Claudio Damiani

fico-fortezza-light-688x1024

Una poesia di Claudio Damiani (poeta nato a San Giovanni Rotondo) tradotta nel dialetto garganico di Mattinata

Nuie avime abbesúgne de mangiàrece
i cúrpe de l’àlete, cúrpe che ièvene vive
nuie l’accetime e cë li mangeme,
l’àreuele mmèce nn-accìtene a nesciunë
lore càmbene sckitte d’àreie e dë luce,
d’acque e dë sale minêràle
che pìgghiene da la terre.
Ne nvojje dice p’lu sendemende
ca lore fanne bbúne e nuië mmalamende,
ne-n pot’esse ca tutte lu regne annemele
sté nd’lu ttúrte (e allòure ce putarrije capisce
ca propie pe quéssë la morte
ne nn-èi na còsa mmalamende).
Pêrò li cchiande che càmbene d’àreie
d’acque e dë sòule
ne-n te fanne maravigghie?

Noi abbiamo bisogno di mangiare
i corpi degli altri, corpi che erano vivi
noi li uccidiamo e li mangiamo,
l’albero invece non uccide nessuno
lui si nutre solo di aria e di luce,
d’acqua e di sali minerali
che prende dalla terra.
Non voglio dire romanticamente
che lui è nel giusto e noi nel torto,
infatti non può tutto il mondo animale
essere nel torto (e da qui se ne potrebbe dedurre
che proprio per questo la morte
non è qualcosa di negativo).
Però le piante che si nutrono d’aria
d’acqua e di sole
non sono meravigliose?

(Da Claudio Damiani, Il fico sulla fortezza, Fazi Editore, 2012, pag. 73)

Per la grafia del dialetto vedi il manuale Scrivere la lingua madre