Contatti

f.granatiero@libero.it

Antonio Lupoli - Mattinata da Monte Saraceno

Antonio Lupoli – La spiaggia di Mattinata (FG) vista da Monte Saraceno

DSCN6645

VOCABOLARIO DEI DIALETTI GARGANICI

Annunci

17 thoughts on “Contatti

    1. Ove la domanda, apparentemente ingenua, non sia di scherno, approfitto per ribadire che i dialetti non si insegnano.
      I dialetti salentini sono tanti quanti sono i paesi del Salento. Se vuoi soddisfare qualche curiosità, puoi consultare il «Vocabolario dei dialetti salentini».
      Se invece vuoi proprio impararne uno, e non sei nel Salento, devi trasferirti in uno dei centri del “tacco” e parlare un po’ con i suoi abitanti più anziani. Ma poi devi restarci, altrimenti a che ti serve?
      Io però sono convinto che il dialetto si impara solo dai genitori e dai compagni d’infanzia. Se non s’impara in casa, è segno che il dialetto non ha futuro. Di esso non resteranno che poetiche testimonianze.
      Ti consiglio allora di leggere qualche poesia in dialetto con traduzione a fronte. Il Salento è una terra feconda di buoni poeti. Oltretutto c’è una bella antologia curata da Donato Valli per Piero Manni Editore.

  1. Salve, mi chiamo Fabio e sono originario di Peschici. Volevo congratularmi con lei, ha realizzato un sito davvero interessante. Peschici non è soltanto dialetto, è anche vocalizzi, gesti, silenzi. Un isola circondata da altra terra, dove l’aria i colori il vento, tutto assume un carattere speciale. Il dialetto peschiciano è un canto, bello e antico, un urlo per farsi sentire, quasi un lamento. Grazie per il suo contributo, cordialmente la saluto.

    1. No, ma se mi invia il file di una registrazione audio di materiale popolare (racconto, proverbi e simili), sono disposto a trascriverlo con grafia DAM. Le chiedo solo di non inviare poesie d’autore, in quanto queste vengono scelte esclusivamente da autori letterariamente storicizzati.

  2. Janne che mmè

    Janne cqua, janne che mmè
    Te vojje fà canosce u paése ndò sò nètë
    Te vojje ’rrancundà a terra miie!
    Damme a mène e stamm’a ’dduselà
    T’hê fà sendì a ’ddore d’u rìnie
    sope i coppe d’u Recone
    e quillë d’a ruche a Cevetètë.
    Janne te mbunne i péte
    dinde ô mère a Jacquarottë
    opure sott’u ponde nd’a Scjumère.
    T’hê fà véve l’acque d’a fundène
    nnanze a ville o quelle d’u puzze d’a Vuriie.
    Túcchele ch’i mène, addecrìjete.
    Jè u sapore de sta terre
    ca momò hanne jarète!
    ’Cchiamíndele i chelure de sti vigne,
    vulevéte e ggirasole.
    Damme a mène, janne che mmè.
    T’hê purtà dinde i viie stritte stritte
    d’u Prejatorie, ndò sta sèmbe u friscke,
    ndò pure u sole ce vè ’cchemmugghjà
    quande tè cavede assà!
    I chèse fatte de tufe e stise fore,
    sope a na corde nu lenzole!
    Nnanze a porte ’cchiandète u vasanecole.
    U vénde ca certe vote te ’ccarezze
    e pèrë ca te vò nazzecà,
    certe ati vote, se ne n-d’acciaffe,
    te javeze a vunnelle e ppò te pigghie a sckaffe.
    Te vojje fa sendì come ’ddore
    quande jogghie e panecottë fanne ammore!
    Sínde sta voce, sínde sti parole.
    Sònene i cambène de Sanda Necole.
    Se capisce sta terre e sti crestiène
    tu capisce pure a mmè!
    E më pu vulè bbéne,
    com’i’ ne vojje a ttè.

