Dialetto di Lesina (Fg)

lesina2-1-720x540

Proverbi

La bellezze è comë e nnu fiore, prime nasce e ppò more
(La bellezza è come un fiore, prima nasce e poi muore)

Brutte e preffediusë
Brutto e permaloso)

La facce mignulline e lu cule matracine
(La faccia magrolina e il culo grosso)

U bone ne credë a lu malate e u sazie ne credë a lu ddiune
(Il sano non crede all’ammalato e il sazio non crede al digiuno)

La ciocche ca nne parlë è chiamatë checocce
(La testa che non parla si chiama zucca)

L’acqua corre e u sanghe quagghie
(L’acqua corre e il sangue coagula)

La šcacche de foche dure poche,
la šcacche de lu vine dure nu tandine,
la šcacche de nature fise a la morte dure
(Il rossore del fuoco dura poco,
il rossore del vino dura un tantino,
il rossore di natura fino alla morte dura)

Occhie nne vedë e recchië nne sendë
(Occhio non vede e orecchia non sente)

Lu musse è longhë e stritte, ce ficche la case che tuttë lu titte
(La bocca è lunga e stretta, ci entra la casa con tutto il tetto)

A ttrippa vacande nën ge sone e nën ge cande
(A pancia vuota non si suona e non si canta)

Mana càvede sta malate, mana fredde sta nnammurate
(Mano calda sei malato, mano fredda sei innamorato)

U pede a la cùnnele e l’arte a la mane
(Il piede alla culla e il lavoro in mano)

Ne sta morte senza rise e nne sta zite senza chiande
(Non c’è morto senza riso e non c’è sposa senza pianto)

Adove spute u pòpele fa la fundane
(Dove sputa il popolo fa la fontana)

Criature e pullë n-zonne maie satulle
(Bambini e polli non sono mai satolli)

La mmerde cchiù ce mmescetieje e cchiù puzze
(La merda più si rimesta e più puzza)

________

Proverbi traslitterati dall’alfabeto IPA di Maria Carosella, Repertoriazione del patrimonio paremiologico dialettale di Lesina (Fg), Collaborazione con il Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari, Cattedra di Dialettologia Italiana, Università “La Sapienza” di Roma, Centro Stampa “Nuova Cultura”, Roma 2005.

Annunci

Vocabolario dei dialetti garganici

Francesco Granatiero, Vocabolario dei Dialetti Garganici, Foggia, Grenzi, 2012, pp. 1024, € 59

DSCN6645

DSCN6647

«Il nostro tempo, con l’orizzontale appiattimento linguistico e culturale, l’eccessiva esaltazione del presente e il rivoluzionario progresso della scienza e della tecnica, potrebbe essere la più seria minaccia per i dialetti. Con la scomparsa degli oggetti tradizionali, legati a usi e mestieri millenari (e ora, nel migliore dei casi, relegati in qualche museo etnografico), certamente si perderanno anche le parole che li designavano. Continua a leggere “Vocabolario dei dialetti garganici”