda pruvvedentsa.
Tanti figli, tanta provvidenza.

Latte capisce e frustë nò.
Latte capisce e frusta no. (Capisce solo quando gli conviene.)

Lu malu cano acchiappa lu bùono jazze.
Il cane cattivo ha la migliore sistemazione.

Si cule cacava, nun mureva.
Se il culo cacava, non moriva.

Quande siénde rumore de rattacasa, staie nu poco e ppo’ trase.
Quando senti rumore di grattugia, aspetta un po’ e dopo entra.

Tiémbu de cacatorio nun ze porta a ccunfessorio.
Tempo di cacatoio non si porta in confessionale. (I panni sporchi si lavano in casa.)

’E ttiémpe de cacatorio nun gi vole culu strintu.
Con la diarrea non c’è culo che tenga.

Mangu pùlice nd’a sse panne!
Neanche pulce in codesti panni!

Lu suldatu de Napuleione iette cazze e turnavë cuglione.
Il soldato di Napoleone andò cazzo e tornò coglione.

Quande lu ciélo èa a picurellë adda chiòve a catenellë.
Quando il cielo è a pecorelle pioverà a catinelle.

Lu cano mózzeca a lu strazzato.
Il cane morde allo straccione.

La cap’ e la coda èa malu scurcià.
La testa e la coda sono le parti più difficili da scuoiare.

Mò te vene, zùoppo, sta cchianata!
Ora riesci, zoppo, a fare questa salita! (Non è pane per i tuoi denti.)

_______

Dalla lettura di Maria Gelormini Maestra Maruzzella

Dialetto di Roseto Capo Spùlico

U vinte e llu sòue

Nu jurne u vinte e llu sòue an’accumenzète a gh-etechè.
U vínde decìvede ca jille ièrede u cchiù fortë, e purë u sòue decìvede ca jille ièrede u cchiù fortë d’u munne.
All’ùrteme ane decise ’i fè na scummise.
Ane viste nu pellegrine ca camenàvede nd’a nna vijecelle e ane decise chè u cchiù fortë ’i lure duie ière quillë ca riuscìvede a llu spugliè.
U vinde, accussì, s’hä misë a g-uhhiè, e ccuhhia g-uhhie, all’ùrteme u pellegrine s’arravugliàvede sempe ’i cchiù nd’u mandílle.
U vínde allòre s’hä misë a g-uhhiè cchiù fortë e u pellegrine ha ’bbascète ’a chèpe e ss’è arravugliète na sciarpa nn’u cúlle.
A stu punte u sòue ha caccètë i nùvuue e ad’accumenzète a sperluce chiène chiène.
U pellegrine, c’avive arrevète vecine a nnu ponde, ad’accumenzète a picchië a picchië a sse caccè u mandílle.
U sòue, tutte cundente, ad’agumendète u cauedòre, e all’ùrteme i ragge s’an’arruvendète.
U cresteiène, russe p’u cauedòre, ha guärdètë ll’acque d’a jumère e senzë ’i ce penzè, s’ad’azzuppète.
U sòue, gàute nd’u cígh-e, redìvede e redìvedë.
U vinde, scunzuuète, s’è ghiutë a ’mmuccè a nna banne lundène.

_________

Fonte orale è l’insegnante a riposo Anna Maria Perla, originaria di Roseto Capo Spulico ma da molti anni residente a Trebisacce, per cui si evidenzia l’influsso del dialetto parlato nel nuovo centro urbano (pònde vs pònte, redìvede vs redìjede, ecc.).

 

Eugenio Cirese

Dialetto di Fossalto (CB)

 

Fossalto - La Pagliara Maje Maje
Fossalto (Molise) · La Pagliara Maje Maje

 

Eugenio Cirese

(Fossalto 1884 – Rieti 1955)

 
Serenatella
 
Jè nottë e jè serénë
déndre a ru còre e ngíele.
Le štelle
fermate
vecine,
a cócchia a cócchia (*)
o sole,
come a pecurêlle
štiènne pascênne
l’aria de notte
míeze a ru cuåmbe
senza rocchie
e senza fine. Continua a leggere “Eugenio Cirese”

Traduci la favola e manda il tuo video!

Il vento e il sole (Esopo)

Un giorno il vento e il sole cominciarono a litigare.
Il vento sosteneva di essere il più forte e a sua volta il sole diceva di essere la forza più grande della terra.
Alla fine decisero di fare una prova.

Continua a leggere “Traduci la favola e manda il tuo video!”

Dialetto di Foggia

U vínde e u sole

Versione di Gianni Ruggiero

Nu júrne vínde e solë attaccàrene a ffà quéstione.

L’une e ll’àte s’avandàvene d’esse sòpe ’a terre u cchiù fortë.

Accussì se mettèrene d’accorde e facìrenë na sfide. E vedennë nu puverílle ca jeve venenne pe nu tratture, facìrene nu patte: u prime che u face levà da ngúlle i panne, vénge.

Continua a leggere “Dialetto di Foggia”

Dialetto di San Marco in Lamis (FG)

Lu uénde e llu sole

Versione di Luigi Ianzano

Nu jurne, lu uénde e llu sole abbìjene a lletecà: lu uénde ce créde cchiù fortë e allu sole li fa ciche ciche: iè gghjisse, allu munne, lu cchiù fermë.

Ah mbè, ce dànne la ndésa. Pustéjene nu rumèie allu tratture e strégnene li dénde: chi jè bone a scuffelà a quidd’òmë li panne da ngódde, còse ce sònne, ségne iè cché quiddë secure è cchiù dë férre.

Continua a leggere “Dialetto di San Marco in Lamis (FG)”