Dialetto di Lesina (Fg)

lesina2-1-720x540

Proverbi

La bellezze è comë e nnu fiore, prime nasce e ppò more
(La bellezza è come un fiore, prima nasce e poi muore)

Brutte e preffediusë
Brutto e permaloso)

La facce mignulline e lu cule matracine
(La faccia magrolina e il culo grosso)

U bone ne credë a lu malate e u sazie ne credë a lu ddiune
(Il sano non crede all’ammalato e il sazio non crede al digiuno)

La ciocche ca nne parlë è chiamatë checocce
(La testa che non parla si chiama zucca)

L’acqua corre e u sanghe quagghie
(L’acqua corre e il sangue coagula)

La šcacche de foche dure poche,
la šcacche de lu vine dure nu tandine,
la šcacche de nature fise a la morte dure
(Il rossore del fuoco dura poco,
il rossore del vino dura un tantino,
il rossore di natura fino alla morte dura)

Occhie nne vedë e recchië nne sendë
(Occhio non vede e orecchia non sente)

Lu musse è longhë e stritte, ce ficche la case che tuttë lu titte
(La bocca è lunga e stretta, ci entra la casa con tutto il tetto)

A ttrippa vacande nën ge sone e nën ge cande
(A pancia vuota non si suona e non si canta)

Mana càvede sta malate, mana fredde sta nnammurate
(Mano calda sei malato, mano fredda sei innamorato)

U pede a la cùnnele e l’arte a la mane
(Il piede alla culla e il lavoro in mano)

Ne sta morte senza rise e nne sta zite senza chiande
(Non c’è morto senza riso e non c’è sposa senza pianto)

Adove spute u pòpele fa la fundane
(Dove sputa il popolo fa la fontana)

Criature e pullë n-zonne maie satulle
(Bambini e polli non sono mai satolli)

La mmerde cchiù ce mmescetieje e cchiù puzze
(La merda più si rimesta e più puzza)

________

Proverbi traslitterati dall’alfabeto IPA di Maria Carosella, Repertoriazione del patrimonio paremiologico dialettale di Lesina (Fg), Collaborazione con il Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari, Cattedra di Dialettologia Italiana, Università “La Sapienza” di Roma, Centro Stampa “Nuova Cultura”, Roma 2005.

Annunci

Dialetto di Montecalvo Irpino (Av)

Foto di Gianluca Cardinale
Montecalvo Irpino (foto di Gianluca Cardinale)

PROVERBI

Viéstite cippone ca pare barone.
Vesti ceppone, che pare barone. (L’abito fa il monaco.)

L’àbbeto nun fa mmònico e cchjìrica nun fa prèvetë.
Abito non fa monaco e chierica non fa prete.

Lu fasce de malèreva abbasta a diécë cavalle.
Il fascio di malerba basta per dieci cavalli.

Ave paùre ca lu culo arrobba la cammise.
Ha paura che il culo rubi la camicia.

Chi fàbbreca nda li ccase de l’ate perde càuce e mmastrìa.
Chi fabbrica in casa altrui perde calce e maestria.

Chi nun fàbbreca e nnun marita nun zape cché ssi dice.
Chi non fabbrica e non marita non sa che si dice.

San Nicole cu la barba bianga, si nun ghiòve la néve nun manga.
San Nicola con la barba bianca, se non piove la neve non manca.

Sanda Catarinella o acqua o nevecella.
A Santa Caterina o piove o comincia a nevicare.

Ogni pprèdeca èsce a denarë.
Ogni predica finisce con la richiesta di denaro.

Ogni scarpe devenda scarpone.
Ogni scarpa diventa scarpone.

Doppu chiùoppeto na bell’acque.
Dopo la pioggia una bell’acqua. (Piove sul bagnato.)

Sand’Andùono màšchere e sùonë.
A Sant’Antonio Abate maschere e suoni.

«Oh, andó vaie?» «Porte cepólle.»
«Dove vai?» «Porto cipolle» (Discorso fra sordi.)

«Lu meglie ómo» deceva mammanonna, «appese alla pèrteca oppure all’ulmu de lu Càrmeno».
«Il migliore uomo» diceva la nonna, «andrebbe impiccato alla pertica o all’olmo della chiesa del Carmine»

A sSand’Andùono ogni gallenella abbìa l’ùovo.
A Sant’Antonio Abate ogni gallinella comincia a far l’uovo.

