Dialetto di Irsina (MT)

Sono nato e cresciuto a Montepeloso (Irsina). Mi ricordo di quando io e mio fratello eravamo bambini, d’estate si usciva a giocare con gli amici tutta la mattina per poi tornare a casa a mezzogiorno. Il nonno tornava sempre dall’orto con un sacco di patate, cipolle, fagioli e un paio di fragole per noi bambini. Un pomeriggio siamo andati a giocare in un bosco vicino al paese, si stava così bene che non abbiamo neanche sentito le madri che ci chiamavano: era veramente tardi e andammo a letto senza cenare.

Agghie nete e agghie cresciûte a Mondepelûse. M’arrecorde quanne ghîje e fràteme, da crijatûre, ’a staggione anzemme a scjuquò p’i cumbagne, tûtte ’a matîne, e po’ turnamme â chese a menzadîje. U nonne turnaje da fore sembe pe nu sacche de patete, cepodde, fasulîcchie e nne pîcche de fràgule p’i crijatûre. A bespre scemme a scjuquò ó vosche vecîne ó pajîse, e se stève acchessî búne ca po’ nn-î sendemme i màmmere ca ne chiamàvene, po’ s’ere fatte tarde e scemme a dorme senza mangé.

Da Ethnopedia

Sottotitoli in trascrizione DAM

Annunci

Dialetto francoprovenzale di Celle (FG)

Sono nato e cresciuto a Celle di San Vito. Mi ricordo di quando io e mio fratello eravamo bambini, d’estate si usciva a giocare con gli amici tutta la mattina per poi tornare a casa a mezzogiorno. Il nonno tornava sempre dall’orto con un sacco di patate, cipolle, fagioli e un paio di fragole per noi bambini. Un pomeriggio siamo andati a giocare in un bosco vicino al paese, si stava così bene che non abbiamo neanche sentito le madri che ci chiamavano: era veramente tardi e andammo a letto senza cenare.

Me sé nasc-ì e crasc-ì a Cèlle de Sante Vite. Me reccorde decchire gi e mun frare ne savanne senfanne, de premavére se saglive a giuccà do lo amiche tutte lu mattinne pe pojë turnà a ciannù a meceggiure. Mun paràn i turnave tuttuàje dall’òre do un sacche de patate, ceppulle, fasule e di fràule pe nussë senfanne. Un dappoje meceggiure ne sunne allà a giuccà nghiénne un bóue deccante a lu paìje, se stave tri pue bunne che nanne pa manche sentì le mmare che se chiamavante: aéve addavére ttarde e se n’allarunne a checìje sénze manche mengìje.

 

Da Ethnopedia

Sottotitoli in trascrizione DAM

Dialetto di San Marco in Lamis (Fg)

Fracchie a San Marco in Lamis
(da FoggiaToday)

Fracchie a San Marco in Lamis- le foto 5

Lu marite ché ddecéva lu fatte come jenne

Na vòta, nu gione bèllefàtte, ma puvurédde, ce ha pigghiatë anna giona ricca, ma ché ttenéva nu defétte ann’ócchie. Tutt’e dua parévene ché stévene cundende. Quanne stévene cucate, isse uasciava alla mugghière sembe sope l’ócchie addefettate. Jéssa no ngapeva lu pecché. Na vòta ce ha velutë pigghià lu ndriche, pe quéssë jè vvutata mbacce lu marite e ll’ha dittë:
«Pecché me uasce sembe sop’e quist’ócchië?»
«Pecché jè pë quissë ché më t’éje pigghiate.»

Il marito che non sapeva mentire

Una volta, un giovane bello, ma povero, si sposò con una ragazza ricca, ma che aveva un difetto a un occhio. Tutt’e due sembravano essere contenti. Quando erano a letto, lui baciava la moglie sempre sull’occhio difettoso. Lei non capiva il perché. Una volta ha voluto togliersi la curiosità, per cui si è rivolta al marito e gli ha detto:
«Perché mi baci sempre su quest’occhio?»
«Perché è per questo (occhio) che ti ho sposata.»

_____

Il testo dialettale, tratto da Li cunte. Vangelo popolare e Racconti veri e verosimili di Grazia Galante (Bari, Levante, 2012), è trascritto in grafia DAM.

Dialetto di Vico del Gargano (FG)

phoca_thumb_l_vico-del-gargano_6

QUINDICI PROVERBI

Quanne ce sta ’a gràsce måitte ’a chiave nfacce ’a càsce.
Quando c’è l’abbondanza devi mettere la chiave alla cassa.

Gàbbete ne nfa mòneche e chièreche ne nfa prèuete.
Abito non fa monaco e chierica non fa prete. Continua a leggere “Dialetto di Vico del Gargano (FG)”

Parole essenziali

Giovanni Tesio, Parole essenziali. Un sillabario, Novara, Interlinea, 2014

Al precetto di Joubert «mettere un intero libro in una pagina, una pagina in una frase e quella frase in una parola» si ispirò alla fine dei suoi giorni Lalla Romano. A lei si rifanno ora queste Parole essenziali del noto critico letterario Giovanni Tesio, un autore – finalmente scrittore in proprio – la cui opera si è sempre formata all’insegna di «magrezza e brevità». Continua a leggere “Parole essenziali”

Ha ancora senso il dialetto in poesia?

DSCN4759di Francesco Granatiero

Ci si chiede se ha ancora senso il dialetto in poesia, e non la poesia in dialetto, perché la poesia, se è necessaria, ha sempre senso, indipendentemente dal tempo e dalla lingua in cui viene scritta. Dante e Omero sono molto più contemporanei di tanta poesia odierna. Continua a leggere “Ha ancora senso il dialetto in poesia?”