Nicola G. De Donno

maglie foto di Piero Rasero
Maglie, centro storico (foto di Piero Rasero)

Dialetto di Maglie (LE)

NICOLA G. DE DONNO

 

Nicola Giuseppe De Donno (1920-2004) di Maglie (LE) è un importante poeta dialettale dell’ultimo trentennio del Novecento italiano e, con il quasi coetaneo Pietro Gatti di Ceglie Messapica, uno dei due massimi dialettali del Salento. Nato nel 1920, si laureò brillantemente in filosofia nel luglio del 1946 presso la Scuola Normale Superiore di Pisa e subito dopo curò la sezione filosofica della rivista «Belfagor», fondata e diretta da Luigi Russo. Ma rinunciò poi, non senza sacrificio, all’incarico universitario offertogli dalla Normale, e molto si adoperò come preside del Liceo “Capece” di Maglie. Ha pubblicato vari saggi su Pascal e Bergson, numerosi studi di storia patria e di paremiologia, e ben tredici raccolte di poesia in dialetto, quattro delle quali con Vanni Scheiwiller, suo grande amico, che definì la sua poesia «politica nel senso dantesco, una lettura del civile in termini politico-sociali». Di lui si sono ampiamente occupati, tra gli altri, Donato Valli, Mario Marti, Maria Corti, Oreste Macrì, Giovanni Tesio, Antonio Lucio Giannone.

 

Uthràntu
ad Oreste Macrì

Mare de sale, jentu senza cantu:
a Uthràntu cinque sèculi de jentu,
frange de cràuli an celu, e stu spamientu
ca dura, e llu ribbombu de ddhu scıantu.

Cusì t’ài sthrutta a pelle e chiesa, Uthràntu,
ma ogni annu su llu cippu alli Ottucentu
se scunùcchiene l’osse, e allu Salentu
li cràmmani ricordi, e chiami chiantu.

Piccinni nuti cu rrena pe mmantu
àlica sporca de scoma de mare
scàvane scàvane a gnenti thruvare.

O pe tthruvare reliquie de Santu,
isca de paratisu, a frasturnare
pena de pane vera a vanu vantu.

Otranto. Mare di sale, vento senza canto: / ad Otranto cinque secoli di vento, / frange di cornacchie in cielo, e questo spavento / che dura, ed il rimbombo di quello schianto. // Così ti sei consumata a pelle e chiesa, Otranto, / ma ogni anno sul ceppo agli Ottocento / si disarticolano le ossa, ed al Salento / gli càrmini memorie, e chiami pianto. // Fanciulli nudi con rena per veste / alghe sporche di schiuma di mare / scavano scavano a niente trovare. // O per trovare reliquie di Santi, / esca di paradiso, a distrarre / pena di pane vera a vano vanto. (Da Cronache e Paràbbule, Bari /S. Spirito, Centro librario, 1972; ora in N. G. De Donno, Tutte le poesie, a cura di Simone Giorgino, vol. I, Lecce, Milella, 2016, p. 231)

 
Vèstite de sita

 
Tu si’ la ggioventù ca se n’è scıuta
annu dopu annu senza mai nne lassa,
senza lla tocca lu tiempu ca mmassa
ràppuli e rèume e lentu ne thramuta.

Vita de oscı duce comu pàssula
de l’ua de jeri all’ànima. Sparuta
ogne ddurezza de pena patuta,
ogne nnùticu llenta e se smatassa.

A fiancu a fiancu l’imu caminata
sta via ca sale e scinne de la vita,
e mo nu mmanca mutu alla fermata.

Tènite pronta, vèstite de sita
comusìa ntorna ca è lla prima fiata
e ca è ll’amore, sempre, ca ne nvita.
 
