Dialetto di Taranto

Taranto, Castello Aragonese (foto di Livioandronico2013)
Taranto, Castello Aragonese (foto di Livioandronico2013)

CLAUDIO DE CUIA

Nu suènne (*)

M-a sonne sembe sta vecchia cambane
ca sunanne lundane ’a Vémmarije
’a salutave ’a sére d’ogni ddije
ndrâ scıelature de na tramundane. Continua a leggere “Dialetto di Taranto”

La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i Dialetti Alto Meridionali (DAM), i quali formano la cosiddetta «lingua napoletana» (Unesco), che per numero di parlanti rappresenta la seconda lingua d’Italia. In essa rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la cui scrittura bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)”