Claudio Damiani

fico-fortezza-light-688x1024

Una poesia di Claudio Damiani (poeta nato a San Giovanni Rotondo) tradotta nel dialetto garganico di Mattinata

Nuie avime abbesúgne de mangiàrece
i cúrpe de l’àlete, cúrpe che ièvene vive
nuie l’accetime e cë li mangeme,
l’àreuele mmèce nn-accìtene a nesciunë
lore càmbene sckitte d’àreie e dë luce,
d’acque e dë sale minêràle
che pìgghiene da la terre.
Ne nvojje dice p’lu sendemende
ca lore fanne bbúne e nuië mmalamende,
ne-n pot’esse ca tutte lu regne annemele
sté nd’lu ttúrte (e allòure ce putarrije capisce
ca propie pe quéssë la morte
ne nn-èi na còsa mmalamende).
Pêrò li cchiande che càmbene d’àreie
d’acque e dë sòule
ne-n te fanne maravigghie?

Noi abbiamo bisogno di mangiare
i corpi degli altri, corpi che erano vivi
noi li uccidiamo e li mangiamo,
l’albero invece non uccide nessuno
lui si nutre solo di aria e di luce,
d’acqua e di sali minerali
che prende dalla terra.
Non voglio dire romanticamente
che lui è nel giusto e noi nel torto,
infatti non può tutto il mondo animale
essere nel torto (e da qui se ne potrebbe dedurre
che proprio per questo la morte
non è qualcosa di negativo).
Però le piante che si nutrono d’aria
d’acqua e di sole
non sono meravigliose?

(Da Claudio Damiani, Il fico sulla fortezza, Fazi Editore, 2012, pag. 73)

Per la grafia del dialetto vedi il manuale Scrivere la lingua madre

Richard Berengarten

Richard 4, Skye, 2003

Richard Berengarten

Strusce

… mo che la pòleve chéde…
                              
Rrè sòule, sckacche a u uise, stambe riéle d’lu júrne,
m’attúcche, e lla pedde devende na pedducce d’úcchie,
la spine nu níreve d’úcchie, e u cúrpe mije trèmele
mídze ngecalute da la pisca d’òure che tu spicce
sòup’a ssu mere e a ssa cità, e i’ sò cechetë.
Cqua na vòlete stèvene felere – e angore sacce ca stanne –
de chese e strete, ch’appartenèvene a nn’àleta cità,
nò quéssë c’ha’ ndutte strafurmete. Continua a leggere “Richard Berengarten”

Dialetto di Mattinata

Omaggio a Dante a 750 anni dalla nascita

Canto V dell’Inferno

Da u prime círchie allòure ije vénne abbasce
nde lu secónde, ch’è cchiù stritte, e signë
ca cchiù delòurë e cchiù lamíndë ngasce.

Ce sté Minosse ch’assé sckande, e sgrigne:
li ccólepe scanigghie isse allu uete;
ggiùdeche e mannë pe quandë ce accigne. Continua a leggere “Dialetto di Mattinata”