Grafia del Centro-Sud

QUADRO SINOTTICO

La grafia è quella dell’italiano, così integrata:

aperto (it. ago), in sillaba libera di parola piana può avere una pronuncia alterata, che può essere scritta (pänechëne  ‘cane’,  patâne ‘patata’) o descritta in nota.

ä  a che tende a e.[1]

â   a che tende a o.

e (ë, ə)  suono neutro, breve e indistinto (fr. pauvre), tipico dell’alto Meridione (pugl.  pertuse [pərtu:sə] buco’), tranne in sillaba chiusa di parola senza accento, dove la vocale s’intende tonica e aperta (pugl. pedde [pèddə] ‘pelle’).

In -ie finale preceduto da vocale tonica non fa sillaba (nuie [nu:j] ‘noi). In caso contrario, si usa j (nuje [nu:jə] ‘noi’).

Nell’alto Meridione ë indica la vocale tonica (Vieste FG pëne ‘pane’, Matera vënde ‘vento’, amëcere ‘amici’, Bugnara AQ lu paése më’ ‘il paese mio’). Nelle aree mediana e meridionale estrema ə contrassegna l’inattesa vocale atona (Centuripe EN pòvəru ‘povero’).

é   chiuso (it. sera).

è   aperto (it. festa).

ê   molto aperto, tendente ad (stêlle ‘stella’ si pronuncia quasi come ‘stalla’).

   (Alt+7865) suono di é atono, usato nell’Alto Meridione (Sturno AV fòrtẹ [fòrte], Ruvo di Puglia BA splíjẹnne ‘splendere’).[2]

ę   (Alt+0281) suono di è atono, usato nell’Alto Meridione (Manfredonia accattęvvinne ‘rivenditore’)

tonico, aperto in sillaba chiusa (forte [fòrte], pugl. coute [cò:utə] ‘coda’), chiuso in sillaba aperta (core [co:rə] ‘cuore’).

ó  chiuso (it. sole).

ò  aperto (it. notte).

ô  molto aperto, tendente ad (môrte ‘morta’ si pronuncia quasi come ‘Marte’).

ö  che tende a (söle ‘sole’).

í   come o più chiuso che nell’it. vino.

ì   come o più aperto che nell’it. pista, in sillaba libera di parola piana (nitematine) può indicare un suono alterato, che può essere scritto (néitenëite, nöitenòite ecc.) o descritto in nota.

î   molto aperto, quasi é.

ï   che tende a u (simile alla franc. di mur ‘muro’).

ú  come o più chiuso che nell’it. muro.

ù  come o più aperto che nell’it. frutto, in sillaba libera di parola piana (pupecannarute) può presentare una pronuncia alterata, che può essere scritta (pöupepìupe ecc.) o descritta in nota.

û  molto aperto, quasi ó.

ü  che tende a (u francese di mur ‘muro’).

iniziale rafforzato in parte del Centro e in tutto il Meridione (bbelle).

b- bilabiale fricativa (spagn. haba ‘fava’).

c’ dell’it. cinque (usato a fine parola).

, c̣(i)  ci di bacio in bocca toscana: abr. abbrecıà ‘bruciare’, vac̣ià ‘baciare’.[3]  Stesso suono di scı, sc̣(i).

ch  k(a,o,u)+h (aspirato) (u chane ‘il cane’).

d-  variante debole (Carpino FG d-inde ‘denti’).

dh ()  retroflesso (Lecce staddha ‘stalla’, Petrizzi CZ cavadhu ‘cavallo’).

fh   f che tende ad (Gezzeria CZ alla fhina ‘alla fine’).

g-  variante debole (Lucera FG u g-alle ‘il gallo’).

g(i)  iniziale rafforzato, come b.

g’  dell’it. giro (usato a fine parola).

gh  gh(a,o,u)+h (Fossalto CB ghalline ‘gallina’).

ghl  gl di glicine (Peschici FG anghliste ‘lombrico’).

j (i) iniziale o intervocalico, come nell’it. juta (pugl. jatte ‘gatto’, ièsse ‘essere’).

h  fricativa velare [x] o laringale sorda [h] (Sicilia hamiari ‘riscaldare il forno’). Limitata al verbo avere, è un puro segno grafico.

h(i)  [ç] (ch del ted. ich) (mol. hiume ‘fiume’, Vibo Valentia  hiuhhiari ‘soffiare’).

lh  gli (it. figlio) ma di grado tenue: Bugnara AQ filhe ‘filo’).

