Dialetto di Carpino (Fg)

chiesa_di_san_cirillo
Chiesa di San Cirillo. Foto di Domenico Sergio Antonacci

Nò nde l’hé ditte na parola male

Nò nde l’hé ditti na parola male,
i’ te l’hèi ditti si vuòi fà l’amore
e ma pìjete la palelle e vattinne pi fochë
e mma va’ ’lla case di lu nnammurate,
ma pìgghiete doie ore di spasse e ggioche.
A ssi màmmete ce n’addone di chisti ggioche,
à dice ché sonne state i fajelle de foche ellà,
vole ellà, uéi lì uéi là.

E mma bbella ive tu
e më l’ha fatte annammurà,
me l’ha fatte ’nnammurà
la cammenature e llu parlà.
A sse bbella tu nò gnive
annammurà nò më facive.

Lu surge sotte la tine
e sottë la tine sta,
ma la jatta malandrine
ngappe lu surge sotte la tine.

Lu surge sotte lu lette
e sottë lu lette sta,
ma la gatta maledette
ngappe lu surge sotte lu lette.

Lu surge ndi la casce
e ndi la casce sta,
ma la vatta vascia vasce
ngappe lu surge ndi la casce.

Cummare dzìchete e nossë
quanne ha chiòvetë addove si’ missë,
sotte na chiande de dzìchete e nossë
e iévë chiòvete e no nzi’ nfosse.

E vulë ellà
quidde ché vvú’ la fèmmene fa,
së vú’ li maccarune
de farine nge ne sta,
e së vú’ li maccarune
te li magne a une a une,
se vú’ li strascenéte
te li magne appappeléte.

Li fèmmene de Monde
e tennë li scarpe a dojë ponde,
une annanze e n’àvetë addrete
ponne jì ·ccavà li prete.

E lli fèmmene de Viche
sàpene coce li ciammariche,
e lli mèttene allu sole
fanne ascì li corne da fore.

E cumë bbelle ha fattë iesse
pe mmè ne nvò cummatte,
quanne màmete va alla messe
e cë recréie nghiane suse.

Te si’ fattë la carejole
vaje vennenne la capesciole.
Uh madonnë se nghianghe suse
ché paurë t’hé fà pejà,
t’éja rombe la frijarole
dove ce frije lu bbaccalà.

Lassàteli bballà ssi bbelle zetelle
ché tenne la tarande sott’a lu pede.

Oje tu ca vaje e veni oje da Caserte,
non sai la bbella sua si è vivë o morta?
Ma iere sera l’aje lasciate a lettë,
ma pe nna freva d’amore ca sbarijave,
e nna mane ce teneve oje li cummitte
n’àvita mane ci trascina morte.
La mammi ci ni vaje ndani da lu letti:
Pòvera figghia mia chi d’amore è mmorta!
E vajë bbelle e vvatti vísti munachelle,
si mmònica ti faje issi rimiti ci farà.

Di prime amore ti vene a ssalutaji
di nove amandi bbelli stàtime a sentirë:
S’isse avi lu piacere li vogli servire,
dagli lu vende e ppò davi navigaie;
questa bbarchette al porte ché aveve ascìje,
quanne pi nnande a vujë vene a ppassaji
fammi nu segne d’amore e mìttitë a rride.
E vajë bbelle e vvatti vísti munachelle,
si mmònica ti faje issi rimiti ci farà
e ttu diciarraje la messe e issi la servarrà.