    Michele Giuliano
    Dialetto di San Paolo di Civitate (FG)

  3. Nu cafone

    Nu cafóne m’ha nzenghète
    ndò vanne i stelle quande ce fa júrne,
    a jjusmijà l’àneme de stu paése
    ’a matina preste,
    a ngavedarme ô sole.
    Nu cafone m’ha nzenghète
    a ccammenà scàveze sope ê préte
    e dindë ’a vigne,
    a ’ffunnà i péte dint’a lota jùmmede,
    a pungecarmë e rangecarmë
    sope ’a terra toste.
    M’ha nzenghète
    a ndendelijà u pedèle
    pe ffà cadì ’a precoche
    e cca nu bbelle frutte
    nge pò ffà mbracetà.
    M’ha nzenghète
    a jjesse mò lèpe e mmò furmiche,
    a mmagnà u pène c’a cepolle,
    ’a menestre de fève ’rreccète,
    cice jasckète e cecerchiètë;
    ca u pène toste ne nge jette:
    ce fa u pènecòtte o l’acquasèle.
    E pë më cresce deritte stu cafone
    ogni tandë m’ha dètë
    pure nu sccaffone.
    Nu júrne, quande pò me ne sò jutë,
    m’ha dittë: « Tu mò te ne va’
    e jji nende te pozze dà. »
    Nn-è lluvére, papà,
    tu ggià m’ha’ dète assà.
    M’ha’ fatte rosse,
    m’ha’ mbarète a ccambà.
    Tenève nu cavezone senza na saccocce,
    ma l’hè stepète nd’ô core
    e dindë ’a cocce.

    Un contadino. Un contadino mi ha insegnato dove vanno a dormire le stelle quando fa giorno, ad assaporare l’anima di questo paese al mattino presto, a scaldarmi al sole. Un contadino mi ha insegnato a camminare scalzo sulle pietre e nella vigna, ad affondare i piedi nel fango umido, a pungermi e graffiarmi sulla terra dura. Mi ha insegnato a scuotere l’albero per far cadere la pesca e che un bel frutto non va lasciato marcire. Mi ha insegnato ad essere ora ape ed ora formica, a mangiare il pane con la cipolla, la minestra di fave arricciate, ceci abbrustoliti e cicerchiata; che il pane duro non si butta: si fa il pancotto o l’acquasale. E per crescermi retto questo contadino ogni tanto mi ha dato anche uno schiaffone. Un giorno quando poi sono andato via mi ha detto: “Ora tu te ne vai ed io non posso darti nulla.” Non è vero, papà, mi hai già dato molto. Mi hai cresciuto, mi hai insegnato a vivere. Avevo un pantalone senza una saccoccia, l’ho conservato nel cuore e nella mente.

    Michele Giuliano
    Dialetto di San Paolo di Civitate (FG)

  4. DIALETTO DI SAN PAOLO DI CIVITATE (FG)
    Michele Giuliano

    ’A partènze

    So fenutë i fèrie! Jè ’rruète c’ama parte.
    ’A màchene è pronde carechète a jarte.
    «Abbède p’a vie! Ne nfujenne»
    decéve mamme e më stregnéve.
    E ji tenéve ’a carne ca sfrijéve,
    l’occhie rusce chjine de chiande.
    Nnanze ’a porte nascuse ’ddréte u mande:
    «Chisà se ce vedime angore quist’àvet’anne»
    e purë a mmè nu nùdeche me stregnéve nganne.
    «’Zza fà a Ddie! mo vide ca ne ng’ima vedè!»
    decéve ji pe ffa curagge a jèsse e purë a mmè.
    «E chë ne sépe… Ne nge pó mèie sapè!»
    Me ne jéve ’ccuscî. Facéve finde ca stéve rerenne,
    ma mbette a mmè u core zumbève,
    come se vulesse scenne!
    E purë mo’, se penze a mammë
    nnascuse ddréte u mande,
    ce stregne nganne e ll’occhie rusce
    ce ’rrènghiene de chiande.

    La partenza. Son finite le ferie. È giunta l’ora di partire. L’automobile è pronta, caricata ad arte. «Stai attento per la strada, non correre» diceva mia madre stringendomi, ed io avevo la pelle d’oca, gli occhi rossi pieni di lacrime. Davanti all’uscio nascosta dietro la tenda: «Chissà se ci rivedremo l’anno prossimo» ed anche a me un nodo mi stringeva in gola. «Lascia fare a Dio, mo vedi che non dobbiamo rivederci!», dicevo per fare coraggio a lei, ma soprattutto a me. «E che ne sai… non si può mai dire». Me ne andavo così. Facevo finta di essere allegro, ma nel mio petto il cuore saltava come se volesse scendere. Ancora adesso, se penso a mia madre nascosta dietro la tenda, mi si stringe la gola e gli occhi si arrossano riempiendosi di pianto.

