ANDRÀ TUTTO BENE

dav
Mattinata (FG) vista da Monte Saraceno

 

Coronavirus

Sule sule o ngumbagnije
tutte quande a i cchése lore,
ca li pigghie ’a pulmunije
a chinèi che vé pe ffore.

Jè nu strazie ss’angunije
ca cchiù ssule mo ce more,
senza chiande chi ce abbije
e a chi reste i chiange u core.

Ogni stréte sté vacande,
è na còsa mbrussiunande.
Prèje u Pépe, Criste all’úrte.

Ata ggende «tutte bbúne»
cande forte a i bbalecune.
Tutte, sì, savanne i múrte.

Coronavirus

Soli soli o in compagnia
tutti quanti a casa loro,
che gli vien la polmonite
a chi fuori si avventura.

È uno strazio l’agonia
che più soli ora si muore,
senza pianto chi va via
e a chi resta piange il cuore.

Ogni strada è tutta vuota,
è una cosa impressionante.
Prega il Papa, Cristo all’orto.

Altra gente «tutto bene»
canta forte dai balconi.
Tutto, sì, eccetto i morti.

(Francesco Granatiero)

Torino, 18 aprile 2020