Dialetto di Pescara

GABRIELE D’ANNUNZIO
(Pescara 1863 – Gardone Riviera 1938)

Gabriele_D'Anunnzio

Il Vate scrisse anche in dialetto abruzzese e, occasionalmente, in milanese, in romanesco e in napoletano.

A Galdine Sabbatine

L’acque de la Pesccare è pprufumate
da quanne mamma mé ce s’à specchiate;
e pe quésse la mitte a scta bbuttije
fatta come lu core de lu fije. Continua a leggere “Dialetto di Pescara”

Annunci

Cesare De Titta

CdeTitta

Sacerdote, nacque a Sant’Eusanio del Sangro (Ch) nel 1862 e vi morì nel 1933. Studioso di letteratura classica e di filosofia, fu poeta in lingua, in latino e in dialetto abruzzese. Autore di una Grammatica della lingua viva (Carabba) e di una Grammatica della lingua latina, in dialetto pubblicò: Canzoni abruzzesi (1919), Nuove canzoni abruzzesi (1923), Gente d’Abruzzo (1923), Terra d’oro (1925), Acqua, foco e vento (1929). Tradusse in abruzzese la Figlia di Iorio e Le elegie romane di Gabriele D’Annunzio, del quale fu amico. Continua a leggere “Cesare De Titta”

Dialetto di Vasto

GAETANO MUROLO
(Vasto, Ch, 1858-1903)

Trasferitosi ad Ancona, fu impiegato presso le ferrovie. Poeta in lingua e in dialetto vastese, scrisse anche di narrativa e di teatro. Tra cose edite e inedite, ha scritto Ciamarèlle, cinquantatré sonetti (Anelli e Manzitti, Vasto 1898), ora in Sonetti dialettali (1886-98), a cura di T. Spinelli (Cannarsa, Vasto 1979). Di lui si sono occupati O. Giannangeli, G. Oliva, C. De Matteis, V. Moretti, F. Brevini. Continua a leggere “Dialetto di Vasto”

Cambuasciane, sande e riàule

campobasso_campanile_s-_bartolomeo-e-minardi
Campobasso. Campanile San Bartolomeo. (foto di E. Minardi)

Cambuasciane, sande e riàule di Stefano Di Maria, tradotto in dialetto campobassano da Rosaria Pietromonaco, dalla cui voce (Cambuasciane, sande e riàule) viene qui trascritto in grafia DAM.

Nu cambuasciane re cinguand’anne, chélle che l’addummanne l’addummanne, t’arrespónne accuscì: «M’arrecorde ca na ote, quanne javame uagliune, jeva tutta cambagne. Allore ne jeve cumm’ e mo. La cetà funije acquà e sctavame sembe a jucà mmieze a la vie, frabbecavame carrozze che le taccozze re ligname e le cusçenétte re le màchene; sennò sctavame arrangecate ngoppe all’àrbere… e mamme, la bbonalme, puurelle, z’arrajave cumm’e nnu cane.» Continua a leggere “Cambuasciane, sande e riàule”

Dialetto di Campobasso

GIUSEPPE ALTOBELLO

Minghe A Peppa, XX

La massarìe, z’arrecanósçe, è chélle
ch’appare a la sulagne gghianghejate,
che té nd’all’uócchie de la rumanelle
na cócchie de pecciune apparegliate. Continua a leggere “Dialetto di Campobasso”

Dialetto di Fossalto (Cb)

EUGENIO CIRESE

Camina

Da ngoppa all’úorte
sembrava na furmica
pe ru tratture.
Annanze e arrête
matina e sera:
a sçégne la matina,
a renghianà la sera
sudate e sctanghe,
la zappa ngúolle
e pêde nnanze pêde, tranghe tranghe. Continua a leggere “Dialetto di Fossalto (Cb)”

Dialetto di Castelmauro (Cb)

GIUSEPPE JOVINE

Chicchirichì

Addò sendive llu chicchirichì
na matina d’éstàte?
Ché bbella matina d’éstàte!
Tutte le munne candava
chìcchiri chìcchiri chì!…
E hiurìvene jenestre e gerasule
e vele gghianghe de paranze
come a scenne de palómme. Continua a leggere “Dialetto di Castelmauro (Cb)”