Grafia del Centro-Sud

La grafia è quella dell’italiano, così integrata:

a   aperto (it. ago), in sillaba aperta di parola piana (SAPP) può avere una pronuncia alterata, che può essere scritta (cäne  ‘cane’,  patâne ‘patata’) o descritta in nota.

ä  a che tende a e. [1]

â   a che tende a o: Fossalto CB cuâmbe ‘campo’.

e  suono neutro, breve e indistinto (fr. pauvre), tipico dell’alto Meridione (pugl. pertuse [pərˈtu:sə] buco’), tranne quando è tonico (pugl. mere [ˈme:rə] ‘mare’, pedde [ˈpεddə] ‘pelle’).

ë (ə)  come e (Centùripe EN pòvëru ‘povero’).

é, & (ẹ)   chiuso (it. sera): Matt. FG fecétele ‘beccafico’, éccédènze ‘eccedenza’; Sturno AV fort& ‘forte’, vériér&no ‘videro’. (*)

è   aperto (it. festa): Monte Sant’Angelo FG artèteche ‘smania’, Molfetta BA èmìnele ‘mandorla’.

ê    molto aperto, tendente ad (stêlle ‘stella’ si pronuncia quasi come ‘stalla’)

e, o     tonici, chiusi in SAPP (core [ˈco:rə] ‘cuore’, pete ‘piede’) e aperti in sillaba chiusa (forte [ˈfɔrtə], pugl. coute [ˈcɔ:utə] ‘coda’).

ó    chiuso (it. sole).

ò   aperto (it. notte).

ô    molto aperto, tendente ad a (San Nicandro Garganico FG môrte ‘morta’, che si pronuncia quasi come ‘Marte’).

ö   che tende a e:Lucera FG söle ‘sole’, Matera amöcere ‘amici’, Bugnara AQ lu paése mö ‘il paese mio’.

í    come o più chiuso che nell’it. vino.

ì     come o più aperto che nell’it. pista, in SAPP (nitematine) può indicare un suono alterato, che può essere scritto (néitenöitenòite ecc.) o descritto in nota.

î     molto aperto, quasi é.

ï    vocale tonica, che tende a u (simile alla franc. di mur ‘muro’); vocale atona, iato (cfr. it. vïola).

ú    come o più chiuso che nell’it. muro.

ù    come o più aperto che nell’it. frutto, in SAPP (pupecannarute) può presentare una pronuncia alterata, che può essere scritta (pöupepìupe ecc.) o descritta in nota.

û molto aperto, quasi ó.

ü    vocale tonica, che tende a (u francese di mur ‘muro’); vocale atona, iato (trüé = truué ‘trovare’).

b   iniziale rafforzato in parte del Centro e in tutto il Meridione (bbelle).

c’  dell’it. cinque (usato a fine parola).

c(ı) ci di bacio in bocca toscana: abr. vacıà ‘baciare’, pugl. cıucà ‘giocare’, sic. cıùri ‘fiori’. Stesso suono di sc(ı). (**)

ch  k(a,o,u)+h (aspirato): u chane ‘il cane’. 

dh (ḍ) retroflesso: Lecce staddha (staḍḍa)‘stalla’, Petrizzi CZ cavadhu (cavaḍu)‘cavallo’. (*)

g(i)  iniziale rafforzato, come b.

g’  dell’it. giro (usato a fine parola).

gh  g(a,o,u)+h: Fossalto CB ghalline ‘gallina’.

ghl  gl di glicine: Peschici FG anghliste ‘lombrico’.

j iniziale o intervocalico, semiconsonante (come nell’it. juta):pugl. jatte ‘gatto’, pajete ‘pagato’. Postconsonantico (chj, lj) è un puro segno grafico.

h  fricativa velare [x] o laringale sorda [h]: sic. hamiari ‘riscaldare il forno’. Limitata al verbo avere, è un puro segno grafico.

hj [ç] (ch del ted. ich): mol. hjume (hiume) ‘fiume’, Vibo Valentia  hjuhhjari (hiuhhiari) ‘soffiare’.

lj  gli (it. figlio) ma di grado tenue: Bugnara AQ  filje ‘filo’.