    1. L’ho trascritta in grafia DAM. Come avrà capito, gli apostrofi schwa non sono di mio gradimento. Sarei lieto se d’ora in poi si esercitasse lei stesso con la nuova grafia. In questo blog ci sono gli elementi per farlo. Ove non bastasse, è appena uscito presso “La Vita Felice” il mio libro con le indicazioni necessarie e un’antologia esemplare sufficientemente ampia (F.G., Altro volgare. Per una grafia unitaria della poesia nei dialetti alto-meridionali).
      Detto questo, devo subito precisare che questa sua poesia, molto commovente, è bella, semplice e aderente alla realtà, come deve essere.

  5. GIAN PIERO STEFANONI invia delle considerazioni critiche su PE’ BURLA E PE’ DDAVERE di Tito Manlio Verratti, un poeta del primo Novecento, nativo di Sant’Eusanio del Sangro, del quale si trascrive un sonetto tra i più significativi.

    TITO MANLIO VERRATTI

    E chi è lu pròsseme
    (Luca, X, 25)

    Nfacce a lu sole, accande a nu cannone,
    culpite da na schegge de mitraje,
    sta nu ferite dope la bbattaje,
    se lagne e cerchë a Ddì pietà e perdonë.

    Tra li sperdute de nu bbattajone,
    nu medecucce arrive e së la squaje.
    Nu cappellane passe, na medaje
    che fa jé ngiele a lu ferite done.

    Dope tand’ore, quande ha fattë notte,
    arrive lu nemiche e curë prónde
    lu nfelice e lu salve da la morte.

    Dungue lu pròsseme te dà le bbotte,
    sopre a la cocce pe la vite e nfrónde,
    e dopë acconge lu ‘mmaccate e storte.

