Grafia del Centro-Sud

Centro-Sud

QUADRO SINOTTICO

La grafia è quella dell’italiano, così integrata:

a          aperto (it. ago), in sillaba libera di parola piana può avere una pronuncia alterata, che può essere scritta (pänechëne  ‘cane’,  patâne ‘patata’) o descritta in nota.

ä           a che tende a e. [1]

â            che tende a o (Fossalto  CB sciacquâ ‘sciacquare’).

e           suono neutro, breve e indistinto (fr. pauvre), tipico dell’AM (pugl.  pertuse [pərtu:sə] buco’), tranne quando è tonico (pugl. mere [merə] ‘mare’, pedde [pèddə] ‘pelle’).

In -ie finale preceduto da vocale tonica non fa sillaba (nuie [nu:j] ‘noi). In caso contrario, si usa j (nuje [nu:jə] ‘noi’).

ë           nell’AM indica la vocale tonica, simile all’eu del franc. fleur (Vieste FG pëne [pə:nə] ‘pane’, Matera vënde ‘vento’, amëcere ‘amici’, Bugnara AQ lu paése më’ ‘il paese mio’), fuori dall’AM la vocale atona (Centùripe EN pòvëru ‘povero’).

é          chiuso (it. sera). Nell’AM può essere anche atono (éccédènze).

è          aperto (it. festa).

ê          molto aperto, tendente ad (stêlle ‘stella’ si pronuncia quasi come ‘stalla’).

ee        nell’AM indica l’e atono distinto: Sturno AV fòrtee ‘forte’, Ruvo di Puglia BA splíeenne ‘splendere’, Manfredonia accatteevvinne ‘rivenditore’.

e, o      tonici, chiusi in sillaba aperta (core [co:rə] ‘cuore’, pete ‘piede’) e aperti in sillaba chiusa (forte [fòrte], pugl. coute [cò:utə] ‘coda’).

ó          chiuso (it. sole).

ò          aperto (it. notte).

ô          molto aperto, tendente ad (môrte ‘morta’ si pronuncia quasi come ‘Marte’).

ö          che tende a e, simile all’eu del franc. neveu ‘nipote’ (söle ‘sole’).

í           come o più chiuso che nell’it. vino.

ì           come o più aperto che nell’it. pista, in sillaba libera di parola piana (nitematine) può indicare un suono alterato, che può essere scritto (néitenëite, nöitenòite ecc.) o descritto in nota.

î           molto aperto, quasi é.

ï           che tende a u (simile alla franc. di mur ‘muro’).

ú          come o più chiuso che nell’it. muro.

ù          come o più aperto che nell’it. frutto, in sillaba libera di parola piana (pupecannarute) può presentare una pronuncia alterata, che può essere scritta (pöupepìupe ecc.) o descritta in nota.

û          molto aperto, quasi ó.

ü          che tende a (u francese di mur ‘muro’).

b          iniziale rafforzato in parte del Centro e in tutto il Meridione (bbelle).

·b (-b·-)    bilabiale fricativa (spagn. haba ‘fava’). Si segnala solo se necessario (per esempio, a inizio di parola in mancanza di rafforzamento sintattico): luc. ’a ·bàreb·e ‘la barba’.

c’         dell’it. cinque (usato a fine parola). Per ci di bacio in bocca toscana, vedi scj. [2]

ch        k(a,o,u)+h (aspirato): u chane ‘il cane’.

·d (-d·-)    variante debole di d. Come ·b: Carpino FG i ·dinde ‘denti’.

dh (ḍ)  retroflesso: Lecce staddha ‘stalla’, Petrizzi CZ cavadhu ‘cavallo’. [3] [4]

fh          f che tende ad h: Gezzeria CZ alla fhina ‘alla fine’.

g(i)       iniziale rafforzato, come b.

g’          (usato a fine parola) dell’it. giro.

·g (-g(h)·-)     variante debole di g(h). Come ·b: Foggia a ·garde ‘ad ardere’, Trebisacce CS ’a ·gummigh·e  ‘l’orcio’.

gh        g(a,o,u)+h (Fossalto CB ghalline ‘gallina’).

ghl       gl di glicine (Peschici FG anghliste ‘lombrico’).

j            iniziale o intervocalico (it. juta): pugl. jatte ‘gatto’, jèsse (ièsse) ‘essere’.

h           fricativa velare [x] o laringale sorda [h] (Sicilia hamiari ‘riscaldare il forno’). Limitata al verbo avere, è un puro segno grafico.

h(i)      ch del ted. ich: mol. hiume ‘fiume’, Vibo Valentia  hiuhhiari ‘soffiare’.

lj           gli (it. figlio) ma di grado tenue: Bugnara AQ filje ‘filo’.

nj          gn (it. ragno [rañño]), ma di grado tenue: salentino calunja ‘calunnia’.

