Dialetto di San Marco in Lamis (FG)

54

JOSEPH TUSIANI

Li fracchie*

Scendelleja, verneceja,
la Madonna mo passeja.
Tutta luce, tutt’anélle,
la Madonna tande bellë.

La Madonna Addulurata
chiagne làcreme de luce.
Passa passa p’ógne strata
quéssa fracchia a cérrë e nocë.

No nge védene cchiù stélle,
mo li stélle stanne nderra;
passe amméze li fratelle
la Madonna, mand’adzurre.

A funestrë e ballechéttë
sta la gendë ngunecchiata:
tutta luce e ttutt’afflitta,
la Madonna Addulurata.

Canda canda, canzungina,
foche foche, vòla vòla!
Sope n’ónna ce avvucina
la Madonna sola sola.

Chi l’ha ffatta quédda fracchia,
la cchiù rròssa e lla cchiù ttónna?
Quallu vosche e cqualla macchia
ce ha mbrestate tanda frónna?

L’ime fatta tutte quande,
ógni ffrónna nu delore,
ógni ffrasca jè nnu chiande,
ógni vvamba jè nnu còre.

Passa passa, Addulurata,
benedicë a stu pajese!
Tutta luce e scunzulata,
la Madonna sammarchesa.

Le fracchie. Scintilla, sfavilla, / ora passa la Madonna. / Tutta luce, tutt’anelli, / la Madonna così bella. // La Madonna Addolorata / piange lacrime di luce. / Passa passa in ogni strada / questa fracchia di quercia e noce. // Non si vedono più stelle, / ora le stelle sono per terra; / passa in mezzo ai Confratelli / la Madonna, mantoazzurra. // A finestre ed a balconi / sta la gente inginocchiata: / tutta luce e tutt’afflitta, / la Madonna Addolorata. // Canta canta, canzoncina, / fuoco fuoco, vola vola! / Sopra un’onda si avvicina / la Madonna tutta sola. // Chi l’ha fatta quella fracchia, / la più grande e la più tonda? / Quale bosco e quale macchia / ci ha prestato tanta fronda? // L’abbiam colta tutti quanti, / ogni fronda un dolore, / ogni ramo è un pianto, / ogni fiamma è un cuore. // Passa passa, Addolorata, / benedici questo paese! / Tutta luce e sconsolata, / la Madonna sammarchese.

* Fracchie, grosse fiaccole di tronchi d’albero segati longitudinalmente, divaricati e inzeppati di legna fino ad assumere forma conica; vengono montate su ruote, incendiate e trascinate in corteo nella processione dell’Addolorata il Venerdì Santo.

_______

Trascrizione con adattamenti (cfr. il manuale Scrivere la lingua madre). Voce: ragazze e ragazzi. Fonte: youtube. Testo e traduzione da: Joseph Tusiani, Storie dal Gargano, Poesie e narrazioni in versi dialettali (1955-2005), a cura di Antonio Motta, Anna Siani e Cosma Siani, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 2006, pp. 54-57.

Dialetto di San Marco in Lamis

Francesco Granatiero su
“La vadda de Stignane” e altri canti popolari di San Marco in Lamis
di Grazia Galante

galante3

“La vadda de Stignane” e altri canti popolari di San Marco in Lamis è il primo di due volumi (il secondo è in corso di stampa) di un’opera davvero imponente, sebbene debba considerarsi come il prodotto estremo di una operazione necessariamente «ritardataria».

Così giudica la propria raccolta di canti popolari degli anni Settanta lo scrittore – fine presentatore della Galante – Raffaele Nigro: «Ritardataria perché la televisione, la radio, la scolarizzazione di massa, la fuga dal mondo contadino e l’assassinio del dialetto ormai da due tre decenni avevano costretto non solo il mio mondo all’emigrazione verso il paese della borghesia, verso il regno dell’italiese giornalistico e verso il complesso di sudditanza a tutto ciò che veniva dai grandi modelli linguistici dominanti.» Continua a leggere “Dialetto di San Marco in Lamis”

Vocabolario dei dialetti garganici

Francesco Granatiero, Vocabolario dei Dialetti Garganici, Foggia, Grenzi, 2012, pp. 1024, € 59

DSCN6645

DSCN6647

«Il nostro tempo, con l’orizzontale appiattimento linguistico e culturale, l’eccessiva esaltazione del presente e il rivoluzionario progresso della scienza e della tecnica, potrebbe essere la più seria minaccia per i dialetti. Con la scomparsa degli oggetti tradizionali, legati a usi e mestieri millenari (e ora, nel migliore dei casi, relegati in qualche museo etnografico), certamente si perderanno anche le parole che li designavano. Continua a leggere “Vocabolario dei dialetti garganici”