Dialetto di Vieste (FG)

vieste-puntasan-francesco da Eden Puglia ..

Vieste. Punta San Francesco. Immagine tratta da Eden Puglia.

VENTI PROVERBI

L’amore forte no nganosce nè lúochë nè sortë.
L’amore forte non conosce né luogo né sorte. (L’amore è cieco).

L’amore e ll’affette vènene da la sacchette.
L’amore e l’affetto vengono dalla tasca.

Stipe ngidde chè trúove capetöne.
Conserva anguille che trovi capitoni. (Ciò che oggi ti sembra poco domani potrebbe essere provvidenziale).

L’ànema depinde ce cundanne da söle.
L’anima macchiata dal peccato si condanna da sola.

Poch’anne e poca malìdzie.
I bambini non hanno malizia.

Cöme ce fa? – Accöme facèvene l’andiche: prime la scorze e doppe la muddiche.
Come si fa? – Come facevano gli antichi: prima la scorza e dopo la mollica.

Aprile faje guardà u cenarile.
Aprile fa guardare il focolare. (Spesso in aprile fa molto freddo).

Arche de matine, se ne nghiöve gôsce, chiöve crammatine.
Arcobaleno di mattina, se non piove oggi, piove domattina.

Renga vecchie e renga növe sonne tutte nu chelöre.
Aringa vecchia e aringa nuova sono tutte dello stesso colore. (Una volta mescolate si confondono).

Arte pe arte e i pècure a u lupe.
Ognuno alla sua arte e alle pecore ci pensa il lupo.

L’arte de tëte è medze mbarëte.
Il mestiere del babbo è mezzo imparato.

L’arte d’u ualëne è arta cevile: porte l’arëte mmëne e u uöve tire.
Il mestiere dell’aratore è un’arte civile: lui guida l’aratro ma chi tira è il bue.

L’arte l’hâ fà chi è use.
L’arte deve farla chi è del mestiere.

L’artiste tëne u pëne jinde u canistre.
L’artigiano ha il pane nel canestro. (Ce l’ha, ma ne ha poco).

I ciucce ce dànne e i varrile ce sfàscene.
Gli asini litigano e i barili si sfasciano.

Chi tëne renne, chi no ndëne i píete stenne.
Chi ha rende, chi non ha i piedi stende. (La ricchezza porta altra ricchezza, la miseria altra miseria).

Chi avvise möre accise.
Chi avvisa muore ucciso.

Varca rotte e cunde fatte.
Barca rotta e conti fatti.

Öme curte e fèmmena chiatte hê fà quarandaquatte vòlete u patte.
Con uomo corto e donna tarchiata devi fare quarantaquattro volte il patto. (Non c’è da fidarsi).

Pìgghiete u búone quanne vëne, chè u malamende non manghe mëje.
Pigliati il buono quando viene, ché il male non manca mai.

________

Da F. Granatiero, Rére ascennenne (“Da antica tradizione”). Dizionario tassonomico dei proverbi garganici, Foggia, Grenzi, 2002.

Dialetto di Vico del Gargano (FG)

phoca_thumb_l_vico-del-gargano_6

QUINDICI PROVERBI

Quanne ce sta ’a grasce måitte ’a chiave nfacce ’a casce.
Quando c’è l’abbondanza devi mettere la chiave alla cassa.

Gàbbete ne nfa mòneche e chièreche ne nfa prèuete.
Abito non fa monaco e chierica non fa prete.

Gacque e foche ne ndròvene loche.
Acqua e fuoco non trovano luogo (ostacoli).

Addumanne a dd’acquaróule se dd’acque è fréscchë.
Stai chiedendo all’acquaiolo se l’acqua è fresca.

Cudde ch’acquåiste pe lu quazze nn-acquåiste pe na vite de fatåije.
Ciò che si guadagna col cazzo (il matrimonio) non si guadagna con una vita di fatica.

Adduve fåicche dd’ache, ne nge tràsce ’a cape.
Dove ficchi l’ago, non ci entra la testa. (Lo strappo, una volta cucito, non si allarga).

Agàuste: cummàugghiete u gàuste.
Ad agosto copriti il busto.

Aiàutete ca Ddåie t’aiàute.
Aiutati che Dio ti aiuta.

Che ne tene cénde l’alloche, che ne tene gàune l’affoche.
Chi ne ha cento (figli) li alloga (li sistema), chi ne ha uno lo affoga.

Ogni vutarë tene ’a cràucia sò.
Ogni altare ha la sua croce. (Ogni famiglia ha i suoi problemi).

Gàute e fésse.
Alto e fesso.

Ú tené tanda måice? Círche de nn-avé besógne.
Vuoi avere tanti amici. Cerca di non averne bisogno.

Amåice e cumbare, parlàmece chiare.
Con amici e compari si parla chiaro.

I cumbagne ce tènene ndr’i cosse.
I veri amici sono solo quelli che hai tra le cosce. (Non fidarti di nessuno.)

I cumbagne l’hâ tené mmedze ’a strade: a caste ne ll’hâ maie purtà.
Gli amici deve averli in strada: a casa non devi mai portarli.

_________

Tratti da F. Granatiero, Rére ascennenne (“Da antica tradizione”). Dizionario dei proverbi garganici, Foggia, Grenzi, 2002.

Dialetto di Vico del Gargano (FG)

vico_del_gargano_panorama
Vico del Gargano (Foto di R. Afr.)

Ce decive a Båiche

I pruuèrbie andåiche
ièvene poiète:

iè megghië na penzäte
ché cendë fategäte;
u médeche sta a spasse
quanne u càule fa fragasse;
quanne tande e quanne nende;
quésse e nende sò parendë… Continue reading “Dialetto di Vico del Gargano (FG)”

Dialetto di Campobasso

PROVERBI

Mo pure le puce tenne la tosse. Ora anche le pulci hanno la tosse.

Quande u diàule t’accarézza, vole ànima. Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

U cattive lauratore ogni zappatë è nu delore. Per il cattivo lavoratore ogni zappata è un dolore.

Tutte passe, tutte ze scorde e tutte ze lasse. Tutto passa, tutto si scorda e tutto si lascia. Continue reading “Dialetto di Campobasso”