Vestiti di seta. Tu sei la gioventù che se n’è andata / anno dopo anno senza mai lasciarci, / senza che la toccasse il tempo che accumula / rughe e reumatismi e lento ci trasforma. // Vita di oggi dolce come pàssola / dell’uva di ieri all’anima. Sparita / ogni durezza di pena patita, / ogni groppo si allenta e si scioglie. // A fianco a fianco l’abbiamo percorsa / questa via della vita che sale e scende, / e ora non manca molto alla fermata. // Tieniti pronta, vestiti di seta, / come fosse di nuovo la prima volta / e fosse l’amore, sempre, ad invitarci. (Da Mumenti e rumenti, Lecce, Manni, 1986; ora in N. G. De Donno, Tutte le poesie, vol. I, cit., p. 425)

Tardìa sta primavera
 

Duce sta primavera nuvembrina
calleggia rari susu ll’onde chiare
fiuri de scome càndite. Thraspare
jundu allu fundu d’àlica z-z-urrina.

E luntanu me porta all’àuthru mare
ca me mareggia an fundu, e me nturcina
thrumenti su llu gnenti e lla scatina
de l’otaluri cucchi allu nfucare.

Puru, tardìa sta primavera è ssia
ca m’àe lluciuta n’arba ggià sparuta
– quannu? – allu gnenti. E sse arba è dde bbuscıa

e cascıu, nun m’è mmara sta catuta
fantasticànnume luce. Poi, sia
se lampu sia de lampa ca se stuta.

Tardiva questa primavera. Dolce questa primavera novembrina / tiene a galla sulle onde chiare radi / fiori di spume candide. Traspare / un ondeggiare sul fondo di alga azzurrina. // E lontano mi porta all’altro mare / che mi mareggia nel profondo, e mi attorciglia / rodimenti sul niente e lo scatenarsi / dei vortici prossimi all’affogare. // Pure, questa tardiva primavera è come / se mi abbia accesa un’alba già sparita / – quando? – nel niente. E se è alba bugiarda // e cado, non mi è amara questa caduta / fantasticandomi luce. Poi, nulla importa / se sia lampo di lampa che si spegne. (Da Palore (1988-1998), postfazione di Vanni Scheiwiller, Milano, All’insegna del pesce d’oro, 1999; ora in N. G. De Donno, Tutte le poesie, a cura di S. Giorgino, vol. II, Lecce, Milella, 2017, p. 850)

 
Spettu…

 
Cce authru nc’ete ca te pozzu dare
se nu nnu fiuru ca nu ggiova a gnenti
se nu nna tomba ca mancu la senti
e nnu ricordu ca s’â scancellare

mpena jeu me scancellu? Né autrimenti
tie urmài de mie tieni cosa a cercare.
Tra la morte e lla vita nc’è nnu mare
ca màncane llu varchi bastimenti.

E però morti e vivi pari gnenti
suntu, e llu gnenti è ttuttu: morti e vivi,
e celu e terra, e llegrità e thrumenti.

Ma quasisìa nu nc’è, chiantu cultivi
alla chìccara mea, minu simenti
e spettu… cu tte rrivu e cu mme rrivi.
 
Aspetto… Che altro c’è che ti posso dare / se non un fiore che non giova a niente, / se non una tomba che manco la senti / e un ricordo che si ha da cancellare // appena io mi cancellerò? Né altrimenti / tu ormai tieni cosa da cercare a me. / Tra la morte e la vita c’è un mare / che mancano bastimenti al varcarlo. // E però morti e vivi uguali niente / sono, e il niente è tutto: morti e vivi , / e cielo e terra, e allegrezza e tormenti. // Ma quasi che non ci fosse, pianto coltivazioni / nella chicchera mia, getto semi / e aspetto… che io ti raggiunga e tu mi raggiunga. (Da Palore, cit.; ora in N. G. De Donno, Tutte le poesie, vol. II, cit., p. 855)

Grafia del Centro-Sud

QUADRO SINOTTICO

La grafia è quella dell’italiano, così integrata:

a         aperto (it. ago), in sillaba libera di parola piana può avere una pronuncia alterata, che può essere scritta (päne, chëne ‘cane’, patâne ‘patata’) o descritta in nota.

ä         a che tende a e. (1)

â         a che tende a o. (1)

e (ë)   suono breve e indistinto (fr. pauvre) nell’Alto Meridione (pugl. pertuse [pərtu:sə] buco’, Vieste FG pene [pə:nə] ‘pane’*), ma non in sillaba chiusa di parola senza accento, dove la vocale s’intende tonica e aperta (pugl. pedde [pèddə] ‘pelle’).

