Cesare De Titta

CdeTitta

Sacerdote, nacque a Sant’Eusanio del Sangro (Ch) nel 1862 e vi morì nel 1933. Studioso di letteratura classica e di filosofia, fu poeta in lingua, in latino e in dialetto abruzzese. Autore di una Grammatica della lingua viva (Carabba) e di una Grammatica della lingua latina, in dialetto pubblicò: Canzoni abruzzesi (1919), Nuove canzoni abruzzesi (1923), Gente d’Abruzzo (1923), Terra d’oro (1925), Acqua, foco e vento (1929). Tradusse in abruzzese la Figlia di Iorio e Le elegie romane di Gabriele D’Annunzio, del quale fu amico.

Continua a leggere “Cesare De Titta”

Dialetto di Vasto

GAETANO MUROLO
(Vasto, Ch, 1858-1903)

Trasferitosi ad Ancona, fu impiegato presso le ferrovie. Poeta in lingua e in dialetto vastese, scrisse anche di narrativa e di teatro. Tra cose edite e inedite, ha scritto Ciamarèlle, cinquantatré sonetti (Anelli e Manzitti, Vasto 1898), ora in Sonetti dialettali (1886-98), a cura di T. Spinelli (Cannarsa, Vasto 1979). Di lui si sono occupati O. Giannangeli, G. Oliva, C. De Matteis, V. Moretti, F. Brevini. Continua a leggere “Dialetto di Vasto”

Dialetto di Guardiagrele (Ch)

MODESTO DELLA PORTA

Carúfene

I

Carufanilla mi’, che ve ndreccéte
mméẓe alli firre de ssu bbalecune
apirte, méẓe chiuse, spalazzéte
ngacchiéte a quattre, a cingue e quacchedune
che jè cchiù llonghe fa lu preputende,
se sctenne, s’arestire e se presume
gni cquande avesse a dire a chi tè ’mmende:
uè! tu che ppesse, sinde cché pprofume?

Continua a leggere “Dialetto di Guardiagrele (Ch)”