    ______
    TITO MANLIO VERRATTI
    Pe’ burla e pe’ ddavere
    Palmerio, Guardagriele 1949.
    ______

    Figura rilevante di educatore (fu Ispettore e Direttore didattico nella direzione di Guardiagrele nella provincia di Chieti) e di politico (tra l’altro sindaco del suo paese, Sant’Eusanio del Sangro sempre nel teatino), degli scritti del Verratti si ricordano forse principalmente i suoi lavori concernenti appunto l’orizzonte del tema scolastico (come “Pedagogia di F. Rabelais”, “Dal dialetto alla lingua”) e di territorio (“Un paese d’Abruzzo: Sant’Eusanio del Sangro”) fino a quelli (“I divelti del turbine” ed “Eroi ignoti”) più strettamente legati alle sue esperienze di milite durante la prima guerra mondiale (combattendo poi anche nella seconda dove fu fatto prigioniero in Algeria). Eppure è proprio in questo smilzo libricino di circa settanta testi (qui nella bella veste della Editrice Itinerari di Lanciano stampata nel 1998) è possibile ritrovare in una felice sintesi tutti i caratteri, le audacie e le malinconie di una figura mai interamente spesa sola per se stessa piuttosto caparbiamente incarnata entro una comunità di affetti (dalla famiglia al paese e ai luoghi obbligati del lavoro) nell’orizzonte di una esistenza data per partecipazione e sostegno. Ed allora la parola che meglio lo descrive è dignità, sì la più insistita a imprimere su uomini e cose, su una terra ben viva nella fatica delle sue promesse, il dettato di una esistenza non di scarto, non di retrovia ma di presenza attiva (spesso anche dolorosamente). Dignità di uomo nella chiave di una umanità che si sa viva, reale – e dunque già parzialmente compiuta – nel processo stesso della sua misura in rapporto al mondo inteso come campo di incontro e formazione reciproca, l’intelligere (che è amore nella sua vasta accezione di comprensione e costruzione) come umanesimo del cuore, come guida dunque (non dimenticando pertanto i precetti di quel Cesare De Titta, lo zio illustre che contribuirà alla sua formazione). Di qui, ancora, quella vena di inquietudine nel timbro che riluce sotto la scorza a dire del peso, del confronto l’ingiusto e l’insopportabile, l’inutile male e che nella poliedricità dei temi del libro si erge da subito entro una sacralità di valori come verità di spirito nell’intacitabile dettato. Il testo così nella struttura di otto sezioni di cui si compone (ed in cui è ben inserita qualche lirica in lingua) racconta nella sua figura, di questo mondo nel bagaglio di un’esistenza sempre in gioco, tra risonanze interiori e dispute politiche, tra favole animali e rapporti colle cose e col prossimo, nella tensione interrogante – e spesso oscura della terra – quella relazione infinita tra l’uomo e il suo esserci di cui Verratti, non venendo mai meno, è testimone pieno. Uomo d’azione e di passione, riparte nella confessione intima di se stesso dando alla sezione d’apertura di testo il significativo titolo di “Stu core” in cui, nel raccoglimento, come a chiarificarsi si ricuce nel dialogo attorno ai temi forti della propria vita: l’attaccamento alla propria libertà (anche nel sacrificio del prezzo che ha sempre comportato), l’amore per la sacralità della vita, per la sua unicità che è bellezza sempre e qui manifestata nell’attaccamento ai figli (di cui si negherebbe –”N’è lu vere” – lo smarrimento) e nelle belle pagine sulle morti precoci o sui ricordi di guerra nella corona di umiltà e preghiera che lo porta teneramente a piegarsi, il destino accettato e perseguito, solo di fronte a Cristo, l’unico innanzi a cui direbbe e dice “Amen”, lui del Padre la porta. Da subito c’è in questa poesia nella radicalità di accenti ben legati al sonetto (la forma evidentemente più amata e anche qui più usata) un riferimento alla terra natale molto forte, posta a recinto del tempo e del mondo di compimento cui ognuno è chiamato e a cui costantemente rimettere nella direzione e negli orizzonti degli slanci azioni e pensieri, intuizioni e nostalgie sì che proprio nella figura del cuore (così affaticato e caparbio) finisce coll’immaginarsi per cantilena di salire e ridiscendere dalla costa, dal cielo e fra le stelle per specchiarsi poi (“quande la lune cale, / tra l’ombre e lu mistere”) dentro una chiara fonte. Questa infatti l’immagine cara che aiuta a non sentirsi vecchi andando per mari e montagne, questo il nido che pur nello struggimento e nel timore lo aiuta a vivere, a pensarsi nel campo di prigionia in Africa ancora in qualche modo alla fonte, appunto,”mmezze a lu prate de le querce antiche”, e a cui non credendo di tornare, prova ad affidare allora il ricordo, il bene vero che si va smarrendo: “cannella d’acqua fresca e bone, / e quande scorre cante e ride e piagne”. Pure, nella circolarità di un’esistenza mai chiusa però al proprio piccolo incastro, Verratti ben cosciente che nulla si è da soli ma unicamente nell’intreccio di vite cui si è chiamati è possibile dare piena risonanza di se stessi, sa che è nel prossimo la misura della rispondenza e su questo si interroga tra dolenza e sarcasmo nella seguente, omonima sezione. Così nel primo testo, nel