Eugenio Cirese

Dialetto di Fossalto (CB)

 

Fossalto - La Pagliara Maje Maje
Fossalto (Molise) · La Pagliara Maje Maje

 

Eugenio Cirese

(Fossalto 1884 – Rieti 1955)

 
Serenatella
 
Jè nottë e·jjè serénë
déndr’a ru còre e ngíele.
Le štelle
fermate
vecine,
a·ccócchia a·ccócchia
o sole,
com’a pecurêllë
štiènne pasciênne
l’aria de notte
míez’a ru cuåmbe
senza rocchie
e·ssenza fine.

Spónda la luna
e parë lu paštore
che huårda e·ccónda
la mandra sparpagliata,
e·zz’assecura
che·nnescjuna
ze spêrde
míez’a ru verde.
Canda nu rascjagnúole
la letanìa d’amore
déndr’a na fratta.
Canda pe·ttê
che viglië, bella,
e síendë
la serenata
déndr’a la štanza
arešchiarata.

Ne nd’addurmì, dulcézza,
véglia fine a demanë,
e·ppenza a·mmê che štonghe
a·rrepenzà lundane,
e huårde
la luna gghianga
che·tt’accarézza
e parë che·tt’arrênne
redênne
ru vasce che të donghe.
 
Serenatella. È notte ed è sereno dentro nel cuore e in cielo. Le stelle vicine, a coppie o sole, come le pecorelle stanno pascendo l’aria di notte in mezzo al campo senza cespugli e senza fine. Spunta la luna e pare il pastore che guarda e conta la mandria sparpagliata, e si assicura che nessuna si perda in mezzo all’erba. Canta un usignolo la litania d’amore dentro a una fratta. Canta per te che vegli, bella, e senti la serenata dentro la stanza rischiarata. Non t’addormire, dolcezza, veglia fino a domani, e pensa a me che sono a ripensarti lontano, e guardo la luna bianca che t’accarezza e pare che ti renda ridendo i miei baci.

 
 
Canzunetta

Tu vié’ a la fónda
le piénne a·llavà,
l’amore t’affrónda
t’ajuta a sciacquå´.
La spara cumbónne
la tina te pónne.

Tu vié’ a ru vosche
la légna a·ffascià,
l’amore canósche
che vênë a·ttaglià.
La spara cumbónne
ru fascie te pónne.

Tu vié’ a la vigna
ca vú’ velegnà,
l’amore la pigna
t’ajuta a·ttaglià.
La spara cumbónne
la céšta te pónne.

Tu vié’ a ru líette
ca vú’ repusà,
l’amore a despíettë
pe·fforza vò ndrà.
Ru líette accumbónne
la tréccia scumbónne.

Canzonetta. Tu vai alla fonte i panni a lavare, l’amore ti viene incontro t’aiuta a sciacquare. Il cercine compone, la tinozza in testa ti pone. Tu vai ai boschi la legna ad ammucchiare, l’amore conosco che viene a tagliare. Il cercine compone, il fascio in testa ti pone. Tu vai alla vigna, che vuoi vendemmiare, l’amore il grappolo t’aiuta a tagliare. Il cercine compone, la cesta in testa ti pone. Tu vai nel letto, che vuoi riposare, l’amore per dispetto a forza vuole entrare. Il letto compone, la treccia scompone.

 
Repose
 
Forse che·ll’òme appéna z’è ’ssupite
dope la fatejata de ru júerne,
lassa ndêrra lu cúerpe appesandite
e zë va a méttë ngíele
pe gode lu repose
a lumë de le štelle.

Ru vendaríelle
pare che·tt’areporta lu respire
e lu Befíerne
arrima le paròle
e·ffa sendì lu cande de lu súenne.
Nu rascjagnúele,
da chi sa ddó, respónne.

Riposo. Forse che l’uomo appena si è assopito, dopo la fatica del giorno, lascia in terra il corpo appesantito, e si va a mettere in cielo per godere il riposo alla luce delle stelle. Il venticello pare che ne riporti il respiro, e il Biferno rima le parole e fa sentire il canto del sonno. Un usignolo, chissà da dove, risponde.
_________

Testi di riferimento in Mario Dell’Arco e Pier Paolo Pasolini (a cura di), Poesia dialettale del Novecento, pref. di Giovanni Tesio, Torino, Einaudi, 1995, pp. 99-101. Trascrizione con adattamenti. Voci: Domenichina Piedimonte e Vincenza Cornacchione.

Annunci

Traduci la favola e manda il tuo video!