Non ti ho detto una parola cattiva, / ti ho detto se vuoi fare l’amore / e prendi la paletta e vai per fuoco / e vai alla casa dell’innammorato, / e prenditi due ore di spasso e giochi. E se tua madre si accorge di questi giochi, / dirai che sono state le faville di fuoco ellà, / vole ellà uéi lì uéi là. // E bella eri tu / e mi ha fatto innamorare, / mi ha fatto innamorare / la camminatura e il modo di parlare. / E se bella non eri / innamorare non mi facevi. // Il sorcio sotto il tino / e sotto il tino sta, / ma la gatta malandrina / acchiappa il sorcio sotto il tino. // Il sorcio sotto il letto / e sotto il letto sta, / ma la gatta maledetta / acchiappa il sorcio sotto il letto. // Il sorcio nella cassa / e nella cassa sta, / ma la gatta bassa bassa / acchiappa il sorcio nella cassa. // Comare sicut et nos / quando ha piovuto dove ti sei messa, / sotto una pianta di sicut et nos / e ha piovuto e non sei bagnata. // E vulë ellà / quello che vuoi la donna fa, / se vuoi i maccheroni / di farina non ce n’è, / e se vuoi i maccheroni / te li mangi a uno a uno, / se vuoi le strascinate (sorta di grosse orecchiette) / te le mangi appiccicate. // Le donne di Monte / hanno le scarpe a due punte, / una davanti e una dietro / possono andare a cavare le pietre. // E le donne di Vico / sanno cuocere le lumache, / le mettono al sole / fanno uscire le corna fuori. // E come bello ha fatto lei / con me non vuole avere a che fare, / quando la mamma va a messa / si ricrea sale su. // Ti sei fatta la carretta / vai vendendo nastri e fettuccine. / Oh madonna se salgo su, / che paura ti faccio prendere, / devo romperti la padella / dove si frigge il baccalà. // Lasciatele ballare queste belle signorine / ché hanno la tarantola sotto il piede. // O tu che vai e vieni da Caserta, / non sai se la sua bella è viva o morta? / Ieri sera l’ho lasciata a letto / con una febbre d’amore che delirava, / in una mano aveva i confetti / con l’altra mano si trascinava come morta. / La madre si allontana allora dal letto: / Povera figlia mia che d’amore è morta! / Vai, bella, e vai a vestirti da monachella, / se monaca ti fai lui eremita si farà. // Da primo amore ti viene a salutare / da nuovo amante bene statemi a sentire: / Se lui ha piacere lo voglio servire, / dategli il vento e poi deve navigare; / questa barchetta al porto doveva uscire, / quando davanti a voi si trova a passare / mi farà un segno d’amore, mi sorriderà. / E vai bella a farti suora, / se suora ti fai, lui eremita si farà / e tu dirai la messa e lui la servirà.

Trascrizione DAM secondo il manuale Scrivere la lingua madre.

Dialetto di Vico del Gargano (FG)

vico_del_gargano_panorama
Vico del Gargano (Foto di R. Afr.)

Ce decive a Båichë

I pruuèrbie andåiche
ièvene poiète:

iè megghië na penzäte
ché cendë fategäte;
u médeche sta a spasse
quanne u càule fa fragasse;
quanne tande e quannë nende;
quésse e nendë sò parendë…

Ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë.

Melàngune e melóunë
hann’a iesse de stascjóune;
addùue arråve arråive
föcche lu streppóune;
magne a pùjenë e ciambäte
ché ce sta n’atra pegnäte;
e pë l’arte Mechelasse
magne e bivë e staje nzullazze…

Ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë.

Manghe våde ’a serpe
e ggià dåce san Bàule;
pråime magne grazzie de Ddåie
e ppo te cäche Deiàule;
u pesce puzze d’a cäpe;
chi te säpe po te gräpe;
aväscene i sardelle
e ppo u bbaccalà va nderre…

Ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë,
ce decive a Båichë.

Si diceva a Vico. I proverbi antichi erano di poeti: è meglio una pensata che cento faticate; il medico sta a spasso quando il culo fa fracasso; quando tanto e quando niente; questo e niente son parenti… Si diceva a Vico…: Cetrioli e meloni devono essere di stagione; dove arrivi pianta lo stecco; mangia a pugni e giumelle, ché ci sta un’altra pignatta; e con l’arte di Michelaccio mangi e bevi e ti sollazzi… Si diceva a Vico…: Neanche vede la serpe e già chiama san Paolo; prima mangia grazia di Dio e poi caga Diavoli; il pesce puzza dalla testa; chi ti sa ti apre; ribassano le sardelle e il baccalà va a terra… Si diceva a Vico…

Fonte

Trascrizione del dialetto secondo il manuale Scrivere la lingua madre

Dialetto di Carpino (FG)

800px-andrea_sacco_e_antonio_piccininno
1987. I Cantori di Carpino Antonio Piccininno e Andrea Sacco. Foto di Ettore de Carolis – Associazione Culturale Carpino Folk Festival

Fonte: Antonio Piccininno

Vide ché bbella ggiòvene m’héi capate

E mm’héi capate,
e vidë ché bbella ggiòvene m’héi capate,
oh ma quand’è bbelle chè me fa murije,
che lla vocca spambanate ohi quanne parle,
che li labbre nzuccarate ohi quanne rire…

… Ohi quanne rire
che li labbre nzuccarate ohi quanne rire…
Arruspìgghiete da lu sonne, cara zetelle,
e cché ne nge dorme quanne nuie ce am’a amaie
e nnu lette de veiole ce l’avima faie…

… ce l’avima faie,
e nnu lette de veiole ce l’avima faie…
e llu matarazze e lli cuscine de sete,
e mma li lenzole sonne arracamate
e mma la cuperte iè de rosaveiole…

… de rosaveiole,
e mma la cuperte iè de rosaveiole e rosë,
rose e Rosë iè la zite quanne m’la spose.
E lla zite quanne m’la spose e ttutta pembosa va,
la matine ce mette li cose e lla sere ng’i vole luuà.
Lu zetílle malandrine la cavezette la vole terà.
La zetella abbruvegnose abbasce l’occhie, ne nvole parlà.

