Dialetto di Patrica (FR)

44003702
Patrica (immagine tratta dal web)

In questo dialetto dell’area mediana – anche se Patrica è a soli dieci chilometri da Frosinone – si ha -o da E finale (névo ‘neve’, frasco ‘frasche’, fioro ‘fiore’, salo ‘sale’, maro ‘mare’, matro ‘madre’, porlo ‘polvere’, calìnio ‘caligine’, Natalo ‘Natale’, bbèno ‘bene’) e u da E di prefissi, articoli, preposizioni e particelle proclitiche (duspera ‘dispera’ < DE-SPERARE, ciu su rumétta ‘ci si rimette’ < RE-MITTERE, allu ‘alle’, pu ‘per’, dulla ‘della’, ciu ‘ce’). L’u da I postonico sembra dovuto a labializzazione, infatti si ha vicino a m (fémmuno ‘femmine’, àluma ‘anima’), ma non altrove (àcino ‘asino’).

Proverbi e modi di dire

’A névo du marzo nun règgia allu frasco (La neve di marzo non si ferma neppure sulle frasche).

À nnato cugli fioro ’n culo accomm’ alla cucoccia (È nato col fiore in culo come la cocuzza). È nato con la camicia.

A tti t’amanca lu salo (A te ti manca il sale). Sei stupido.

Acquanno ’a luna tè i’ laco, i’ ggiorno doppo piòva (Quando la luna ha l’alone, il giorno dopo piove).

Addó sta ’a matro culla figlia, cora ’a nòra centu miglia (Dove sta la madre con la figlia, lontano corra la nuora cento miglia).

Aspètta. àcino méjo, ca l’èrua créscia (Aspetta, asino mio, che l’erba cresca). C’è poco da sperare.

Bigna èssa prima garzono i ddoppo majéstro (Bisogna essere prima garzone e dopo maestro). Non ci si improvvisa.

C’éntri cugli naso i cci-arésci cugli culo (Ci entri col naso e ci esci col culo). Di luogo molto stretto.

Cérca gli-àcino i cciu va a ccavaglio (Cerca l’asino e ci va a cavallo).

Chi tè i quatrini mura, chi tè ’a porlo spara i cchi tè ’a micragna su duspèra (Chi ha soldi costruisce case, chi ha polvere spara e chi ha la miseria si dispera).

Chi tè lu rano n-tè i sacchi i cchi tè i sacchi n-tè lu rano (Chi ha il grano non ha i sacchi e chi ha i sacchi non ha il grano).

Chi vò udé gl’inférno rapérto, moglio ggiovane i mmarito uécchio (Chi vuol vedere l’inferno aperto, moglie giovane e marito vecchio). Di tradimento assicurato.

Còro franco si bballa gli-occhio manco, còro afflitto si bballa gli-occhio ritto (Cuore franco se trema l’occhio sinistro, cuore afflitto se trema l’occhio destro).

Fémmuno i nnuci tétan’èssa uattuto (Donne e noci devono essere battute). Maschilismo preventivo.

Gli-agnéglio à mméglio senza curtéglio (L’agnello è meglio senza coltello). Bando all’etichetta.

Gli-òmo à ffurbo: gli-àcino gli fréga solo a rrécchie (L’uomo è furbo: l’asino lo supera solo per le orecchie).

I’ bbòvo dìcia curnuto agli-àcino (Il bue dice cornuto all’asino).

I’ mmédico pietuso fa ’a piaga puzzulento (Il medico pietoso fa la piaga puzzolente).

L’acqua va agli maro (L’acqua va al mare).

M’hai mannato l’àluma dapédi agli pédi (Mi hai mandato l’anima in fondo ai piedi). Per la paura.

Mu stao a mmunì lu calìnio (Mi stanno venendo le caligini). Avere gli occhi stanchi e annebbiati.

Natalo cugli solo, Pasqua cugli tizzono (Natale col sole, Pasqua col tizzone).

Niciuno dà nniènto pu nniènto (Nessuno dà niente per niente). Do ut des.

Niente à bbòno pu gli-occhi i mmalo pu gli dénti (Niente è buono alla vista e cattivo da mangiare).

