Dialetto di Pescara (PE)

Sono nato e cresciuto a Pescara. Mi ricordo di quando io e mio fratello eravamo bambini, d’estate si usciva a giocare con gli amici tutta la mattina per poi tornare a casa a mezzogiorno. Il nonno tornava sempre dall’orto con un sacco di patate, cipolle, fagioli e un paio di fragole per noi bambini. Un pomeriggio siamo andati a giocare in un bosco vicino al paese, si stava così bene che non abbiamo neanche sentito le madri che ci chiamavano: era veramente tardi e andammo a letto senza cenare.

Ji sò nate e cresciùte a Pescare, in Abbruzze. M’arcorde de quande ji e fràteme éravàme ddu’ cìtele, l’éštàte ’sciavàme ’ jucà nghe li cumbagna noštre tutte le matine e dapù ariavame a la case a mèdzzejúrne. Lu nonne arvenèje sembre dall’orte nghi nu sacche de patane, cepolle, fasciule e nnu pare de fràgule pe nnu’ bardìsce. Nu mbomérìgge jassame jucà a nu bosche vecine allu paèse, štavame ’ccusc-ì bone ché manghë avéme sendite li matra noštre ché cë štéjene a chiamà. S’avèje fatte tarde na fréche e avéme jite a lu llêtte senza magnà.

Da Ethnopedia

Sottotitoli in trascrizione DAM

Annunci

Dialetto di Pescara

GABRIELE D’ANNUNZIO
(Pescara 1863 – Gardone Riviera 1938)

Gabriele_D'Anunnzio

Il Vate scrisse anche in dialetto abruzzese e, occasionalmente, in milanese, in romanesco e in napoletano.
Le due poesie che seguono sono state trascritte in grafia DAM (scarica il manuale) secondo la pronuncia di Marzio Maria Cimini.

A Galdine Sabbatine

L’acque de la Pesccare è prufumatë
da quanne mamma me’ ce s’ha specchiate;
e pe quésse la mitte a scta buttije
fatta come lu core de lu fije. Continua a leggere “Dialetto di Pescara”