Dialetto di Sturno (AV)

Sturno_panorama_4

Lo viénde re tramundana e lo sólee

Nu júorne lo viénde re tramundana e lo sólee s’accimendàveno pecché ognune ré lòro voléva èssere lo cchiù ffòrtee quando vériéreno nu cristano ch’arrivava co lo mandièlle nguóllo. Allóra tutt’e duie rìssere ca lo cchiù ffòrtee fósse stato chi éra capace re ci levà lu mandiélle ra cuóllo.

Lo viénde re tramundana accumingiava a vottà fòrtee, ma cchiù vvottava e cchiù lo cristiano si stringéva rind’ a-lo mandiéllo, e ròppo nu pòco ri tiémbe lu pòvere viénde non-ge la féce cchiù.

Lo sólee allóra combarìa rind’ a-lo ciélo e appriésso lo cristiano ca se sendiva ngalorato se levava lo mandiéllo.

La tramondana accussì avìa rice ca lo sólee èra cchiù ffòrtee ri éssa.

T’ha ppiaciuto lu cundo. Vuó ca té lo ddico n’ata vòta?

__________

Dall’audio del LFSAG

Nicola G. De Donno

maglie foto di Piero Rasero
Maglie, centro storico (foto di Piero Rasero)

Dialetto di Maglie (LE)

NICOLA G. DE DONNO

Continua a leggere “Nicola G. De Donno”

Grafia del Centro-Sud

QUADRO SINOTTICO

La grafia è quella dell’italiano, così integrata:

a         aperto (it. ago), in sillaba libera di parola piana può avere una pronuncia alterata, che può essere scritta (päne, chëne ‘cane’, patâne ‘patata’) o descritta in nota.

ä         a che tende a e.1

â         a che tende a o.1

e (ë)   suono neutro, breve e indistinto (fr. pauvre), tipico dell’Alto Meridione (pugl. pertuse [pərtu:sə] buco’, Vieste FG pene [pə:nə] ‘pane’1), tranne in sillaba chiusa di parola senza accento, dove la vocale s’intende tonica e aperta (pugl. pedde [pèddə] ‘pelle’).

In -ie finale preceduto da vocale tonica non fa sillaba (nuie [nu:j] ‘noi). In caso contrario, usare j (nuje [nu:jə] ‘noi’).

Quando è tonico, se la parola non è piana (Matera vënde ‘vento’), sarà seguito dall’accento o dall’apostrofo (amë’cere ‘amici’, Bugnara AQ lu paése më’ ‘il paese mio’).

é          chiuso (it. sera).

è          aperto (it. festa).

ê          molto aperto, tendente ad a (stêlle ‘stella’ si pronuncia quasi come ‘stalla’).

ee         stesso suono di é, usato nell’Alto Meridione in posizione postonica (Ruvo di Puglia splíjeenne ‘splendere’, Sturno AV fòrtee [fòrte] ‘forte’).

o          tonico, aperto in sillaba chiusa (forte [fòrtə], pugl. coute [cò:utə] ‘coda’), chiuso in sillaba aperta (core [co:rə] ‘cuore’).

ó         chiuso (it. sole).

ò         aperto (it. notte).

ô         molto aperto, tendente ad a (môrte ‘morta’ si pronuncia quasi come ‘Marte’).

ö         o che tende a e (söle ‘sole’). 1

í          più chiuso che nell’it. vino. L’accento acuto implica anche un suono chiuso della e nel dittongo discendente íe (víende ‘vento’).

ì          più aperto che nell’it. pista, in sillaba libera di parola piana (nite, matine) può indicare un suono alterato, che può essere scritto (néite, nëite, nöite, nòite ecc.) o descritto in nota. L’accento grave implica anche un suono aperto della e nel dittongo discendente ìe (mandìelle ‘mantello’).

î          molto aperto, quasi é.

ï          i che tende a u (simile alla u franc. di mur ‘muro’). 1

ú         più chiuso che nell’it. muro. L’accento acuto implica anche un suono chiuso della o nel dittongo discendente úo (fúoco ‘fuoco’).

ù         più aperto che nell’it. frutto, in sillaba libera di parola piana (pupe, cannarute) può presentare una pronuncia alterata, che può essere scritta (pöupe, pìupe ecc.) o descritta in nota. L’accento grave implica anche un suono aperto della o nel dittongo discendente ùo (cùodde ‘collo’).

û         molto aperto, quasi ó.

