Cambuasciane, sande e riàule

campobasso_campanile_s-_bartolomeo-e-minardi
Campobasso. Campanile San Bartolomeo. (foto di E. Minardi)

Cambuasciane, sande e riàule di Stefano Di Maria, tradotto in dialetto campobassano da Rosaria Pietromonaco, dalla cui voce (Cambuasciane, sande e riàule) viene qui trascritto in grafia DAM.

Nu cambuasciane re cinguand’anne, chélle che l’addummanne l’addummanne, t’arrespónne accuscjì: «M’arrecorde ca na ote, quanne javame uagliune, jéva tutta cambagne. Allore ne jéve cumm’e mo. La cetà funije acquà e sttavame sembe a jucà mmiézhe a la vie, frabbecavame carrozze che le taccozze re ligname e le cuscenétte re le màchene; sennò sttavame arrangecate ngoppe all’àrbere… e mamme, la bbonalme, puurelle, zh’arrajave cumm’e nu cane.» Continua a leggere “Cambuasciane, sande e riàule”

Dialetto di Campobasso

PROVERBI

Mo pure le puce tenne la tosse. Ora anche le pulci hanno la tosse.

Quande u diàule t’accarézza, vole ’ànima. Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

U cattive lauratore ogni zzappate è nu delore. Per il cattivo lavoratore ogni zappata è un dolore.

Tutte passe, tutte zhe scorde e tutte zhe lasse. Tutto passa, tutto si scorda e tutto si lascia. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”