ñ (nj)  gn (it. ragno [ˈrañño]) ma di grado tenue: sal. caluña (calunja) [kaˈlu:ña] ‘calunnia’.

nh (ṇ)   suono velare: Celle di San Vito FG tténh ‘tempo’, sic. sannhu ‘sangue’. (*)

ph    p+h (aspirato): Locri RC camphu ‘campo’.

s     sordo (it. sordo), tranne nei nessi automatici (sbsg ecc.).

s’   sordo (usato davanti a r): Mattinata FG s’ruuidsie ‘servizio’, Celle di San Vito FG s’ruàje ‘sole’. Davanti a c(i) e g(i) indica un eventuale suono staccato, sordo (settentr. s’ciòp ‘scoppio’) o sonoro (it. disgiungere).

’s (ṣ)  sonoro: Pescasseroli AQ mé’sa ‘mezza’, Faeto FG n’suónne ‘in sogno’, Amendolara CS ’sale ‘sale’, ’sira  ‘sera’, San Fratello ME nè’s naso’, Teramo ê’s’se ‘esso’. (*)

s (š)  fricativa palatoalveolare sorda (nap. scala) davanti a cc(h), pp, qqu, rr, tt:  pugl. sccume / sckume (šcume) ‘schiuma’, abbusccuà / abbusqquà ‘buscare’, abr. e mol. sttelle ‘stella’, camp. susppire ‘sospiro’, RiberaAG ssrringiva ‘stringeva’.

s (š) = [ž]  fricativa palatoalveolare sonora (nap. sguarrà ‘sbagliare’) davanti a bb, dd, gg(h), ggu, mm, nn: sbbambà (šbambà) ‘svagarsi’, sddentato, sgguarrà, smmammà ‘divezzare’.

sc(i)  rafforzato (šš) come nell’it. nascere, tranne dopo dittongo (murèisce [muˈrε:iʃə] ‘ombra’).

sc(ı)  sci del nap. busciardo (con ı tonico o non solo grafico): abr. accuscı’ ‘così’, scı ‘sì’, scı ‘sei’ (verbo), trascı’ ‘entrare’, pugl. scı ‘andare’, scı’nere ‘genero’, Ceglie Messapica BR grannescıédde ‘grandicella’, sal. scıre ‘andare’, scısciule ‘giuggiola’, sic. scinniri ‘cenere’. Stesso suono di c(ı) (**)

sg(i) come g(i) nel toscano agile: Limbadi Motta VV storicesgia ‘storiella’, mantesgiu ‘mantello’.

th    t+h (aspirato): Locri RC venthu ‘vento’.

thr (ṭr) [ṭṛ]  cacuminale: sic. quatthru ‘quattro’. (*)

v   (semi)consonante posteriore. Utile in caso di caduta vocalica: San Martino in Campo PG vigvlo [ˈvigwlo]‘vicolo’.

z (ts)  sordo: Perugia melanzana (-nts-), Roma nazzione,  aringrazzio ‘ringrazio’, San Marco in Lamis FG nazijóne ‘nazione’, pugl. zìppele ‘stecco’, cíleze ‘gelso’, zappe e zzappe ‘zappa e zappa’, Napoli pazzià ‘scherzare’. Nel nesso consonantico nz è in genere sonoro nell’alto Meridione, sordo nell’area mediana e nel Meridione estremo (vengono indicate solo le eccezioni).

’z, ds (ẓ) sonoro: Guardiagrele CH mé’ze [ˈmε:ʣə] ‘mezzo’, pugl. aldsà ‘alzare, ale’zà [aləˈʣa] ‘alzare’, jardsone [jarˈʣo:nə] ‘garzone’, mèdse [ˈmεʣʣə] ‘metà’, u ‘z’zinghe [u-ʣˈʣingə] ‘lo zinco’, nadsione [naʣˈʣjo:nə] ‘nazione’, gra’zie [ˈgraʣjə] ‘grazia’, Melissano BR ’zucufàu ‘rigogolo’. (*)

            La parola non accentata s’intende piana.

