Scrivere il dialetto

SCRIVERE IL DIALETTO

Dall’Umbria alla Sicilia passando per la Puglia

Manuale di grafia unitaria dei dialetti italiani centro-meridionali

Italy_-_Forms_of_Dialect

Annunci

Dialetto di Barrea (Aq)

Lago di Barrea (Aq) - Foto di Sogeking
Lago di Barrea (Aq) – Foto di Sogeking

U ceglióne

A mmi m’hé cresciute mamma Sctélla! I’ sctéva sembe alla casa sé. Ndsacce quand’anne tenéva, ma èra pìccula! Quande nu jurne me menétte mmende d’addummanarce: «Mamma Scté, ma tu la si’ viscta la cicógna quande m’hé purtate a mmi?»

A cquande ca ze ne scétte e mme fa: «Jih, sia fatta la vulendà de Ddi’! La cicógna a tti! a tti t’hé purtatu u ceglione!».

«E cché è u ceglione, mamma Scté?»

«Eh, è u ceglione», me respunnétte.

Mah!, indsómma i’ purtéva sembe le denucchiélla scurtecate pe jì uardenne pe d-aria a vvedé se ppasséva sctu cacchie de ceglione, ca a mmende mé era nu céglie grósse!
Eh mmica è fenuta ècche! N’òte jurne scteva che mmamma, che ze scteva a ppeglià u café che ll’amiche sé, e sctévane a pparlà de quande allattévane i figlie. Mò i’ arrecchiéva, e a nu certe punte decéi: «Mà, com’era i’ quande m’allattive?»

Chél’ota pe ffalla cchiù bbella a cquande ca ze ne scétte e mme respunnétte: «Va’ addummannà alla vacca, ca chéla t’hé allattate a tti, i’ che nne sacce?»

Mbè, a mmi me ze cumendsirne a ndruvedà le cerevella, e cquande jéva a ppazzià che j’òte uagliunitte, pendséva sembe: Ma chiscte le saparrave ca a mmi m’hé purtate u ceglione e mm’hé ’llatate la vacca?»

Mbè, mo le sapete pure vu’ pecché Rosa Maria è sciuta fòre accus¢ì, nn’è ccólpa mé!»

 

L’uccellone

A me m’ha cresciuto mamma Stella! Io stavo sempre a casa sua. Non so quanti anni avevo, ma ero piccola. Quando un giorno mi venne in mente di domandarle: “Mamma Stella, ma tu l’hai vista la cicogna quando ha portato a me?”

A quel punto lei se ne uscì e mi fa: “Iih, sia fatta la volontà di Dio, la cicogna a te? A te ti ha portato l’uccellone”.

“E cos’è l’uccellone, mamma Stella?»

“Eh, è l’uccellone”, mi rispose.

Mah! Insomma io avevo sempre le ginocchia sbucciate, perché andavo guardando per aria per vedere se passava questo cacchio di uccellone, che nella mia mente era un grosso uccello!

E mica è finita qui! Un altro giorno ero con mamma, che stava prendendo il caffè con le sue amiche e stavano parlando di quando allattavano i figli. Allora io ascoltavo e, a un certo punto, dissi: “Ma’, com’ero quando mi allattavi?”

Quella, per farla più bella, se ne uscì rispondendomi: “Vai a chiedere alla vacca, perché quella ti ha allattato a te, io che ne so?”

Beh, a me cominciò a intorbidirsi il cervello e, quando andavo a giocare con gli altri bambini, pensavo sempre: Ma questi lo sapranno che a me mi ha portato l’uccellone e mi ha allattato la vacca?

Beh, ora lo sapete anche voi perché Rosa Maria è uscita fuori così, non è colpa mia!

Audio: Rosa Maria Scarnecchia. Collaboratore: Elio Flagiello. Materiale inviato da Mario Marchionna. Trascrizione DAM (Scrivere il dialetto)

Dialetto di Locri (Rc)

Locri-Tempio-Marasà
Locri – Tempio Marasà

Alfredo Panetta

U gàlanu

U cchiappai, nci allisciai i pinni
cu na manu, cu ll’àuthra nci stujai
u sangu mbiscatu a ccoccia ’i chiumbu.

Mbicinai i labbra a jja pagura
virdi, nci arricchiai u thréntulu:
parìanu ngusci ’i figghiolèju.

M’ahhiancà a na masthra
d’abbivaratizziu, u dagià ntâ
na pethra d’armacera…

nci appojai vicinu â testicèja
na junta d’erba frisca

e mmâ fujìi.

