Dialetto di Vico del Gargano (FG)

vico_del_gargano_panorama
Vico del Gargano (Foto di R. Afr.)

Ce decive a Båichë

I pruuèrbie andåiche
ièvene poiète:

iè megghië na penzäte
ché cendë fategäte;
u médeche sta a spasse
quanne u càule fa fragasse;
quanne tande e quannë nende;
quésse e nendë sò parendë… Continua a leggere “Dialetto di Vico del Gargano (FG)”

Dialetto di Campobasso

PROVERBI

Mo pure le puce tenne la tosse. Ora anche le pulci hanno la tosse.

Quande u diàule t’accarézza, vole ànima. Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

U cattive lauratore ogni zappatë è nu delore. Per il cattivo lavoratore ogni zappata è un dolore.

Tutte passe, tutte ze scorde e tuttë ze lasse. Tutto passa, tutto si scorda e tutto si lascia. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”

Proverbi garganici sull’asino

Asini barili Gli asini litigano e i barili si sfasciano. M5 (FG) I ciucce fanne allite (AP ce fràcchene, C ce asciàrrene, M3 ce affèrrene, P fanne alléitee i varrile ce sfàscene. MF I ciócce fanne allïte e i varrïle ce sfàscene. SG Li ciucce ce tòzzene (si cozzano) e lli varrile ce sfàscene. SM Li ciucce ce scèrrenë e lli varile ce sfàscene. SN I ciucce ce vàttene (si battono; SN1 ce scòrnene, si scornano; SN3 ce ràttene, si grattano) e i varile ce sfàscene. SS I ciucce fanne a sciarre e i varile ce sfàscene. I ciucce ce dànne e i varrile ce sfàscene. VG Dd’àsene ce asciàrrene e i varröile ce sfàscene. Cfr. BA Le ciucce s’arràghene e le varrile se sfàscene. NA ’E ciucce s’appìccecano e ’e varrile se scàssano. Di conseguenze che ricadono su chi non ne ha colpa. Le liti dei genitori le scontano i figli. Continua a leggere “Proverbi garganici sull’asino”

La parola non è come si dice

Proverbio

La paròule nenn-èje accume ce dice, ma accume ce ndenne.

La parola non è come si dice, ma come s’intende.

Parlare in modo da non essere fraintesi, stando attenti a dove la frase va a parare e adeguando il linguaggio alle capacità intellettive di chi ci ascolta.

Ascoltare senza prendere la parola alla lettera, ma cercando di capire il significato che le viene attribuito da chi parla.