Giovanni Tesio

89236281_10213393084976208_2183590815287214080_n[Sono funambolo, Signore, ballo sulla corda]

Sono funambolo, Signore, ballo sulla corda
e ti penso e non ti penso, sto lì nel mezzo,
perché non so, Signore, se tu ci sei,
se il tuo sguardo mi guarda fino a mordermi.

Mordimi, Signore, e fa che io prenda partito
invece di stare appeso – una marionetta –
o fa’ in modo di darmi l’abbrivio
che io possa smettere di praticare quest’arte.

Fammi scendere dal filo che mi tiene sospeso
e fammi sentire i denti, piantameli all’osso
che io ho bisogno di sentire tutto il tuo peso,

ho bisogno che tu sia un molosso
che strappa la mia carne, prenda senza risparmio,
se soltanto così potrò finalmente capire.

[Son balarin, Nosgnor, balo ’n sla còrda]

Son balarin, Nosgnor, balo ’n sla còrda
E it penso e it penso nen, ston lì ’n tël mes,
përchè sai nen, Nosgnor, se ti ti-j ses,
e se ’l tò sguard am varda fin ch’am mòrda.

Mordme, Nosgnor, e fa che mi pija part
nopà dë sté pëndù – na marionëtta –
o fa ’n manera ’d deme la sbruëtta
che mi peussa molé ’d fé cost’art.

Fame calé dal fil ch’am ten sospèis
e fame sente ij dent, piantëmje a l’òss
ch’i l’hai damanca ’d sente tut tò pèis,

i l’hai damanca ch’it sìe ’n molòss
ch’a s-cianca la mia carn, a ciapa gròss,
se mach parèj a l’é ch’im fassa intèis.

GIOVANNI TESIO

____________

Da Giovanni Tesio, Nosgnor. Lamenti, preghiere e poesie in cerca di un Dio vicino e lontano, Interlinea, Novara, 2020.

Anna Maria Farabbi

marta ercoli
Montelovesco (PG) – Foto di Marta Ercoli

Dialetto umbro di Montelovesco (PG). Accenti secondo la grafia del blog.

 

Da dentro la O, Kammer edizioni, 2016:

quillo che m’embócca achille e amedeo

vò da me      a traverso

nciò bisógno del fòjo

canto a pàssera

quello che mi imboccano achille e amedeo1 / vado da sola    funambolicamente nel vento / non ho bisogno del foglio / canto a passera

 1 Achille Serrao e Amedeo Giacomini

 

Da Abse, Il ponte del sale, 2013:

ldialetto ldiceva lmi babbo e lmi babbo

ce lò ncorpo

 

si fo cadé la léngua nterra

m’esce

il dialetto lo diceva il mio babbo e il mio babbo / ce l’ho in corpo // se faccio cadere la lingua in terra / mi esce

 

Da Adlujé, Il ponte del sale, 2003

Rosso

Io sò l’inferno briaco.

Lingua nrabbita nfòco.

La luminaria

ntla trippa viva del tamburo,

lune luje luce

la batterella del róscio.

 

Io sò lmosco ntól bucobujo

dl’orécchio del demogno. E lfòjo

ceso ntròno.

Io sono l’inferno ubriaco. / Lingua idrofoba in fuoco. / L’intensità illuminata / nella pancia ritmica / del tamburo: / vulcano in testa, scintilla, interiorità ustoria / della lente: / i tuoni miocardici del tuorlo. // Io sono il morso nel bucobuio / dell’orecchio del demonio. E il foglio / acceso in trono.

___________

Testi trascritti dall’opuscolo del reading Altre lingue – Achille Serrao, II edizione, Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, 14 febbraio 2020, edito da Cofine, Roma 2020. La grafia rispetta la pronuncia di Anna Maria Farabbi.