Quand’è bbelle la pupe de pezze,
iè patronë de trè ccittà.
Quanne camine no nge spezze,
quand’è bbelle la pupe de pezze.

E mi son scelto / e vedi che bella giovane mi son scelto, / ma è tanto bella che mi fa morire, / con la bocca bella aperta ohi quando parla, / con le labbra zuccherate ohi quando ride… // ohi quando ride, / con le labbra zuccherate ohi quando ride… / Svegliati dal sonno, cara sposina, / ché non si dorme quando ci dobbiamo amare / e un letto di viole ci dobbiamo fare… // ci dobbiamo fare / e un letto di viole ci dobbiamo fare… / e il materasso e i cuscini di seta / e [ma] le lenzuola sono ricamate / e [ma] la coperta è di rosaviola… // di rosaviola, / e [ma] la coperta è di rosaviola e rosa, / rosa e Rosa è la sposina quando la sposo. / E la sposina quando la sposo tutta pomposa va, / la mattina indossa l’abito e la sera non se lo vuol levare. / Lo sposino malandrino la calzetta le vuol levare. / La sposina vergognosa abbassa gli occhi e non vuol parlare. // Quant’è bella la bambola di pezza, / è padrona di tre città. / Quando cammina non si spezza, / quant’è bella la bambola di pezza.

Trascrizione del dialetto secondo il manuale Scrivere la lingua madre

Dialetto di Cagnano Varano (FG)

cagnano_varano_centro_storico
Foto di Domenico Sergio Antonacci

Vide cchè bbella lune, cchè bbelli stelle

Vide cchè bbella lune, cchè bbelli stelle,
quessa iè lla nuttata pe rrubbà donne.
Chi rrobbe li donne ne nge chiama latre,
ce chiama ggiuvanotte svendurate.
Ggiuvanotte svendurate, vene, vene.
Te fa la bbocca a risë e ll’occhie bbasse.
Quille sò segnë d’amore che ve facite…

che ve facite e lla,
quidde che vò la fèmmina fa.
Se me nfonne ne mm’ave chi ’ssucà.
E më chiame tu, nennella,
pe fàrete pazzeià.

Vedi che bella luna, che belle stelle. È questa la notte per rubare donne. Chi ruba donne non si chiama ladro, si chiama giovanotto sventurato. Giovanotto sventurato, vieni, vieni. Lei ti sorride e ha gli occhi bassi. E questi son segni d’amore che vi fate… che vi fate ellà, quello che vuole la femmina fa. Se mi bagno non c’è chi mi asciughi. E mi chiami tu, bambina, per farti divertire.

Tratto, con adattamenti, da Leonarda Crisetti Grimaldi, Bbèlla, te vu mbarà a ffà l’amóre. Canti e storie di vita contadina, Centro Grafico Francescano, Foggia, 2004, p. 205.

Per la grafia del dialetto di Cagnano Varano consulta il manuale Scrivere la lingua madre

Dialetto di Trinitapoli (FG)

trinitapoli

Ninnananne

Ninnananne e ninnanannë,
nascì Ggêsü Bbomméne alla capanne.
La nötte de Natöle na nze dörme,
ho fatte u figghie màsquele la Madönne.

Ninnananne e ninnavòulë,
durmisciamille tóu, sanda Necòule.
Sande Necòule vè che mörë
e vvè vestóute da marenöre.

Ninnananne e ninnanannë,
durmisciamille tóu, cara sand’Anne;
ninnananne e ninnanannë,
cüsse ié u tresàure de la mamme.

Ninnananne e ninnaréddë,
u lóupe s’ho mangiöte la pucherédde.
Pucherédda màie, accòume te vedìeste
quanne mmocche ó lóupe te truuìeste?

Madönna màie, tinamille mbrazze,
fine ca vàuche e vénghë dalla chiazze;
Madönna màie, tinamille nzéne,
fine ca vàuche e vénghë do muléne.

Ninnananne e ninnanannë,
l’addàure de li figghie ié la mamme.
Quanne nasciste tóu, nascì la ròuse,
nascì la pambanédde e lla ceröse.

Quanne nasciste tóu, nascibbe iéie,
nasciamme tütt’e ddóu jind’a nna déie.
Ninnananne e ninnanannë,
nescióune te vòule bböne accòume alla mamme.

Ninnananne e ninnavòule,
ho mörte la iaddene sàupe all’òuve;
ho mörte la iaddena cenaréne,
ca te faciave l’ùeve sare e maténë.

Vattinne, vattinne, papönne,
ce ne nde ne vè te rombe i ccörne;
vattinne, vattinne, pezzénde,
ca u meninne dörme mmandenénde.