            L’articolo [a] e alcune preposizioni articolate vanno distinte usando l’apostrofo o l’accento (da’ case ‘dalla casa’, p’a vije d’a fundane ‘per la via della fontana’, a’ porte ‘alla porta’, é fréte ‘ai fratelli’, ó patre ‘al padre’). L’articolo va scritto sempre rispettando la pronuncia, semplice (a lu, e ru ecc.) o rafforzata (a nna, e lli, e rru ecc.).

            La n finale di non in caso di aferesi si lega alla parola seguente con un trattino: sic. n-passari ‘non passare’, nn-èssiri ‘non essere’, pugl.  n-déne ‘non tiene’, m-bote ‘non può’, n-zépe ‘non sa’.

            Il suono debole di b, d e gh può essere evidenziato dal punto mediano (Alt+0183) a inizio di parola: ’a ·bàrebe ‘la barba’, Carpino FG i ·dinde ‘i denti’, Lucera FG u ·galle ‘il gallo’, Foggia a ·garde ‘ad ardere’.

            Il RF che non riguarda l’articolo si può omettere solo dopo “a” prep. ed “e” congz. (a té e mé [atté emmé]), distanziandole dopo l’apostrofo (tutt’ e duie, a cor’ a core). La mancanza di RF può essere indicata dal trattino dopo “a” ed “e” (Umbertide PG a-soffià e-soffià ‘a soffiare e soffiare’)


[1] Le vocali alterate solo in SAPP (äï, öü, ê, î, ô, û) si scrivono come in italiano (a, a, e, i, o, u), descrivendole in una nota. Altrettanto vale per gli allofoni delle consonanti (bb, ch, gg(i), gh, ph, th ecc.).

(*) Il punto combinato in Word si ottiene digitando Alt+0803 dopo la lettera.

(**) La i antica o iota (ı) non necessita di copia-incolla, potendosi scrivere anche in rete (Alt+213).

L’avverbio [nən] “non”

In molti dialetti alto-meridionali, come nel Gargano (Carpino, Cagnano Varano, Monte Sant’Angelo, Mattinata – a cui gli esempi si riferiscono), nel Tavoliere (Alberona, Lucera), a Ruvo di Puglia (BA), a Pescara e provincia, nel Molise (Campobasso), nelle province dell’Aquila (Opi, Bugnara, Raiano) e di Chieti (Lanciano, Sant’Eusanio del Sangro, Vasto, Guardiagrele), l’avverbio di negazione “non” si comporta in maniera particolare. Continua a leggere “L’avverbio [nən] “non””

Il digramma sc(i)

sc(i) [šš] si scrive e si legge come in italiano, sempre rafforzato (abr. bardisce ‘ragazzo’, nap. nisciuno ‘nessuno’, pugl. nasce ‘nascere’, casciòune  ‘cassone’, scìnnele ‘ala’, pésce  ‘pesce’, canósce ‘conoscere’, sic. arrinisciuto  ‘riuscito’), tranne dopo consonante (it. conscio; Mattinata FG úrsce ‘orzo’) o semiconsonante (Matt. FG murèisce ‘ombra’, Bitonto BA strìusce ‘distruggere’).

c(ı) (scı se tonico) [š] si legge come nel toscano bacio, ovvero come sci nel nap. busciardo (camp. cıore ‘fiore’, pugl. s‘andare’, cıúche ‘gioco’, lambacıone ‘lampascione, cipollaccio col fiocco’, felìcıene ‘fuliggine’, abr. vacıe ‘bacio’, necıùne ‘nessuno’, accuscı’ ‘così’, sic. ùri ‘fiore’).

[š] davanti a cons. si può scrivere sc (pugl. sckaffe ‘schiaffo’, camp. suscpire ‘sospiro’, abr. sctelle ‘stella’) o raddoppiando la cons. (sccume, susppire, sttelle).

Idem il fonema sonoro di š (mol. scdrusce o sddrusce ‘struscio’, pugl. scbambà o sbbambà ‘svagare’, camp. scmammà o smmammà ‘divezzare’).

La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i Dialetti Alto Meridionali (DAM), i quali formano la cosiddetta «lingua napoletana» (Unesco), che per numero di parlanti rappresenta la seconda lingua d’Italia. In essa rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la cui scrittura bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)”