Il rigogolo. L’ho catturato, gli ho lisciato le piume / con una mano, con l’altra gli ho pulito / il sangue impregnato di piomo. // Ho avvicinato le labbra a quella paura / verde, ho ascoltato il tremito: / sembravano i gemiti di un neonato. // Mi sono accostato a un canale / d’irrigazione, l’ho adagiato su / una pietra di muro a secco… // gli ho posato vicino alla piccola testa / un ciuffo d’erba fresca // e sono scappato. (Traduzione dell’autore. Da Petri ’i limiti, “Pietre di confine”, Moretti & Vitali, Bergamo 2005)

 

’A luna ’i Giamperranti

Quandu ’a luna si curca
arretu ê cerzi ’i Giamperranti
pappùma ncigna u nterra
simenzi ’i panìculu.
Una esti pô cantu d’u scropìu
cusì llentu chi mmartèja nt’a ll’ossa
n’àutru è ppâ jornata ’i sidura
chi ssulu ’u vinu si fida pè mmu asciuca
e na junta ntera â fini è ppè ll’acqua
dâ vinèja chi smovi i pali d’u mulinu
(cusapi quantu passa ’i tandu a du matinu
cusapi quanta farina finu all’eternità).

Mberzù sup’ô timpuni, ppizzatu
nt’a nu cùfalu di timpa, guarda u cielu
’n ziafrò. Dint’ê sò occhji staju
’i jja notti, chija chi nnescì mama.

La luna di “Gianferrante”. Quando la luna si corica / dietro le querce di “Gianferrante” / mio nonno materno comincia / a interrare semi di granturco. / Uno è per il canto dell’assiolo / così lento e martellante nelle ossa / un altro è per la giornata di sudore / che solo il vino riesce ad asciugare / ed una manciata intera / per l’acqua del ruscello che muove / le pale del mulino (chissà quanta / ne scenderà da lì fino al mattino, chissà quanta farina / fino all’eternità). // In alto presso il colle, ficcato / nell’incavo di un dirupo, fissa il cielo / un ramarro. Dentro i suoi occhi abito / da quella stessa notte, in cui nacque mia madre. (Traduzione dell’autore. Da Na folia nt’è falacchi, “Un nido nel fango”, edizioni CFR, Piateda So 2011)

______

Grafia con adattamenti (Scrivere il dialetto) aggiornata dall’audio di Youtube

Dialetto di Macerata

c_109_meteocitta_73_upifoto
Macerata (da meteo.it)

Lu vendu de tramondana e llu sòle

Un gnórnu lu vendu de tramondana e llu sòle facìa discussió su cchi dde li dui adèra lu più fforte, quando védde ’rrigà unu co addossu un mandellu. Allora dicise che lu più fforte sarìa statu quillu de li dui ch’adèra capace de faje leà lu mandellu.

Lu vendu per primu cumingiò a ccioffià co ttutta la forza che cc’ìa, ma più ccioffiava e ppiù cquillu se strignìa dendr’a lu mandellu, finghé a la fine lu vendu nón se détte per vindu.

Lu sòle da parte sua ngumingiò a splenne e ssùbbito lo callo obbligò ll’òmo a lleàsse ’l mandellu. ’Ccus¢ì la tramondana ’n doétte rconósce che llu sòle adèra più fforte de éssa.

T’è ppiaciuta sta storiella? Voli che tte la reccondo n’andra orta?

* Dall’audio del Laboratorio di Fonetica Sperimentale “Arturo Genre”

____________

Grafia con adattamenti (Scrivere il dialetto). La virgoletta (‘) del Video potrebbe essere un’alternativa per chi non ama la doppia iniziale.

Dialetto di Patrica (FR)

1462381141_panorama__inviate_copia

La canzone che segue, opera di Peppino Vallecorsa, ha attirato la mia attenzione per alcune particolarità del suo dialetto.
A Patrica (FR), situata a circa dieci chilometri a Ovest di Frosinone, il cui dialetto ha ancora lo schwa, si parla già un dialetto di area mediana.
Più che la congiunzione ‘e’, la voce del verbo essere à ‘è’ o la metafonesi di tipo ciociaro (béglio, ócchi, chéllo, San Pétri), balzano agli occhi e all’udito gli esiti di -E finale in -o (’a uallo ‘la valle’, sólo ‘sole’, còro ‘cuore’, sempro ‘sempre’, gento ‘gente’, bèno ‘bene’, Cacumo ‘Cacume’, pajéso ‘paese’) e di E pretonica o in protonia in -u- (rupendso RE- ‘ripenso’, ruspónna RE- ‘risponde’; tu uito TE ‘ti vedo’, tu sento ‘ti sento’, cu ppiòua ‘che piove’, mu sento ME ‘mi sento’, du pianto DE ‘di pianto’, pu lla ‘per la’). Un’eccezione, croci CRUCE(M) ‘croce’, dove la E esita in -i.