Nun ciass’arraccapézza ’a patta (Non ci si raccapezza la patta) Non si riesce a trovare il bandolo.

Sop’allu cotto l’acqua uglita (Sopra all’ustione l’acqua bollente) Le disgrazie non vengono mai sole.

Su’ gli puci i ttéuo ’a tossa (Anche le pulci hanno la tosse). Della vanagloria.

Tè l’àluma sop’a ddu’ pròspiri (Ha l’anima su due fiammiferi). È magrissimo.

Tra gli scarparo i gli bbanchétto n-s’à ssaputo chi ha ffatto ’a curìa (Tra il ciabattino e il banchetto non si è saputo chi ha fatto la scorreggia). Si nega l’evidenza.

Va’ ffà bbèno agli-àcini ca tu spàruno càuci (Fai del bene agli asini ché ti sparano calci) Dell’ingratitudine.

______

I proverbi vengono trascritti (con adattamenti) da L’accadèmia dulla Sémmala. Voci patricane da non perdere, a cura di Marcella Bufalini Ciari e Tarquinio Tolassi, Pro Loco, Patrica 2011.

 

Dialetto di Centùripe (EN)

PROVERBI

U Signuri chiudi na porta e rapi un purtuni ‘Il Signore chiude una porta e apre un portone’.

I chiàcchjri su’ cchiàcchjri, ’a putiara voli i pìcciuli ‘Le chiacchiere sono chiacchiere, la bottegaia vuole i soldi’.

I làstimi sunu di canigghia, cu li jetta si li pigghia ‘Le imprecazioni sono di crusca, chi le getta se le piglia’.

Cu sputa ncielu, nfaccia ci torna ‘Chi sputa in cielo, in faccia gli torna’.

Amaru cu cci avi bbisuognu ‘Povero chi ha bisogno’.

Risparmia risparmia quannu ’a cascia è cchjna, ca quannu u funnu pari nun c’è cchiù nnenti da risparmiari ‘Risparmia risparmia quando la cassa è piena, ché quando il fondo appare non c’è più niente da risparmiare’.

Tintari nn-alloggia ‘Tentare non nuoce’.

Cu cci avi sordi ’n bursettinu fa pPasqua, Natali e San Martinu ‘Chi ha soldi in borsettino fa Pasqua, Natale e San Martino’.

Cu bbeni mi voli, ’n casa mi veni ‘Chi bene mi vuole, in casa mi viene’.

Figghj nichi peni nichi, figghj ranni peni ranni ‘Figli piccoli pene piccole, figli grandi pene grandi’.

U rriccu comu voli e u pòvəru comu pò ‘Il ricco come vuole e il povero come può’.

Ogni ccacateddha ’i musca è ssustanza ‘Ogni cacatina di mosca è sostanza’.

I cchiù mmiègghj scèrri sunu thra i parienti ‘Le migliori liti avvengono tra i parenti’.

Iu mangiu cipuddha e a tia t’abbàmbənu l’uòcchj ‘Io mangio cipolla e a te bruciano gli occhi’.

A tiempu ’i nicissità u figghiu ci ’a nfila a ssò mà ‘In tempo di necessità il figlio glielo infila a sua madre’. Indovinello: ’a vugghia, l’ago (la cruna dell’ago).

Cu ti voli bbeni ti fa cciànciri e cu ti voli mali ti fa rrìdiri ‘Chi ti vuol bene ti piangere e chi ti vuol male ti fa ridere’.

Miegghiu sulu ca mal’accumpagnatu ‘Meglio solo che male accompagnato’.

Cu joca sulu nun perdi mai ‘Chi gioca solo non perde mai’.

U voi dici curnuti ô sceccu ‘Il bue dice cornuto all’asino’.

Ognunu tira ô so cuddhuruni ‘Ognuno tira alla sua focaccia’.

I guai dâ pignata i sapi ’a cucchiara ch’arrimina ‘I guai della pignatta li sa il cucchiaio che mescola’.

Cu vinni scinni e cu accatta acchiana ‘Chi vende scende e chi compra sale’.

______

Fonte orale: Dr. Antonino Di Paola, anni 78, nato a Centuripe (EN), vivente a Torino dal 1969.