Il vento e il sole (Esopo)

Un giorno il vento e il sole cominciarono a litigare.
Il vento sosteneva di essere il più forte e a sua volta il sole diceva di essere la forza più grande della terra.
Alla fine decisero di fare una prova.
Videro un viandante che stava camminando lungo un sentiero e decisero che il più forte di loro sarebbe stato colui che sarebbe riuscito a togliergli i vestiti.
Il vento, così, si mise all’opera: cominciò a soffiare, e soffiare, ma il risultato fu che il viandante si avvolgeva sempre più nel mantello.
Il vento allora soffiò con più forza, e l’uomo chinando la testa si avvolse un sciarpa intorno al collo.
Fu quindi la volta del sole, che cacciando via le nubi, cominciò a splendere tiepidamente.
L’uomo che era arrivato nelle prossimità di un ponte, cominciò piano piano a togliersi il mantello.
Il sole molto soddisfatto intensificò il calore dei suoi raggi, fino a farli diventare incandescenti.
L’uomo rosso per il gran caldo, guardò le acque del fiume e senza esitare si tuffò.
Il sole alto nel cielo rideva e rideva.

Il vento deluso e vinto si nascose in un luogo lontano.

 

Traduci la favola e manda il tuo video!

Nel vecchio Regno di Napoli – Abruzzo, Molise, Lucania, Puglia centro-settentrionale, Calabria settentrionale, e aree limitrofe con la cosiddetta “e muta” – si parlano i Dialetti Alto-Meridionali (DAM) o «lingua napoletana» (UNESCO), che è la seconda lingua d’Italia.

Se sei dell’area, manda a f.granatiero@libero.it la tua traduzione in dialetto (che verrà usata per i sottotitoli) e un video (non verticale) con un buon audio e le indicazioni di Comune e Provincia.

Scrivi il dialetto come ti viene, senza preoccuparti. Con la guida dell’audio verrà poi integrato, adattato al video e pubblicato su YouTube, in Poesia e dialetti e sulla pagina Facebook I Dialetti Alto-Meridionali. Si possono inviare anche delle foto del luogo con cui sostituire in parte o in tutto la ripresa della propria immagine.

Dialetto di Foggia

U vínde e u söle

Versione di Gianni Ruggiero

Nu júrne vínde e·ssöle attaccàrene a·ffà quéstiòne.

L’une e·ll’ate s’avandàvene d’èsse sòpe a tèrre u cchiù fortë.

Accussì se mettèrene d’accorde e facìrenë na sfide. E vedenne nu puverílle ca jéve venenne pe nu tratture, facìrene nu patte: u prime che u fëce levà da ngúlle i panne, vénge.

Continua a leggere “Dialetto di Foggia”

Dialetto di San Marco in Lamis (FG)

Lu uénde e·llu sole

Versione di Luigi Ianzano

Nu jurne, lu uénde e·llu sole abbìjene a·lletecà: lu uénde ce créde cchiù fortë e allu sole li fa ciche ciche: jè gghjisse, a·llu munne, lu cchiù fermë.

Ah mbè, ce danne la ndésa. Pustéjene nu rumèie allu tratture e strégnene li dénde: chi jè bone a scuffelà a·cquidd’òme li panne da ngódde, còse ce sònne, ségne jè cché quiddë secure è cchiù dë férrë.

Continua a leggere “Dialetto di San Marco in Lamis (FG)”

Dialetto di Mola di Bari (BA)

U vínde e u såule

Versione di Antonio Palumbo

Na dîje u vínde e u såule accumenzèrene a·ffé léite.
U vínde deciave de jésse u cchiù fórtë, mbésce u såule deciave ca jave jîdde a forze cchiù granne d’a terre.
Alla féine, decedèrene de fà na prove.
Vederne jöune che scjave camenanne lúnghe a·nnu sendíere, e decedèrene ca u cchiù fórtë de llori ddoie, ava jèsse códe c’avâ rejèscie a leuàrenge i·rrobbe da nguèdde. Continua a leggere “Dialetto di Mola di Bari (BA)”

La «lingua napoletana»

Traduci la favola di Esopo e manda il tuo video! 

U uínde e u sòule
(dialetto di Mattinata – FG)

Nu júrne u uínde e u sòule accumenzèrene a·lleteché.
U uínde decèive de jesse lu cchiù fortë e allòure u sòule decèive ca jére jisse la forza cchiù jerosse de la terre.
Alla fine decedèrene de fé na prove.  Continua a leggere “La «lingua napoletana»”