L’avverbio [nən] “non”

In molti dialetti alto-meridionali, come nel Gargano (Carpino, Cagnano Varano, Monte Sant’Angelo, Mattinata – a cui gli esempi si riferiscono), nel Tavoliere (Alberona, Lucera), a Ruvo di Puglia (BA), a Pescara e provincia, nel Molise (Campobasso), nelle province dell’Aquila (Opi, Bugnara, Raiano) e di Chieti (Lanciano, Sant’Eusanio del Sangro, Vasto, Guardiagrele), l’avverbio di negazione “non” si comporta in maniera particolare.

Con l’affievolirsi della O la -N finale dell’avverbio [nən] si appoggia alla sillaba seguente (NON DAT > ne ndé [nə ndé] ‘non dà’), spesso rafforzandosi davanti a vocale (NON HABET > ne nn-eve [nə nn-évə] ‘non ha, non ottiene’).

Il nesso di -N finale con M- o V- iniziale della parola seguente si comporta come all’interno di parola, per cui si ha assimilazione: NON METIT > ne metë [nə mmétə] ‘non miete’, NON VALET > ne melë [nə mmélə] ‘non vale’, come in INVIDIA > mmidie [mmidjə]; NON VENIT > ne venë [nə vvénə] ‘non viene’.

Se la -N incontra C-, P- o T-, si ha lenizione postnasale: NON CANTAT > ne ngande [nə ngandə] ‘non canta’; NON QUI VENIT > ne nge vene [nə ndžə vénə] ‘non ci viene’; NON POTEST > ne mbote [nə mbótə] ‘non può’; NON TENET > ne ndene [nə ndénə] ‘non tiene’.

Se la consonante iniziale della parola seguente è S-, si ha sonorizzazione: NON SAPIO > ne nsacce [nə nsattšə] ‘non so’; e frequente passaggio della s sonora a zeta sonora: ne nzacce [nə ndzattše].

La consonante iniziale di scı’ [ši] *JIRE ‘andare’, scjuqué [šukwé] JOCARI ‘giocare’ e simili, si comporta come la c- di cèrnə ‘cernere’: ne ngèrnə ‘non setaccia’. Per cui avremo: sciemme [šèmmə] ‘andammo’ e ne ngemme [ne ndžèmme] ‘non andammo’, scjoche [šókə] ‘gioca’ e ne ngioche [ne ndžókə] ‘non gioca’.

L’avverbio [nən] va spesso incontro ad aferesi: ngapisce [ngapiššə] ‘non capisce’, nge vene [ndžə vénə] ‘non ci viene’, mbote [mbótə] ‘non può’, ndene [ndénə] ‘non tiene’,  nzepe  [ndzépə] ‘non sa’. Un trattino potrebbe distinguere i casi di omofonia: n-gambısce  ‘non pascola’ e ngambısce ‘al pascolo’, m-borte ‘non porta’ e mborte ‘importa’ o ‘in porta’, n-de lu dé ‘non te lo dà’ e nde lu sole ‘nel sole’, n-denne ‘non tengono’ e lu ndenne ‘l’intento’,  n-fosse ‘non fosse’ e nfosse ‘infossa’, n-facenne! ‘non fare!’ e nfacenne ‘in faccende’.

 

 

Annunci

Il suono [š]

Nei dialetti alto-meridionali (DAM)

sc(i,e)  suona [šš] come in italiano: sciacquà [ššakkwà] ‘sciacquare’, casciòune  [kaššòunә] ‘cassone’, sfascé [sfaššé] ‘sfasciare’, strùscele [strùššәlә] ‘ciabatte’, vasce [vàššә] ‘basso’, capisce [kapìššә] ‘capisce’, strisce [strìššә] ‘striscia’, frusce [fruššә] ‘foglie secche’, grasce  [gràššә] ‘grascia’, pugl. nesciune ‘nessuno’, cäsce [käššә] ‘cassa’, crescende  [kreššèndә] ‘lievito’, pescine [pәšši:nә]  ‘cisterna’.

Per il grado tenue userei: scj davanti ad a, o, u (stuscjà [stušà] ‘pulire’, scjòttele ‘acqua di cottura della pasta’); scı con un ı tonico (scıscele [šìššәlә] ‘gingilli’, scı’nere [šíәnәrә] ‘genero’, scı’ [ši] ‘andare’, accuscı′ [akkušì] ‘così’, mascıje ‘magia’, sfascı’dde [sfašíәddә] ‘faville’); sci con un i grafico davanti a e (scienestre ‘ginestra’, sciéme ‘andiamo’); ci interno con un i grafico davanti a e (macièise ‘maggese’, pècie ‘peggio’, stucié [stušé] ‘pulire’, felìciene ‘fuliggine’, crucié ‘crochet’, vàcie [va:šә] ‘bacio’, vulicie [vuli:jšә] ‘voglia’, crócie [kró:šә] ‘croce’, mòicie ‘mesi’); e sc(e) dopo dittongo (murèisce [murè:jšә] ‘ombra’, Agnone móisce ‘mesi’).

Il fonema [š] di parole napoletane come šcumma sušpiro si può rendere con sc (sckaffesccaffe [škaffә] ‘schiaffo’, suscpire [sušpi:rә] ‘sospiro’, sctelle [štèllә] ‘stella’), anche se tra i poeti l’uso di š in questa posizione trova già un certo riscontro.

 

 

 

Come si scrivono i dialetti alto-meridionali (DAM)

Manuale di grafia unitaria ALAM

L’accento tonico è obbligatorio in parola tronca (accussì), sdrucciola (šcàtule) o bisdrucciola (scàpulene).

L’accento fonico è obbligatorio (viénde, fémmene, candé, paèise, trèsòule, sòretepónde, cólepe), tranne in parola piana, dove la vocale s’intende aperta in sillaba chiusa (quaterne [kwatèrnǝ] ‘quaderno’, notte [nòttǝ]) e chiusa in sillaba aperta (rote [ró:tǝ] ‘ruota’,  primavere [primavé:rǝ] ‘primavera’).

Continua a leggere “Come si scrivono i dialetti alto-meridionali (DAM)”

La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)

di Francesco Granatiero

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i Dialetti Alto Meridionali (DAM) o «lingua napoletana» (UNESCO) che dir si voglia (classificata come seconda lingua d’Italia), in cui rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la scrittura dei quali bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)”