·n·n         suono velare lungo: Celle di San Vito FG té·n·n ‘tempo’, sic. sa·n·nu ‘sangue’.

ph        p+h (aspirato): Locri RC camphu ‘campo’.

s           sordo (it. sordo) tranne nei nessi automatici (sbsg ecc.).

s-         (usato davanti a r) s sordo: garg. s-ruuìzie ‘servizio’.

s· (ṣ)     sonoro: Pescasseroli AQ més·a ‘mezza’, Faeto FG ns·uónne ‘in sogno’, Amendolara CS u s·ale ‘il sale’, ’a s·ira ‘la sera’, San Fratello ME nès· ‘naso’.

sc (š)  davanti a consonante, s del nap. scala: pugl. sccume ‘schiuma’, abr. e mol. sctelle, camp. suscpire ‘sospiro’. [5]

sc(i)    come nell’it. nascere, tranne dopo dittongo o vocale lunga (murèisce ‘ombra’, vaasce ‘bacio’), dove suona come scj.

scj, ·sc (-sc·-)    come nel nap. busciardo: abr. vascjà ‘baciare’, vasc·e ‘bacio’, pugl. scjucà ‘giocare’, ·scì ‘andare’, sic. scjuri ‘fiori’, pisc·i ‘pece’).

s-c(i)    pronuncia staccata.

sgi        come g(i) nel toscano agile (àsgile): Limbadi Motta VV mantesgiu ‘mantello’.

s-g(i)    pronuncia staccata.

th         t+h (aspirato): Locri RC venthu ‘vento’.

thr (ṭr)   cacuminale: sic. quatthru ‘quattro’.

v           u semiconsonante, usata solo in caso di totale dileguo vocalico: San Martino in Campo PG vigvlo ‘vicolo’, triqvlo ‘briciola’.

z (ẓ), z·z· (ẓẓ)    zeta sonoro: Melissano BR zucufàu ‘rigogolo’, Guardiagrele CH ze [medzə] ‘mezzo’, pugl. ale[alə’dza] ‘alzare’ | pugl. jarzone [jardzo:nə] ‘garzone’, al‘alzare’ | pugl. u z·z·inghe [u-d’dzingə] ‘lo zinco’, grazie [gradzjə] ‘grazia’, mèz·z·e [mèddzə] ‘metà’.

zh, zz   zeta sordo: Perugia melanzhana, pugl. zhappe e zzhappe ‘zappa e zappa’, strazzà ‘stracciare’, Napoli pazzià ‘scherzare’.

La parola non accentata s’intende piana.

–           L’avv. non in caso di aferesi si lega alla parola seguente (sic. n-passari ‘non passare’, nn-èssiri ‘non essere’), in caso di lenizione / sonorizzazione anche in assenza di aferesi (pugl. ne n-déne ‘non tiene’, ne m-bote ‘non può’, ne n-zépe o n-zépe ‘non sa’).

’           L’art. femminile ’a ‘la’ vuole l’apostrofo; le preposizioni articolate, l’accento circonflesso (dâ casa ‘dalla / della casa’).

           Il raddoppiamento iniziale va scritto sempre: cchiù ssótte ‘più sotto’, pe mmè ‘per me’, li ssore ‘le sorelle’. Facoltativamente si può omettere dopo “e” e “a” (a mamme e figghie = a mmamme e ffigghie), indicandone l’eventuale assenza: a· soffià ‘a soffiare’, e· lu sole.

__________

[1] Le vocali alterate solo in sillaba libera di parola piana (ä, ë, ï, ö, ü, ê, î, ô, û) si possono scrivere come in italiano (a, e, i, o, u), annotandone la pronuncia. Altrettanto vale per gli allofoni delle consonanti (bb, ch, -b, -d, -g, gg(i), gh, ph, th ecc.).

[2] Qualora -c(i)- intervocalico semplice suoni sempre come nel toscano bacio, basta dirlo in una nota e scriverlo come in italiano.

[3] Il punto sotto in Word (carattere Times New Roman) si ottiene digitando la lettera (e, d, s, t, z) immediatamente seguita dal numero 0323 (es. d0323), selezionando il numero e premendo contemporaneamente i tast Alt e X. Il punto alto (·) corrisponde ad Alt + 0183.

[4] I simboli in parentesi vengono usati solo se prescelti dai singoli poeti.

[5] Š si ottiene premendo Alt e digitando 0138, š premendo Alt e digitando 0154.

L’avverbio [nən] “non”

In molti dialetti alto-meridionali, come nel Gargano (Carpino, Cagnano Varano, Monte Sant’Angelo, Mattinata – a cui gli esempi si riferiscono), nel Tavoliere (Alberona, Lucera), a Ruvo di Puglia (BA), a Pescara e provincia, nel Molise (Campobasso), nelle province dell’Aquila (Opi, Bugnara, Raiano) e di Chieti (Lanciano, Sant’Eusanio del Sangro, Vasto, Guardiagrele), l’avverbio di negazione “non” si comporta in maniera particolare. Continua a leggere “L’avverbio [nən] “non””

Il digramma sc(i)

sc(i) si legge come in italiano: abr. bardisce ‘ragazzo’, nap. nisciuno ‘nessuno’, pugl. nasce ‘nascere’, casciòune  ‘cassone’, scìnnele ‘ala’, pésce  ‘pesce’, canósce ‘conoscere’, sic. arrinisciuto  ‘riuscito’.

scj, ·sc(i)/sc·, e sc(e) dopo dittongo o vocale lunga si leggono come nel nap. busciardo: nap. scjore ‘fiore’, pugl. lambascjone ‘cipollaccio col fiocco’, felìsc·ene ‘fuliggine’, sic. scjuri ‘fiore’; abr. vaasce ‘bacio’, pugl. murèisce ‘ombra’, ·sceniisce ‘cinigia’.

 

 

La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i Dialetti Alto Meridionali (DAM), i quali formano la cosiddetta «lingua napoletana» (Unesco), che per numero di parlanti rappresenta la seconda lingua d’Italia. In essa rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la cui scrittura bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)”