In -ue e ­je/-ie finale preceduto da vocale tonica non fa sillaba (pugl. óue [o:w] ‘dove’, ije [i:j] ‘io’, nuie [nu:j] ‘noi). In caso contrario si usa la dieresi (la sòüe [la sò:wə] ‘sua’, nùïe [nu:jə] ‘noi’).

Quando è tonico, in luogo dell’accento si usa la dieresi (Matera amëcere ‘amici’) o l’apostrofo (Bugnara AQ lu paése me’ ‘il paese mio’).

é          chiuso (it. sera).

è          aperto (it. festa).

ê          molto aperto, tendente ad a (stêlle ‘stella’ si pronuncia quasi come ‘stalla’).

o         tonico, aperto in sillaba chiusa (forte [fòrte], pugl. coute [cò:utə] ‘coda’), chiuso in sillaba aperta (core [co:rə] ‘cuore’).

ó         chiuso (it. sole).

ò         aperto (it. notte).

ô         molto aperto, tendente ad a (môrte ‘morta’ si pronuncia quasi come ‘Marte’).

ö         o che tende a e (söle ‘sole’). (1)

i (ì)     spesso aperto, in sillaba libera di parola piana (nite, matine) può indicare un suono alterato, che può essere scritto (néite, nëite, nöite, nòite) o descritto in nota.

î          molto aperto, quasi é.

í          monottongo derivante da íe (cíle < cíele ‘cielo’, vínde < víende ‘vento’).

ï          i che tende a u (simile alla u franc. di mur ‘muro’). (1)

u (ù) spesso aperto, in sillaba libera di parola piana (pupe, cannarute) può presentare una pronuncia alterata, che può essere scritta (pöupe, pìupe) o descritta in nota.

û         molto aperto, quasi ó.

ú         monottongo derivante da úo (fúche < fúeche < fúoche ‘fuoco’).

ü         u che tende a i (u francese di mur ‘muro’). (1)

b         iniziale rafforzato in parte del Centro e in tutto il Meridione (bbelle). (1)

c’         c dell’it. cinque (usato a fine parola).

c          c di bacio in bocca toscana. (2)

ch       k(a,o,u)+h (aspirato) (u chane ‘il cane’). (1)

d-        variante debole (Carpino FG d-inde ‘denti’). (1)

dh      retroflesso (Lecce staddha ‘stalla’, Petrizzi CZ cavadhu ‘cavallo’).

fh        f che tende ad h (Gezzeria CZ alla fhina ‘alla fine’).

g-        variante debole (Lucera FG u g-alle ‘il gallo’). (1)

g(i)     iniziale rafforzato come b (vedi). (1)

g’         g dell’it. giro (usato a fine parola).

gh       gh(a,o,u)+h (Fossalto CB ghalline ‘gallina’). (1)

ghl     gl di glicine (Peschici FG anghliste ‘lombrico’).

j          (iniziale o intervocalico) semiconsonante (it. juta).

h         fricativa velare [x] o laringale sorda [h] (Sicilia hamiari ‘riscaldare il forno’). Limitata al verbo avere, è un puro segno grafico.

h(i)        [ç] (ch del ted. ich) (mol. hiume ‘fiume’, Vibo Valentia hiuhhiari ‘soffiare’).

lh         gli (it. figlio) ma di grado tenue (Bugnara AQ filhe ‘filo’).

nh        gn (it. ragno [rañño]) ma di grado tenue (salentino calunha [kaluña] ‘calunnia’).

nn-     suono velare (Celle di San Vito FG ténn- ‘tempo’, sic. sann-u ‘sangue’).

ph      p+h (aspirato) (Locri RC camphu ‘campo’). (1)

s         sordo (it. sordo) tranne nei nessi automatici (sb, sg ecc.).

s’        sordo (garg. s’ruuìzie ‘servizio’), usato solo davanti a r.