Ninnavòule e ninnasùennë,
s’honne rotte li camböne a Sand’Andùenië;
ninnavòule e ninnasùennë,
cüsse meninne vòule fè nu sùenne.

Sùenne ngannatàure, ngannaggénde,
na nzi ngannénne a stu figghie, ca ié nucénde.
Sùenne sùenne, accòume na nge vìene?
Vìene alla stess’ àure ca venìeste ajìere.

Ninnavòule e ninnavulessë,
figghie de cavallìere e prengepessë.
Ninnananne e ninnasùenne,
vòule durmì stu figghie, ca le töne sùenne.

Ninnananna. Ninna nanna e ninna nanna, / nacque Gesù Bambino nella capanna. / La notte di Natale non si dorme, / ha fatto il figlio maschio la Madonna. // Ninna nanna e ninna vuole, / addormentamelo tu, san Nicola. / San Nicola va per mare / ed è vestito da marinaio. // Ninna nanna e ninna nanna, / addormentamelo tu, cara sant’Anna; ninna nanna e ninna nanna, / questo è il tesoro della mamma. // Ninna nanna e ninnarella, / il lupo ha mangiato la pecorella. / Pecorella mia, come ti vedesti / quando in bocca al lupo ti trovasti? // Madonna mia, tienimelo in braccio, / fintanto che vado e vengo dalla piazza; / Madonna mia, tienimelo in grembo, / fintanto che vado e torno dal mulino. // Ninna nanna e ninna nanna, / l’odore dei figli è la mamma. / Quando nascesti tu nacque la rosa, / nacque la fogliolina e la ciliegia. // Quando nascesti tu nacqui anch’io, / nascemmo tutti e due nello stesso giorno. / Ninna nanna e ninna nanna, / nessuno ti vuole bene come la mamma. // Ninna nanna e ninna vuole, / è morta la gallina sulle uova; / è morta la gallina cenerina / che ti faceva l’uovo sera e mattina. // Vattene, vattene, babau, / se non te ne vai ti rompo le corna; / vattene, vattene, pezzente, / ché il bimbo dorme immantinente. // Ninna vuole e ninna sonno, / si son rotte le campane a Sant’Antonio; / ninna vuole e ninna sonno, / questo bimbo vuol fare un sogno. // Sonno ingannatore, ingannagente, / non ingannare questo figlio, che è innocente. / Sonno sonno, perché non vieni? / Vieni alla stessa ora in cui venisti ieri. // Ninna vuole e ninna volesse, / figlio di cavaliere e principessa; / ninna vuole e ninna sonno, / vuol dormire questo figlio, perché ha sonno.

Tratto, con adattamenti, da Grazia Stella Elia, Il matrimonio e altre tradizioni popolari, presentazione di Manlio Cortelazzo, Bari, Levante editori, 2008, p. 356.

Per la scrittura del dialetto di Trinitapoli consulta il manuale Scrivere la lingua madre

Dialetto di Alberona (FG)

alberona
Alberona

U figghie scialone

N’ome teneve dùie figghie.
U cchiù ggione nu jórne decive ó patre: «Óie ta’, damme ’a parzeione d’a rrobbe ché më tocche». U patre, p’u tené cundende, spartive a partë uale tutte ’a rrobbe.
Doppe pòche jórne u figghie ggione ze vennive ’a parzeione e carchë de denare a cavaddhë ze sgreiave lundane, a nnu bbelle paiese ze mbundave, e ddhà mettive stanze a ffà bbaldòreie pe fémmenë bbelle e cchiù de nu cumbagne. Poche témbe durave ’a bbella vite, preste rumanive sfasulate e dda li fémmene e dda l’amice abbandunate. Continua a leggere “Dialetto di Alberona (FG)”

Giacomo Strizzi

embossed_line_frameGIACOMO STRIZZI, nato ad Alberona (Fg) nel 1888, morì a Torino nel 1961. Si arruolò come volontario nella Guardia di Finanza. Poi si diplomò e insegnò come maestro elementare.

Ha pubblicato: Cusareddhe pajesane («Coserelle paesane»), Lucera, Scepi, 1933; Scerpetédde («Cianciafruscole»), Foggia, Leone, 1953; Vécchie e nove scerpetédde («Vecchie e nuove cianciafruscole»), ivi, 1957; Frónne e frusce («Ramoscelli e arbusti»), ivi, 1958; L’arche-vérie («L’arcobaleno»), Roma, «Il Nuovo Belli», 1959; Fattaredde e quatrette («Fattarelli e quadretti»), ivi, 1959; U pagghiaredde («Il piccolo pagliaio»), ivi, 1960. Continua a leggere “Giacomo Strizzi”