Dialetto di San Marco in Lamis (FG)

Luigi Ianzano

Trasposizione in lingua napoletana Unesco, dialetto garganico di San Marco in Lamis, della favola di Esopo Il vento e il sole

Lu uénde e llu sole

Nu jurne, lu uénde e llu sole abbìjene a letecà: lu uénde ce crede cchiù fortë e allu sole li fa ciche ciche: jè gghjisse, allu munne, lu cchiù fermë.

Ah mbè, ce danne la ndesa. Pustéjene nu rumèje allu tratture e strégnene li dénde: chi jè bone a scuffelà a quidd’òme li panne da ngódde, còse ce sònne, ségne jè cché quiddë secure è cchiù dë férrë.

Prime prime ce métte all’opra lu uénde: ce vòta a vvória e ce métte a hiuhhià, ma cchiù hhióhhia e cchiù ddu pòvere criste ce agguatta, cchiù mmena e cchiù cquiddu ce abburrita!

Lu sole – mó attocca a gghjisse – allaria manze manze lu témbe e ngalla fine fine lu munne. E ddu rumèje, che treméndë arrevava allu pónde, ce accumènza a spundà. Ha’ viste nu sole šcattuse, cu vambë šcattose, chè llu fa šcattà! Come va l’ócchie all’acqua lu hiume, ce spógghia lèste lèste e cicche e ciacche, ce mena inde sane sane.

Lu sole la vénge e ce la rire. Lu uénde, mazzijate, ce la scosce.

Annunci

Dialetto di San Marco in Lamis (Fg)

Fracchie a San Marco in Lamis
(da FoggiaToday)

Fracchie a San Marco in Lamis- le foto 5

Lu marite ché ddecéva lu fatte come jenne

Na vòta, nu gione bèllefàtte, ma puvurédde, ce ha pigghiatë anna giona ricca, ma ché ttenéva nu defétte ann’ócchie. Tutt’e dua parévene ché stévene cundende. Quanne stévene cucate, isse uasciava alla mugghière sembe sope l’ócchie addefettate. Jéssa no ngapeva lu pecché. Na vòta ce ha velutë pigghià lu ndriche, pe quéssë jè vvutata mbacce lu marite e ll’ha dittë:
«Pecché me uasce sembe sop’e quist’ócchië?»
«Pecché jè pë quissë ché më t’éje pigghiate.»

Il marito che non sapeva mentire

Una volta, un giovane bello, ma povero, si sposò con una ragazza ricca, ma che aveva un difetto a un occhio. Tutt’e due sembravano essere contenti. Quando erano a letto, lui baciava la moglie sempre sull’occhio difettoso. Lei non capiva il perché. Una volta ha voluto togliersi la curiosità, per cui si è rivolta al marito e gli ha detto:
«Perché mi baci sempre su quest’occhio?»
«Perché è per questo (occhio) che ti ho sposata.»

_____

Il testo dialettale, tratto da Li cunte. Vangelo popolare e Racconti veri e verosimili di Grazia Galante (Bari, Levante, 2012), è trascritto in grafia DAM.

Dialetto di San Marco in Lamis

Francesco Granatiero su
“La vadda de Stignane” e altri canti popolari di San Marco in Lamis
di Grazia Galante

galante3

“La vadda de Stignane” e altri canti popolari di San Marco in Lamis è il primo di due volumi (il secondo è in corso di stampa) di un’opera davvero imponente, sebbene debba considerarsi come il prodotto estremo di una operazione necessariamente «ritardataria».

Così giudica la propria raccolta di canti popolari degli anni Settanta lo scrittore – fine presentatore della Galante – Raffaele Nigro: «Ritardataria perché la televisione, la radio, la scolarizzazione di massa, la fuga dal mondo contadino e l’assassinio del dialetto ormai da due tre decenni avevano costretto non solo il mio mondo all’emigrazione verso il paese della borghesia, verso il regno dell’italiese giornalistico e verso il complesso di sudditanza a tutto ciò che veniva dai grandi modelli linguistici dominanti.» Continua a leggere “Dialetto di San Marco in Lamis”

Vocabolario dei dialetti garganici

Francesco Granatiero, Vocabolario dei Dialetti Garganici, Foggia, Grenzi, 2012, pp. 1024, € 59

DSCN6645

DSCN6647

«Il nostro tempo, con l’orizzontale appiattimento linguistico e culturale, l’eccessiva esaltazione del presente e il rivoluzionario progresso della scienza e della tecnica, potrebbe essere la più seria minaccia per i dialetti. Con la scomparsa degli oggetti tradizionali, legati a usi e mestieri millenari (e ora, nel migliore dei casi, relegati in qualche museo etnografico), certamente si perderanno anche le parole che li designavano. Continua a leggere “Vocabolario dei dialetti garganici”