Dialetto di Vasto

GAETANO MUROLO
(Vasto, Ch, 1858-1903)

Trasferitosi ad Ancona, fu impiegato presso le ferrovie. Poeta in lingua e in dialetto vastese, scrisse anche di narrativa e di teatro. Tra cose edite e inedite, ha scritto Ciamarèlle, cinquantatré sonetti (Anelli e Manzitti, Vasto 1898), ora in Sonetti dialettali (1886-98), a cura di T. Spinelli (Cannarsa, Vasto 1979). Di lui si sono occupati O. Giannangeli, G. Oliva, C. De Matteis, V. Moretti, F. Brevini. Continua a leggere “Dialetto di Vasto”

Dialetto di Alberobello

Lu fatte de nu peccinne sciupaune

N’òmene tenéie du figghie. E u cchiù ppeccinne disse all’atténe: «Atténe mije, damme ’a rrobbe ca m’aspette». E jidde spartì tra de lore ’a rrobbe. Doppe nu picche de dije, puóste nẓiéme tutte u sóu, u figghie cchiù ppeccinne se ne sc̣i pe nu pajise lundéne. Addàu, facenne na vite da sciupàune, cunẓemì tutte ’a rrobba sau. Quanne fenìe tutte, jinde a cure pajése ce fu na granne carestje. Jidde accumenẓì a pruuà ’a mesèreje. Continua a leggere “Dialetto di Alberobello”

La questione linguistica dei dialetti di Puglia

di FRANCESCO GRANATIERO

Premessa

Questa sera, stando al programma estivo, dovrei presentare un libro intitolato La questione linguistica dei dialetti di Puglia, senonché non di libro si tratta, bensì di una relazione inedita. Tuttavia c’è un mio libro che non ho mai presentato né a Mattinata né altrove ed è La memoria delle parole / Apulia / Storia, lingua e poesia (Grenzi, 2004), un lavoro da cui mi piace prendere le mosse, un testo parascolastico dove l’insegnamento del dialetto si limitava a promuovere la consapevolezza linguistica, evidenziando la ricchezza culturale della varietà con esempi raccolti sul campo o attraverso lo studio della letteratura in dialetto più accreditata, nell’ambito comunque della didattica dell’italiano, e non – aggiungo ora – in antagonismo alla lingua, come in anacronistiche rivendicazioni, tanto più inopportune nel 150° dell’Italia unita. Continua a leggere “La questione linguistica dei dialetti di Puglia”