Dialetto di San Marco in Lamis (FG)

54

JOSEPH TUSIANI

Li fracchie*

Scendelleja, verneceja,
la Madonna mo passeja.
Tutta luce, tutt’anélle,
la Madonna tande bellë.

La Madonna Addulurata
chiagne làcreme de luce.
Passa passa p’ógne strata
quéssa fracchia a cérrë e nocë.

No nge védene cchiù stélle,
mo li stélle stanne nderra;
passe amméze li fratelle
la Madonna, mand’adzurre.

A funestrë e ballechéttë
sta la gendë ngunecchiata:
tutta luce e ttutt’afflitta,
la Madonna Addulurata.

Canda canda, canzungina,
foche foche, vòla vòla!
Sope n’ónna ce avvucina
la Madonna sola sola.

Chi l’ha ffatta quédda fracchia,
la cchiù rròssa e lla cchiù ttónna?
Quallu vosche e cqualla macchia
ce ha mbrestate tanda frónna?

L’ime fatta tutte quande,
ógni ffrónna nu delore,
ógni ffrasca jè nnu chiande,
ógni vvamba jè nnu còre.

Passa passa, Addulurata,
benedicë a stu pajese!
Tutta luce e scunzulata,
la Madonna sammarchesa.

Le fracchie. Scintilla, sfavilla, / ora passa la Madonna. / Tutta luce, tutt’anelli, / la Madonna così bella. // La Madonna Addolorata / piange lacrime di luce. / Passa passa in ogni strada / questa fracchia di quercia e noce. // Non si vedono più stelle, / ora le stelle sono per terra; / passa in mezzo ai Confratelli / la Madonna, mantoazzurra. // A finestre ed a balconi / sta la gente inginocchiata: / tutta luce e tutt’afflitta, / la Madonna Addolorata. // Canta canta, canzoncina, / fuoco fuoco, vola vola! / Sopra un’onda si avvicina / la Madonna tutta sola. // Chi l’ha fatta quella fracchia, / la più grande e la più tonda? / Quale bosco e quale macchia / ci ha prestato tanta fronda? // L’abbiam colta tutti quanti, / ogni fronda un dolore, / ogni ramo è un pianto, / ogni fiamma è un cuore. // Passa passa, Addolorata, / benedici questo paese! / Tutta luce e sconsolata, / la Madonna sammarchese.

* Fracchie, grosse fiaccole di tronchi d’albero segati longitudinalmente, divaricati e inzeppati di legna fino ad assumere forma conica; vengono montate su ruote, incendiate e trascinate in corteo nella processione dell’Addolorata il Venerdì Santo.

_______

Trascrizione con adattamenti (cfr. il manuale Scrivere la lingua madre). Voce: ragazze e ragazzi. Fonte: youtube. Testo e traduzione da: Joseph Tusiani, Storie dal Gargano, Poesie e narrazioni in versi dialettali (1955-2005), a cura di Antonio Motta, Anna Siani e Cosma Siani, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2006, pp. 54-57.