ü         u che tende a i (u francese di mur ‘muro’). 1

b         iniziale rafforzato in parte del Centro e in tutto il Meridione (bbelle). 1

b-        bilabiale fricativa (spagn. haba ‘fava’).1

c’         c dell’it. cinque (usato a fine parola).

c(ı)      c di bacio in bocca toscana (abr. abbrecıà ‘bruciare’). 2,3

ch       k(a,o,u)+h (aspirato) (u chane ‘il cane’). 1

d-        variante debole (Carpino FG d-inde ‘denti’). 1

dh      retroflesso (Lecce staddha ‘stalla’, Petrizzi CZ cavadhu ‘cavallo’).

fh        f che tende ad h (Gezzeria CZ alla fhina ‘alla fine’).

g-        variante debole (Lucera FG u g-alle ‘il gallo’). 1

g(i)     iniziale rafforzato, come b. 1

g’         g dell’it. giro (usato a fine parola).

gh       gh(a,o,u)+h (Fossalto CB ghalline ‘gallina’). 1

ghl     gl di glicine (Peschici FG anghliste ‘lombrico’).

j          (iniziale o intervocalico) semiconsonante (it. juta).

h         fricativa velare [x] o laringale sorda [h] (Sicilia hamiari ‘riscaldare il forno’). Limitata al verbo avere, è un puro segno grafico.

h(i)        [ç] (ch del ted. ich) (mol. hiume ‘fiume’, Vibo Valentia hiuhhiari ‘soffiare’).

        gli (it. figlio) ma di grado tenue (Bugnara AQ filıe ‘filo’).2

ñ        gn (it. ragno [rañño]) ma di grado tenue (salentino caluña ‘calunnia’).4

nh         suono velare (Celle di San Vito FG ténh ‘tempo’, sic. sanhu ‘sangue’).

ph      p+h (aspirato) (Locri RC camphu ‘campo’). 1

s         sordo (it. sordo) tranne nei nessi automatici (sb, sg ecc.).

s-        sordo (garg. s-ruuìzzie ‘servizio’), usato solo davanti a r.

S        sonoro (Pescasseroli AQ méSa ‘mezza’, Faeto FG nSuónne ‘in sogno’, Amendolara CS u-Sale ‘il sale’, ’a-Sira ‘la sera’, San Fratello ME nèS ‘naso’).

sc        (davanti a consonante) š del nap. šcala (pugl. sckume o sccume ‘schiuma’, abr. e mol. sctelle ‘stella’, camp. suscpire ‘sospiro’).

sc(ı), (i)sc(e)    come nel nap. busciardo (abr. vascıà ‘baciare’, pugl. scıucà ‘giocare’, stuscıé ‘pulire’, murèısce ‘ombra’, cıenìscıe ‘cinigia’, sic. scıuri ‘fiori’). 3

sg(ı)   come g(i) nel toscano agile e dugento ‘duecento’ (àsgıle, dusgıento). 3

th        t+h (aspirato) (Locri RC venthu ‘vento’). 1

thr      cacuminale (sic. quatthru ‘quattro’).

ts        zeta sordo, come nell’it. piazza (Perugia melantsana, Napoli pattsià ‘scherzare’, garganico meridionale tra tsappe e ttsappe ‘tra zappa e zappa’).

w         semiconsonante, usata solo in caso di dileguo totale della vocale (San Martino in Campo PG vigwlo ‘vicolo’).

z        zeta sonoro: Melissano BR zucufàu ‘rigogolo’, Guardiagrele CH méze [medzə] ‘mezzo’, pugl. jarzone [jardzo:nə] ‘garzone’, alzà ‘alzare’, mezze [mèddzə] ‘metà’, zzinghe ‘zinco’, Galàtone LE zzùccaru  nzùccaru  ‘zucchero’.

La parola non accentata s’intende piana.

         L’avv. non in caso di aferesi si lega alla parola seguente (sic. n-passari ‘non passare’, nn-èssiri ‘non essere’), in caso di lenizione-sonorizzazione anche in assenza di aferesi (pugl. nen-déne o n-déne ‘non tiene’, nem-bote o m-bote ‘non può’, nen-zépe o n-zépe ‘non sa’).

           L’art. femminile ’a ‘la’ vuole l’apostrofo, le preposizioni articolate l’accento circonflesso (dâ casa ‘dalla / della casa’).

Il rafforzamento sintattico può essere sottinteso solo dopo la prep. “a” e la congz. “e” (a tè e [a ttè e mmè]), indicando però – nei dialetti in cui il fenomeno è normalmente presente – la sua eventuale assenza con un trattino (a-lu fréte e-la sore ‘al fratello e alla sorella’). Il rafforzamento dovuto ad altre parole verrà sempre scritto (pe mmè, cchiù ssótte, li ssore ‘le sorelle’).

__________

1 Le vocali alterate solo in sillaba libera di parola piana (ä, â, ë, ï, ö, ü ecc.) si possono scrivere come in italiano (a, a, e, i, o,ecc.), purché lo si dica in una nota. Altrettanto vale per gli allofoni delle consonanti (bb, ch, d-, g-, gg(i), gh, ph, th ecc.).

2 Qualora -c(i)- intervocalico semplice suoni sempre come nel toscano bacio, basta dirlo in una nota e scriverlo come in italiano.

3 La lettera ı si ottiene premendo Ctrl+Alt e digitando 213.

4 La lettera ñ si ottiene premendo Ctrl+Alt e digitando 0241.

 

 

 

Scrivere la lingua madre

Scrivere la lingua madre 2020

Manuale di grafia unitaria del Centro-Sud

Med-Mer-Sic-