Pràtica

Acquanno mu métto affattato a nnu muriglio,
acquanno jé uito accómmo à bella ’a uallo,
acquanno tu uito d’attèra all’autostrada,
acquanno tu sento parlà cu sta ncantata,
acquanno cu ppiòua ajjécco à ttutto scuro,
acquanno ci sta i’ sólo ajjécco à béglio própia
mu sento i’ còro c’ajjécco batta sempro,
mu sento gli ócchi ca su nfónneno du pianto.

I ppendso a pPràtica,
si’ cchéllo cu mmu manca, Pràtica,
à gli pajéso méjo Pràtica, à nna candsona
cu ssu ghiama, ghiama, ghiama, ghiama Pràtica.

Ularìa sta sempro ajjécco, Pràtica,
tu pendso i ttu rupendso, Pràtica, ’a gento téja
tu uò bèno i ccanta i ddìcia i strilla Pràtica.
Acquanno jé uito luntano Cauciano
i uuito dalla Piazza ’a croci du Cacumo
i ppendso alla Loja i ppendso alla Ciuuitta,
jé cu cci hai campato pu ppoco tempo schitta,
sopo a San Pétri sòna i’ campanono,
attèra agli Frati ruspónna ’a campanella,
passa pu lla Strada ’a sedia du Sa rRocco
i ppiù ppassa i’ témpo i ppiù tu fai ppì bella.

I ppendso a pPràtica,
si’ cchéllo cu mmu manca, Pràtica.
À gli pajéso méjo Pràtica, à nna candsona
cu ssu ghiama, ghiama, ghiama, ghiama Pràtica.

Ularìa sta sémpro ajjécco, Pràtica,
tu pendso i ttu rupendso, Pràtica, ’a gento téja
tu uò bèno i ccanta i ddìcia i strilla Pràtica,
Nido du rundinella nfaccia agli sólo,
si’ ttutta bella, bella, bella, bellabbella… mbè!

Patrica. Quando mi metto affacciato a un muretto, / quando vedo come è bella la valle, / quando ti vedo giù dall’autostrada, / quando ti sento parlare con questa cadenza, / quando piove qui è tutto scuro, / quando c’è il sole qui è proprio bello / mi sento il cuore che qui batte sempre, / mi sento gli occhi che si bagnano di pianto. // E penso a Patrica, / sei quello che mi manca, Patrica, / è il paese mio Patrica, è una canzone / che si chiama, chiama, chiama, chiama Patrica. // Vorrei stare sempre qui, Patrica, / ti penso e ti ripenso, Patrica, la tua gente / ti vuole bene e canta e dice e grida Patrica. / Quando vedo lontano Calciano / e vedo dalla Piazza la croce di Cacume / e penso alla Loggia (1) e penso alla Civetta (2), / io che ci ho vissuto solo per poco tempo, / su a San Pietro suona il campanone, / giù dai Frati risponde la campanella, / passa per la Strada la sedia di san Rocco / e più passa il tempo e più ti fai più bella. // E penso a Patrica, / sei quello che mi manca, Patrica, / è il paese mio Patrica, è una canzone / che si chiama, chiama, chiama, chiama Patrica. // Vorrei stare sempre qui, Patrica, / ti penso e ti ripenso, Patrica, la tua gente / ti vuole bene e canta e dice e grida Patrica, / nido di rondinella in faccia al sole, / sei tutta bella, bella, bella, bellabella…sì!

(1) Porticato.  (2) L’aquila del Monumento ai Caduti.
_______

Testo e traduzione vengono forniti da Marcella Ciari e adattati alla grafia del sito. Cfr. Marcella Bufalini Ciari & Tarquinio Tolassi, L’Accademia dulla Sémmala. Voci patricane da non perdere, Patrica, Pro Loco, 2011. Per la pronuncia, oltre al contributo della Ciari, ci si è avvalsi del filmato postato su Youtube. Per la grafia clicca su Scrivere il dialetto