richiamo della parabola evangelica in epigrafe (Luca, X, 25), il buon Samaritano nell’episodio di guerra sarà espressione diretta del nemico, non del cappellano o del medicuccio che passano e non si curano del proprio soldato colpito (“Dunque lu pròssime ti dà le botte, / sopra la coccia pe’ la vita e ‘nfronte, / e dopo acconce lu ‘mmaccate e storte” nell’amara constatazione). Questo a sottolineare subito che la storia e il comportamento umano sovente nell’indifferenza e nella partecipazione non muta, i più restando indifferenti alla vita e al dolore degli altri. Nel campionario di figure che seguono ecco dunque Il mercante che froda e inganna (abile nel sapersi scegliere a seconda del potere le amicizie giuste), il prete povero che si accolla tutta la famiglia, l’uomo tradito dal primo amore e poi via via dai parenti tutti (e che ora felice “zappe e ride, / pecchè mi po’ tradì lu sole cane”) e poi, ancora, la donna piena di vanto per proprietà e natali (ma che a notte piange perché poco rendono e molto costano), fino a chi versa in miseria sempre preda di coloro a cui non basta mai nulla e nella piccola Spoon river del Sangro (“Epigrammi”) le tombe di defunti che vissero mentendo e gabbando. Vizi, molti, e virtù continuamente messe alla prova che ritornano nei testi successivi nelle figure animali (sul modello di Fedro) a riproporre anch’essi pur nella diversità ed un prender una certa distanza dagli uomini le medesime dinamiche, le medesime mancanze e furbizie. Il leone che fa valere la legge del più forte sul lupo che sta per divorare una pecora, il gatto nella sua libertà che al cane che si crede forte ne dimostra la condizione di servo, il caprino e il suo aver cambiato vita, a cui non credere, sono solo alcuni degli esempi di cui Verratti si serve per interrogarci con lui degli uomini nelle dinamiche degli antichi legami. Così, nelle riuscitissime sequenze, nel mulo che non si fa ingannare dal padrone che lo coccola perché lo vuole vendere (come chi ha bisogno di un voto fa il giorno prima), o nel dialogo sull’amore tra madre e gallinella e nella prigioniera che viene uccisa dal Re scimmia avendogli detto la verità su quello che il mondo pensa di lui, questo maestro sempre mostra come fossimo davanti a uno specchio, nella sapienza del sorriso, modalità di comportamento nelle quali (tra reali e presunte onestà) ognuno può riconoscersi. Bellissime, tra le altre, “Lu cane lope” (in cui il lupo disposto a farsi mettere per necessità la catena, ad adattarsi, chiarisce: “ma sole pe’ ngannà lu monne ‘ntere”) e “La ranuocchia furbe” (nell’ammaestramento che se non si vuole perdere mai diventare ciò che non si è – come nel testo precedente accompagnato dal detto latino che chi imita i potenti muore). Pure in un mondo ancora prettamente agricolo, dimostrando (perché vivendole e condividendole in qualche modo da sempre) di conoscerne (comunque essendo sovente alla base dei suoi procedimenti ) dinamiche e forme, fatiche e sospensioni, è sull’attenzione alle cose nella loro valenza di sicurezza e conquista e determinazione di stato (come anche di frutto e per questo di grazia) che anella più forte il proprio discorso su una terra caricata entro uno spirito di lingua che non si nega sempre più nell’accento dei propri ancestrali attaccamenti. Spunto questo che tra l’altro gli consente ancora una volta di sottolineare la fortuna a cui si è per condizione legati come appunto nell’omonimo testo (nel dialogo tra la quercia che si lamenta e l’olmo che piuttosto gli mostra il destino di certa erba che fuoriesce tra letami e fossi) e perdersi in malinconiche riflessioni (vedi “Lu lette”, sede di vita e d’amore, di riposo e di accoglienza – dal quale si immagina di ritrovarsi da un sogno di gioia alle braccia della morte) o di confrontarsi in riletture da altri autori (in questa sezione con una riduzione in prosa fatta dal Pascoli di un racconto dell’ Abate di Saint-Pierre a raccontare di nuovo il pericolo della ricchezza), modalità in lui doviziosamente servita a dimostrazione di una cultura assai curata e diversa (si pensi nel testo ai passaggi dalle traduzioni da Renato Fucini ai riferimenti al Clasio, a Nino Martoglio fino al caso de “Lu Sante de li lavurature” dove addirittura sono quattro e cioè Flaubert, Eca de Queiroz, Diego Valeri e Filippo Ferrari). Non meraviglia quindi in uno spirito sprigionato tutto tra solidarietà e presenza la preziosità dell’amicizia coltivata e custodita come bene di riferimento e a cui dedica nella parte centrale del libro una decina di testi e che sono interessanti tra l’altro perché raffigurando nel ritratto educatori e politici, medici e uomini di cultura (su tutti Giovanni Gentile, allora Provveditore agli studi) ci fornisce un quadro ben preciso non solo delle personali frequentazioni ma il carattere di un tempo sognato e speso per l’interesse comune. Così tra la meditazione sulla buona didattica che investe anche i luoghi stessi dell’insegnamento (sembrandogli gli scolari “cellucille a la cajole” – uccellini in gabbia) e gli auguri per chi si presenta in Parlamento a battersi allo strenuo per