s-        sonoro (Pescasseroli AQ més-a ‘mezza’, Faeto FG ns-uónne ‘in sogno’, Amendolara CS u s-ale ‘il sale’, ’a s-ira ‘la sera’, San Fratello ME nès- ‘naso’). (3)

sc        (davanti a consonante) š del nap. šcala (pugl. sckume o sccume ‘schiuma’, abr. e mol. sctelle ‘stella’, camp. suscpire ‘sospiro’).

sc(ı), e sc(e) dopo dittongo o vocale lunga,    come nel nap. busciardo (abr. vascıà ‘baciare’, pugl. scıucà ‘giocare’, stuscıé ‘pulire’, murèisce ‘ombra’, scıeniisce ‘cinigia’, sic. scıuri ‘fiori’). (4)

sg(ı)   come g(i) nel toscano agile e dugento ‘duecento’ (àsgıle, dusgıento). (4)

th        t+h (aspirato) (Locri RC venthu ‘vento’). (1)

thr      cacuminale (sic. quatthru ‘quattro’).

ts        suono di zeta sordo, come nell’it. canzone (Perugia melantsana). È utile soprattutto in quelle aree dell’Alto Meridione dove non si ha sonorizzazione dopo n (Montecalvo Irpino AV pruvvedentsa). (1)

z          sordo (garganico meridionale tra zappe e zappe [tra tsappə e ttsappə] ‘tra zappa e zappa’), tranne dopo nell’Alto Meridione, dove in genere si pronuncia come nell’it. pranzo (abr. mol. camp. pugl. luc. cosent. penzà ‘pensare’) (1).

z-         sonoro di grado tenue/forte: Melissano BR z-ucufàu ‘rigogolo’, Guardiagrele CH méz-e [medzə] ‘mezzo’, pugl. jarz-one [jardzo:nə] ‘garzone’, alez-à alz-à ‘alzare’, mez-z-e [mèddzə] ‘metà’,  z-z-inghe ‘zinco’, Galàtone LE z-z-ùccaru  nz-ùccaru  ‘zucchero’. (3)

La parola non accentata s’intende piana.

         L’avv. non in caso di aferesi si lega alla parola seguente (sic. n-passari ‘non passare’, nn-èssiri ‘non essere’), in caso di lenizione-sonorizzazione anche in assenza di aferesi (pugl. nen-déne o n-déne ‘non tiene’, nem-bote o m-bote ‘non può’, nen-zépe o n-zépe ‘non sa’).

           L’art. femminile ’a ‘la’ vuole l’apostrofo, le preposizioni articolate l’accento circonflesso (dâ casa ‘dalla / della casa’).

Il raddoppiamento iniziale può essere sottinteso solo dopo la prep. “a” e dopo la congz. “e” (a tè e [a ttè e mmè]), ma non nell’articolo, che, se non rafforzato, è unito da un trattino (a-la ‘alla’, e-le ‘e le’), non necessario dove il rafforzamento sintattico è sconosciuto (come a Perugia). Quello dovuto ad altre parole è sempre scritto (pe mmè, cchiù ssótte, li ssore ‘le sorelle’).

__________

(1) Le vocali alterate solo in sillaba libera di parola piana (ä, â, ë, ï, ö, ü ecc.) si possono scrivere come in italiano (a, a, e, i, o,ecc.), purché lo si dica in una nota. Altrettanto vale per gli allofoni delle consonanti (bb, ch, d-, g-, gg(i), gh, ph, th, nts/nz- ecc.).

(2) Qualora -c(i)- intervocalico semplice suoni sempre come nel toscano bacio, basta dirlo in una nota.

(3) Al posto del trattino si può anche usare il punto alto (che si ottiene premendo Ctrl+Alt e digitando 0183): més·au s·alenès·, z·ucufàu, méz·e, jarz·one, mez·z·ez·z·inghe. La lettera con il punto sotto non è disponibile nella comune tastiera.

(4) La lettera ı si ottiene premendo Ctrl+Alt e digitando 213.

Per leggere o scaricare il manuale completo, clicca su Scrivere la lingua madre

 

Scrivere la lingua madre

Scrivere la lingua madre

Manuale di grafia unitaria del Centro-Sud

Med-Mer-Sic-