Chi cammina lécca e cchi sède sécca.
Chi cammina lecca e chi siede secca.

Tanda figlie, tanda pruvvedentsa.
Tanti figli, tanta provvidenza.

Latte capisce e frustë nò.
Latte capisce e frusta no. (Capisce solo quando gli conviene.)

Lu malu cano acchiappa lu bùono jazze.
Il cane cattivo ha la migliore sistemazione.

Si cule cacava, nun mureva.
Se il culo cacava, non moriva.

Quande siénde rumore de rattacasa, staie nu poco e ppo’ trase.
Quando senti rumore di grattugia, aspetta un po’ e dopo entra.

Tiémbu de cacatorio nun ze porta a ccunfessorio.
Tempo di cacatoio non si porta in confessionale. (I panni sporchi si lavano in casa.)

’E ttiémpe de cacatorio nun gi vole culu strintu.
Con la diarrea non c’è culo che tenga.

Mangu pùlice nd’a sse panne!
Neanche pulce in codesti panni!

Lu suldatu de Napuleione iette cazze e turnavë cuglione.
Il soldato di Napoleone andò cazzo e tornò coglione.

Quande lu ciélo èa a picurellë adda chiòve a catenellë.
Quando il cielo è a pecorelle pioverà a catinelle.

Lu cano mózzeca a lu strazzato.
Il cane morde allo straccione.

La cap’ e la coda èa malu scurcià.
La testa e la coda sono le parti più difficili da scuoiare.

Mò te vene, zùoppo, sta cchianata!
Ora riesci, zoppo, a fare questa salita! (Non è pane per i tuoi denti.)

_______

Dalla lettura di Maria Gelormini Maestra Maruzzella

Dialetto di Vico del Gargano (FG)

phoca_thumb_l_vico-del-gargano_6

QUINDICI PROVERBI

Quanne ce sta ’a grasce måitte ’a chiave nfacce ’a casce.
Quando c’è l’abbondanza devi mettere la chiave alla cassa.

Gàbbete nën fa mòneche e chièrechë nën fa prèuete.
Abito non fa monaco e chierica non fa prete. Continua a leggere “Dialetto di Vico del Gargano (FG)”

Dialetto di Vico del Gargano (FG)

vico_del_gargano_panorama
Vico del Gargano (Foto di R. Afr.)

Ce decive a Båiche

I pruuèrbie andåiche
jèvene poiète:

jè megghië na penzäte
ché cendë fategäte;
u médeche sta a spasse
quanne u càule fa fragasse;
quanne tande e quannë nende;
quésse e nendë sò parendë… Continua a leggere “Dialetto di Vico del Gargano (FG)”

Dialetto di Campobasso

PROVERBI

Mo pure le puce tenne la tosse. Ora anche le pulci hanno la tosse.

Quande u diàule t’accarézza, vole ànima. Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

U cattive lauratore ogni zappatë è nu delore. Per il cattivo lavoratore ogni zappata è un dolore.

Tutte passe, tutte ze scorde e tuttë ze lasse. Tutto passa, tutto si scorda e tutto si lascia. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”

Proverbi garganici sull’asino

Asini barili Gli asini litigano e i barili si sfasciano. M5 (FG) I ciucce fanne allite (AP ce fràcchene, C ce asciàrrene, M3 ce affèrrene, P fanne alléitee i varrile ce sfàscene. MF I ciócce fanne allïte e i varrïle ce sfàscene. SG Li ciucce ce tòzzene (si cozzano) e lli varrile ce sfàscene. SM Li ciucce ce scèrrene e lli varile ce sfàscene. SN I ciucce ce vàttene (si battono; SN1 ce scòrnene, si scornano; SN3 ce ràttene, si grattano) e i varile ce sfàscene. SS I ciucce fanne a sciarre e i varile ce sfàscene. I ciucce ce dànne e i varrile ce sfàscene. VG Dd’àsene ce asciàrrene e i varröile ce sfàscene. Cfr. BA Le ciucce s’arràghene e le varrile se sfàscene. NA ’E ciucce s’appìccecano e ’e varrile se scàssano. Di conseguenze che ricadono su chi non ne ha colpa. Le liti dei genitori le scontano i figli. Continua a leggere “Proverbi garganici sull’asino”