i veri bisognosi (come nel caso di Luigi Orlando, che “de L’Abruzze nostre tiè lu vande / de recapà lu dritte da lu storte”, in cui lo incita a risanare “sta terra toste e triste”) ci presenta tutta una serie di figure lodate per il carattere d’onestà e forza e che nel rovesciamento fanno da contraltare e da introduzione ai testi successivi incentrati giustappunto, tra sarcasmo e rabbia, sulla cattiva politica. Non dimentichiamo infatti che il tema della sopraffazione e del bisogno dell’umile (cui fa dire nelle parole del marito senza lavoro: “Caretà nen vulesse ma giustizia” – la famiglia al freddo e alla fame nella povertà dell’interno) era al centro delle lotte nel dibattito nazionale, Verratti in questo esponendosi in prima linea e tirando per la giacca in questi versi avversari come amici e conoscenti se mancanti. Ed è a partire dalla sacralità della vita, fulcro come sopra accennato di ogni sua azione e insieme di ogni suo pensiero, il punto di transito del suo discorso. Infatti, nel principio che “lu monne è amore, lotta, vita e morte” e non privilegio ma fatica e spesso dolore (e per cui non pare a caso la preghiera qui riportata in “Lu Sante de lu socialiste” del pittore Andrea di Litio scritta nella facciata della Chiesa di Santa Maria Maggiore in Guardiagrele in cui si chiede di riportare in Paradiso la povera gente che il vivere se lo guadagna col sudore) alza in questi versi l’attenzione a ristabilire il giusto equilibrio nell’ordine naturale del vivere e del lavoro (con evidenti riferimenti a certo socialismo cristiano) riportando l’uomo, il suo uomo del Sangro al cuore dei campi e delle valli in quella fusione in cui il peso (come il bambino nel Santo de “L’ultime cariche”) non è che misura e prova di pace e luce leggera nel suo svelamento. Dio allora nel figlio dove “na justizie certe / premie la vite senza male e ‘nganne” ad acquietare l’interrogazione (“Pecché ‘stu corpe l’alme leghe / e lu peccate se le stregne e serra?” – sull’esempio delle piccole querce che riversandosi a valle e disceso il fiume vanno a comporsi). Perché questo è appunto il discrimine contro cui leva il dito il vecchio ispettore, e chiama i suoi compagni, la sua gente a non recedere e a non cadere nella ulteriore tentazione di scambiare Cristo con Barabba (vedi il sonetto omonimo e il curioso “Nu brutte sonne” in cui nella notte di Natale nello strepito del presepe un pastore muove l’ accusa di celebrare come un teatro ogni anno la nascita di Gesù poi messo in croce ed un altro, a insistere, che l’uomo muore in ogni dove e Cristo non nasce più bambino mentre gli altri personaggi quasi in colpa si dileguano, sola calma restando la Vergine). Nell’urlo allora contro la guerra, dichiarata e fatta sempre per interessi di pochi per la croce di chi non ha ricchezza e sorte richiama quindi dal quotidiano la gente per bene, gli onesti a fare una catena di muro contro il sangue sparso dei figli degli umili per servire chi non conosce amore (“dove nen ride l’uocchie e n’accarezze”) e ruba il pane a chi lavora. La dichiarazione del suo canto, nella supplica al Signore di far comprendere all’uomo il giusto per rendere il mondo meno triste e falso (il politico come lo spiritello – “lu sferra-cavalle” – che inganna e confonde) è tutta in una quartina fremente de “La Tente de la bandiera rosce”: “Po che la voce la bellezze cante, / di chi nen té’ ricchezze e manche sorte, / di chi li trìbbule e le guà supporte / ed ogni croce abbracce e chiame sante”. Eppure la vastità di accenti e risonanze per il carattere di un autore che si dimostra profondo conoscitore dell’animo umano e di una terra amatissima, è tale da distendersi nel sollievo del cuore anche nelle forme scherzose e antiche dei vezzeggiamenti d’amore (a sottolineare l’impagabile necessità e grazia della vita a due) nei dolcissimi versi dei rituali di corteggiamenti della parte finale e su cui si stagliano “Busciardelle” e il felicissimo testo “La craparelle” nei richiami tra una capretta e i suoi spasimanti (molto tenera tra l’altro l’analogia tra i capezzolini e le rose). Infine, nell’ultima brevissima sezione di due brani appena, il congedo accompagnato da due versi in cui nella confessione si descrive appieno lasciando nel rovello al lettore e a se stesso, fino in fondo, il beneficio del dubbio: “Pe’ burla e pe’ ddavere jé me lagne, / mentre ‘stu core ride forse piagne”. Come un pover’uomo infatti si raffigura quasi al termine del viaggio, nello “Sturnielle” degli ultimi versi non arrendendosi, per quella fedeltà a se stesso che deve nel canto pur alla mattina nel pianto per la primavera che va a terminare. Conveniamo allora con quanto scritto da Adelia Mancini nella prefazione a proposito di una poesia connotata “da una formale limpidezza di stile” e una “parola netta e vibrante” grazie ad un verso usato “con felice naturalezza”. A riprova aggiungiamo noi di un magistero che ha proprio nella parola e nella sua fattiva didattica l’esplicazione tutta intera di una vita perseguita e donata senza risparmio.

    GIAN PIERO STEFANONI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...