Francesco Granatiero è nato a Mattinata (FG) il 31 marzo 1949. Primo di tre figli, fin dalla più tenera età ha lavorato con il padre a contatto con la dura fatica dei campi. Ha perso la madre a quindici anni. Diplomatosi al liceo scientifico «G. Galilei» di Manfredonia, si è iscritto alla facoltà di medicina dell’Università di Pisa, trasferendosi dopo due anni a Torino, dove si è laureato e tuttora vive. Ha lavorato come medico di laboratorio presso l’Ospedale di Rivoli.

Dopo quasi un decennio di poesia in lingua (Sul mare i lembi senza cimose, 1967; La lunga veglia, 1968; Un grido di gioia, 1972; Stormire, 1974), si è rivolto al dialetto garganico del suo paese di origine, un dialetto apulo con tracce arcaiche di parlata abruzzese dovute al fenomeno della transumanza.

Ha pubblicato una quindicina di volumetti, tra cui U iréne (dell’Arco, 1983), La préte de Bbacucche (Boetti, 1992), Énece (Campanotto, 1994), Scúerzele (Cofine, 2002), Bbommine (Jocker, 2006), Passéte (Interlinea, 2008), La chiéve de l’úrte (Ivi, 2011), Varde (Aguaplano, 2016), Spòreve (Aragno, 2019), Premeture (Aguaplano, 2019).

Dall’86 al ’92 si è occupato del coordinamento editoriale della collana «Incontri» diretta da G. Tesio per Boetti & C. Editori, in cui hanno visto la luce volumetti dei maggiori poeti dialettali del secondo Novecento. Ha curato l’antologia Dal Gargano all’Appennino, le voci in dialetto (2012).

Ha collaborato con poesie, recensioni e saggi con le riviste «Diverse lingue», «Lunarionuovo», «Il Belli», «Pagine», «Confini», «Astolfo», «l’immaginazione», «l’incantiere», «Periferie», «incroci», «Proa Italia», «Poesia e dialetti».

Ha anche pubblicato opere a carattere linguistico, tra cui una grammatica storica (1987), ai confini di «una pertinenza che è studio di poesia», e un dizionario (1993) del dialetto del suo paese di origine, un dizionario dei proverbi di Mattinata (2001), uno dei proverbi dell’intero promontorio garganico (2002), una monografia parascolastica di carattere storico-linguistico-letterario della Puglia augustea (2002), il voluminoso e imprescindibile Vocabolario dei dialetti garganici (2012).

Per la poesia Granatiero è presente in antologie come Le parole di legno di Chiesa-Tesio (Mondadori, 1984) e Poesia dal Rinascimento a oggi di Spagnoletti-Vivaldi (Garzanti, 1991) e in studi come Le parole perdute di Brevini (Einaudi, 1990) e Storia della letteratura italiana di Malato (Salerno Editrice, 2000).

I suoi lavori linguistici sono utilizzati in opere come I dialetti italiani. Storia, struttura, uso, a cura di M. Cortelazzo et alii (Torino, UTET, 2002).

2 pensieri riguardo “Nota biografica

  1. Ieri mattina, Vittorio Polito ha fatto pervenire la versione dialettale molese di Antonio Palumbo intitolata “Il vento e il sole”. Nella stessa mattinata ho elaborato una versione personale col metodo di scrittura da me adottato:
    “Na dègghiǝ u vìndǝ e u sàulǝ accumǝnzérǝnǝ arragàrsǝ. U vìndǝ dǝsciàivǝ dǝ iéssǝ u chiù fórtǝ. U sàul, ʼmbêsciǝ, dǝsciàivǝ ca iàivǝ ièddǝ a fórzǝ chiù grànnǝ da térrǝ. Alla fèinǝ, dǝcǝdérǝnǝ dǝ fǻ na pròvǝ. Vǝdérǝnǝ ièunǝ ca sciàivǝ camǝnénnǝ lùnghǝ a nu capǝdêscǝ, e dǝscénǝrǝ ca u chiù fórtǝ dǝ lòrǝ e ddò, avàiva iéssǝ còdǝ ca riusciàivǝ a lǝuàrgǝ i rróbbǝ da ʼnguèddǝ. Adachǝssèitǝ, u vìndǝ sǝ mǝttègghiǝ allʼóprǝ:
    accumǝnzègghiǝ a suffiǻ e suffiǻ, ma u rǝsultǻtǝ fo ca u viandàndǝ s’accumgghiàivǝ sémbǝ dǝ chiè ièndǝ u mandéllǝ. Allòrǝ u vìndǝ suffǝiègghiǝ chiù fórtǝ angòrǝ e l’òmǝ, abbasciànnǝ a cǻpǝ, s’arrǝvǝgghiègghiǝ nu
    sciàllǝ attòrn u cuèddǝ.
    Fò allòrǝ u tòrnǝ du sàulǝ ca, cacciànnǝ i nòvǝlǝ, accumǝnzò a lucéscǝ nu pècchǝ càllǝ. L’òmǝ, ch’avàivǝ arrǝvǻtǝ ʼmbàccǝ a nu póndǝ, accumǝnzègghiǝ chiǻnǝ chiǻnǝ a lǝuàrsǝ u mandéllǝ. U sàulǝ, prǝsciarasènnǝ, aiumǝndègghiǝ u calàurǝ di rǻscǝ sàgguǝ, zìnghǝ a fàllǝ addǝvǝndǻ frǝvèutǝ. L’òmǝ, ròssǝ pu tróppǝ càllǝ, uardègghiǝ l’àcquǝ du fièumǝ, e sénza pǝnzàrgǝ dò vóltǝ, sǝ mǝnègghiǝ. U sàulǝ iàltǝ ièndǝ u cìlǝ, rǝràivǝ rǝràivǝ. E u vìndǝ, ammarǝscèutǝ e vǝngèutǝ, s’ascunnègghiǝ drêtǝ a na vànna lundǻnǝ”.

    N. B.: Per una lettura agevole del dialetto, leggere le consonanti associando alle stesse il simbolo ‘ǝ’: bǝ, cǝ, dǝ, fǝ, gǝ, lǝ, mǝ, nǝ, pǝ, qǝ, rǝ, sǝ, tǝ, vǝ, zǝ. In presenza del simbolo ‘ǻ’ leggerlo e pronunciarlo come nelle parole molesi Bǻrǝ, Bari; mǻrǝ, mare; ecc. Il simbolo ‘ó’ va letto come nelle parole “fóddǝ”, fretta; “códdǝ”, colla; nóttǝ, notte; la vocale con accento acuto ‘é’ come nelle parole iéddǝ, lei; téndǝ, tenda; lénghǝ, lingua; la ‘ê’ con accento circonflesso come nelle parole arcobbalênǝ, arcobaleno; balênǝ, balena; infine la ‘è’ con accento grave tutte le volte che il suono diventa grave.
    Con l’auspicio di avere contribuito in qualche modo alla maggiore comprensione del dialetto molese saluto cordialmente. Vincenzo D’Acquaviva

  2. Caro Vincenzo D’Acquaviva, l’intento di “Poesia e dialetti” non è la trascrizione dialettologica (per questo c’è la dialettologia), che ha tutti i mezzi per farlo (e anche per distinguere il digramma di «desciàive» da quello di «riusciàive», qui per esempio confusi). L’intento è quello di una grafia unitaria, possibilmente senza segni diacritici, letteraria. Grazie comunque. E un cordiale saluto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...