Dialetto di Locri (Rc)

Locri-Tempio-Marasà
Locri – Tempio Marasà

Alfredo Panetta

U gàlanu

U cchiappai, nci allisciài i pinni
cu na manu, cu ll’àuthra nci stujai
u sangu mbiscatu a ccoccia ’i chiumbu.

Mbicinai i labbra a jja pagura
virdi, nci arricchiai u thréntulu:
parìanu ngùsci ’i figghiolèju.

M’ahhiancà a na masthra
d’abbivaratizziu, u dagià nt’a
na pethra d’armacera…

nci appojai vicinu a’ testicèja
na junta d’erba frisca

e mm-a fujìi.

Il rigogolo. L’ho catturato, gli ho lisciato le piume / con una mano, con l’altra gli ho pulito / il sangue impregnato di piomo. // Ho avvicinato le labbra a quella paura / verde, ho ascoltato il tremito: / sembravano i gemiti di un neonato. // Mi sono accostato a un canale / d’irrigazione, l’ho adagiato su / una pietra di muro a secco… // gli ho posato vicino alla piccola testa / un ciuffo d’erba fresca // e sono scappato. (Traduzione dell’autore. Da Petri ’i limiti, “Pietre di confine”, Moretti & Vitali, Bergamo 2005)

 

’A luna ’i Giamperranti

Quandu ’a luna si curca
arretu e’ cerzi ’i Giamperranti
pappùma ncigna u nterra
simenzi ’i panìculu.
Una esti p’o cantu d’u scropìu
cusì llentu chi mmartèja nt’a ll’ossa
n’àutru è pp-a jornata ’i sidura
chi ssulu ’u vinu si fida pè mmu asciùca
e na junta ntera a’ fini è ppè ll’acqua
d-a vinèja chi smovi i pali d’u mulinu
(cusapi quantu passa ’i tandu a du matinu
cusapi quanta farina finu all’eternità).

Mberzù sup’o timpuni, ppizzatu
nt’a nu cùfalu di timpa, guarda u cielu
’n ziafrò. Dint’e’ sò occhji staju
’i jja notti, chija chi nnescì mama.

La luna di “Gianferrante”. Quando la luna si corica / dietro le querce di “Gianferrante” / mio nonno materno comincia / a interrare semi di granturco. / Uno è per il canto dell’assiolo / così lento e martellante nelle ossa / un altro è per la giornata di sudore / che solo il vino riesce ad asciugare / ed una manciata intera / per l’acqua del ruscello che muove / le pale del mulino (chissà quanta / ne scenderà da lì fino al mattino, chissà quanta farina / fino all’eternità). // In alto presso il colle, ficcato / nell’incavo di un dirupo, fissa il cielo / un ramarro. Dentro i suoi occhi abito / da quella stessa notte, in cui nacque mia madre. (Traduzione dell’autore. Da Na folia nt’è falacchi, “Un nido nel fango”, edizioni CFR, Piateda So 2011)

______

Grafia aggiornata dall’audio di Youtube

Annunci

Canzoniere in lingua madre

TesioGiovanni Tesio, Vita dacant e da canté, Centro Studi Piemontesi, 2017

Francesco Granatiero

CANZONIERE IN LINGUA MADRE

«La forza dell’unità è nel due/ anzi nel tre che fonde tutti i contrasti» è detto nell’ultimo sonetto (pagina 369) di Vita dacant e da canté, un canzoniere di trecentosessatanove sonetti, appunto, dove il noto critico e massimo conoscitore della poesia in dialetto Giovanni Tesio, standosene «dacant», ossia di lato – come dice, stupito, nel sonetto proemiale – canta «’d còse cite», di cose piccole, traendole, a saliscendi, dall’acqua di un pozzo profondo: «mi lascio prendere a spintoni/ se – mai più io – sono la mia canzone che mi sogna» (I), una canzone “dittata” nel dialetto della sua infanzia, quello di Pancalieri (To), gelosamente e segretamente costodito fino ai settant’anni, per ubbidire a un’interiore, imperioso e inesauribile zampillo. Continua a leggere “Canzoniere in lingua madre”

L’antisonetto di Robert Gernhardt

da Poetry Foundation
Robert Gernhardt (Fotografia tratta da Poetry Foundation)

ROBERT GERNHARDT

Materiale per una critica
su una delle forme di poesia più famose
di origine italiana

Trovo il sonetto una roba merdosa,
stretta, rigida, non buona di certo;
e davvero mi crea grande sconcerto
sapere che c’è ancora oggi chi osa Continua a leggere “L’antisonetto di Robert Gernhardt”

Giuseppe Rosato, Il mare — incroci on line

Giuseppe Rosato, IL MARE Di Felice, Martinsicuro (Te) 2016 di Sergio D’Amaro Giuseppe Rosato, in tanti anni di operosa attività poetica (sia in lingua che in dialetto), ci ha abituati al suo passo di esperto viandante esistenziale. Sappiamo che quando smette la sua penna satirica, si fa coinvolgere completamente in un’altra dimensione, fatta […]

via Giuseppe Rosato, Il mare — incroci on line

Giovanni Tesio poeta

 

di Francesco Granatiero

Tesio

Del côté poetico di Giovanni Tesio, il noto studioso, critico letterario, filologo e storico della lingua, si ricorda il precedente In punto di svolta (1985), recante l’acuta prefazione di Pietro Gibellini, una corona gemmata ed irta di sonetti tutt’altro che canonici, con assenze di rime, spesso sostuite da assonanze e consonanze, paronomasie, ipometri e ipermetri, dove un dantesco trobar clus s’infratta in dedali e labirinti, per mezzo di una lingua estremamente colta e raffinata, densa ed espressiva, piena di arcaismi, latinismi, neologismi, tecnicismi. Continua a leggere “Giovanni Tesio poeta”