ñ gn (it. ragno [rañño]) ma di grado tenue: salentino caluña [kaluña] ‘calunnia’.

nh  suono velare (Celle di San Vito FG ténh ‘tempo’, sic. sanhu ‘sangue’).

ph  p+h (aspirato) (Locri RC camphu ‘campo’).

sordo (it. sordo) tranne nei nessi automatici (sbsg ecc.).

s-  sordo (garg. s-ruuìẓẓie ‘servizio’), usato solo davanti a r.

  sonoro (Pescasseroli AQ ṣa ‘mezza’, Faeto FG nṣuónne ‘in sogno’, Amendolara CS u ṣale ‘il sale’, ’a ṣira ‘la sera’, San Fratello ME nèṣ ‘naso’).

sc (š) (davanti a consonante) s del nap. scala (pugl. sckumesccume o šcume ‘schiuma’, abr. e mol. sctelle o štelle ‘stella’, camp. suscpire o sušpire ‘sospiro’).

sc(i)  come in lingua, tranne dopo dittongo o vocale lunga, dove ha lo stesso suono di sc̣(i) (murèisce ‘ombra’).

scı, s(i) come nel nap. busciardo: abr. vascıà ‘baciare’, pugl. scıucà ‘giocare’, stusc̣é ‘pulire’, sc̣enisc̣e ‘cinigia’, sic. scıuri ‘fiori’). Stesso suono di c̣(i).

s-c(i)  pronuncia staccata.

sg(i)  come g(i) nel toscano agile (àsgile): Limbadi Motta VV mantesgiu ‘mantello’.

s-g(i)  come nell’it. disgiungere.

th  t+h (aspirato) (Locri RC venthu ‘vento’).

thr (ṭṛ) cacuminale (sic. quatthru ‘quattro’).

v  u semiconsonante, usata solo in caso di totale dileguo vocalico (San Martino in Campo PG vigvlo ‘vicolo’, triqvlo ‘briciola’).

z  zeta sordo, come nell’it. piazza (Perugia melanzana, Napoli pazzià ‘scherzare’, pugl. tra zappe e zzappe ‘tra zappa e zappa’).

ẓ  zeta sonoro: Melissano BR ẓucufàu ‘rigogolo’, Guardiagrele CH ẓe [medzə] ‘mezzo’, pugl. jarẓone [jardzo:nə] ‘garzone’, aleẓà alẓà ‘alzare’, meẓẓe [mèddzə] ‘metà’, ẓẓinghe ‘zinco’, Galàtone LE ẓẓùccaru nẓùccaru ‘zucchero’.

La parola non accentata s’intende piana.

–           L’avv. non in caso di aferesi si lega alla parola seguente (sic. n-passari ‘non passare’, nn-èssiri ‘non essere’), in caso di lenizione / sonorizzazione anche in assenza di aferesi (pugl. nen-déne o n-déne ‘non tiene’, nem-bote m-bote ‘non può’, nen-ẓépe o n-ẓépe ‘non sa’).

’           L’art. femminile ’a ‘la’ vuole l’apostrofo, le preposizioni articolate l’accento circonflesso (dâ casa ‘dalla / della casa’).

   Il raddoppiamento iniziale si può omettere solo dopo la prep. “a” e la congz. “e” (a tè e mè [a ttè e mmè]), accentate o con il punto sotto qualora non cogeminanti (à la case [a la ka:sə] ‘alla casa’, é ru o  ru [e ru] ‘e lo’). Negli altri casi il raddoppiamento è sempre scritto (pe mmè ‘per me’, cchiù ssótte ‘più sotto’, li ssore ‘le sorelle’, ecc.).

___________

[1] Le vocali alterate solo in sillaba libera di parola piana (äâë, ï, öü ecc.) si possono scrivere come in italiano (a, a, e, i, o, u ecc.), purché lo si dica in una nota. Altrettanto vale per gli allofoni delle consonanti (bb, ch, d-, g-, gg(i), gh, ph, th ecc.).

[2] Il punto sotto in Word (carattere Times New Roman) si ottiene digitando la lettera (e, c, s, z ecc.) immediatamente seguita dal numero 0323 (es. e0323), selezionando il numero e premendo contemporaneamente i tast Alt e X. Open Office ha i caratteri già pronti da incollare.

[3] Qualora -c(i)- intervocalico semplice suoni sempre come nel toscano bacio, basta dirlo in una nota e scriverlo come in italiano.

L’avverbio [nən] “non”

In molti dialetti alto-meridionali, come nel Gargano (Carpino, Cagnano Varano, Monte Sant’Angelo, Mattinata – a cui gli esempi si riferiscono), nel Tavoliere (Alberona, Lucera), a Ruvo di Puglia (BA), a Pescara e provincia, nel Molise (Campobasso), nelle province dell’Aquila (Opi, Bugnara, Raiano) e di Chieti (Lanciano, Sant’Eusanio del Sangro, Vasto, Guardiagrele), l’avverbio di negazione “non” si comporta in maniera particolare. Continua a leggere “L’avverbio [nən] “non””

Il digramma sc(i)

sc(i) si legge come in italiano: abr. bardisce ‘ragazzo’, nap. nisciuno ‘nessuno’, pugl. nasce ‘nascere’, casciòune  ‘cassone’, scìnnele ‘ala’, pésce  ‘pesce’, canósce ‘conoscere’, sic. arrinisciuto  ‘riuscito’.

sc̣(i) si legge come nel nap. busciardo: abr. vasc̣e ‘bacio’, nap. sc̣iore ‘fiore’, pugl. murèisc̣e ‘ombra’, sc̣enisc̣e ‘cinigia’, lambasc̣ione ‘cipollaccio col fiocco’, felìsc̣ene ‘fuliggine’, sic. sc̣iuri ‘fiore’.

La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i Dialetti Alto Meridionali (DAM), i quali formano la cosiddetta «lingua napoletana» (Unesco), che per numero di parlanti rappresenta la seconda lingua d’Italia. In essa rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la cui scrittura bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)”