Cambuasciane, sande e riàule

 

campobasso_campanile_s-_bartolomeo-e-minardi
Campobasso. Campanile San Bartolomeo. (foto di E. Minardi)

Cambuasciane, sande e riàule

di Stefano Di Maria, tradotto in dialetto campobassano da Rosaria Pietromonaco, dalla cui voce (Cambuasciane, sande e riàulë) viene qui trascritto in grafia DAM (scarica il manuale).

Nu cambuasciane re cinguand’anne, chélle che l’addummanne l’addummanne, t’arrespónne accuscî: «M’arrecorde ca na ’ote, quanne iavame uagliune, ieva tutta cambagne. Allore ne ieve cumm’ e mo. La cetà funije acquà e sctavame sembe a jucà mmiéze a la vije, frabbecavame carrozze che le taccozze re ligname e le cuscenétte re le màchene; sennò sctavame arrangecate ngoppe all’àrbere… e mamme, la bonalme, puurelle, z’arraiave cumm’ e nnu cane.» Continue reading “Cambuasciane, sande e riàule”

Dialetto di Campobasso

GIUSEPPE ALTOBELLO

Minghe a pPeppa, XX

La massarije, z’arrecanóssce, è chélle
ch’appare a la sulagne gghiangheiate,
che té nd’all’uócchie de la rumanelle
na cócchie de pecciune apparegliate. Continue reading “Dialetto di Campobasso”

Dialetto di Campobasso

PROVERBI

Mo pure le puce tenne la tosse. Ora anche le pulci hanno la tosse.

Quande u diàule t’accarézza, vole ànima. Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

U cattive lauratore ogni zappatë è nu delore. Per il cattivo lavoratore ogni zappata è un dolore.

Tutte passe, tutte ze scorde e tutte ze lasse. Tutto passa, tutto si scorda e tutto si lascia. Continue reading “Dialetto di Campobasso”