Dialetto di Vico del Gargano (FG)

phoca_thumb_l_vico-del-gargano_6

QUINDICI PROVERBI

Quanne ce sta ’a grasce måitte ’a chiave nfacce ’a casce.
Quando c’è l’abbondanza devi mettere la chiave alla cassa.

Gàbbete ne nfa mòneche e chièreche ne nfa prèuete.
Abito non fa monaco e chierica non fa prete.

Gacque e foche ne ndròvene loche.
Acqua e fuoco non trovano luogo (ostacoli).

Addumanne a dd’acquaróule se dd’acque è fréscchë.
Stai chiedendo all’acquaiolo se l’acqua è fresca.

Cudde ch’acquåiste pe lu quazze nn-acquåiste pe na vite de fatåije.
Ciò che si guadagna col cazzo (il matrimonio) non si guadagna con una vita di fatica.

Adduve fåicche dd’ache, ne nge tràsce ’a cape.
Dove ficchi l’ago, non ci entra la testa. (Lo strappo, una volta cucito, non si allarga).

Agàuste: cummàugghiete u gàuste.
Ad agosto copriti il busto.

Aiàutete ca Ddåie t’aiàute.
Aiutati che Dio ti aiuta.

Che ne tene cénde l’alloche, che ne tene gàune l’affoche.
Chi ne ha cento (figli) li alloga (li sistema), chi ne ha uno lo affoga.

Ogni vutarë tene ’a cràucia sò.
Ogni altare ha la sua croce. (Ogni famiglia ha i suoi problemi).

Gàute e fésse.
Alto e fesso.

Ú tené tanda måice? Círche de nn-avé besógne.
Vuoi avere tanti amici. Cerca di non averne bisogno.

Amåice e cumbare, parlàmece chiare.
Con amici e compari si parla chiaro.

I cumbagne ce tènene ndr’i cosse.
I veri amici sono solo quelli che hai tra le cosce. (Non fidarti di nessuno.)

I cumbagne l’hâ tené mmedze ’a strade: a caste ne ll’hâ maie purtà.
Gli amici deve averli in strada: a casa non devi mai portarli.

_________

Tratti da F. Granatiero, Rére ascennenne (“Da antica tradizione”). Dizionario dei proverbi garganici, Foggia, Grenzi, 2002.