Omaggio a Dante

Portrait_de_Dante

A Dante per il 2021

settecentenario della morte

Un omaggio nel volgare

dei barbarizzanti

Omaggio a Dante

Annunci

Richard Berengarten

Richard 4, Skye, 2003

Richard Berengarten

Strùsce

… mo che la pòleve chéde…
                              
Rrè sòule, šcacche a u uise, stambe riéle dlu júrne,
m’attúcche, e lla pedde devende na pedducce d’úcchie,
la spine nu níreve d’úcchie, e u cúrpe mije trèmele
mídzze ngecalute da la pisca d’òure che tu spicce
sòup’a ssu mere e a ssa cità, e ije sò cechetë.
Cqua na vòlete stèvene felere – e angore sacce ca stanne –
de chese e strete, ch’appartenèvene a nn’àleta cità,
nò quéssë c’ha’ ndutte strafurmete. Continua a leggere “Richard Berengarten”

Dialetto di Trebisacce

FRANCESCO GRANATIERO
A bènedezziòne

Alla nonna di mia figlia sposa

Da Torine, Mamma Jì,
pe ll’ùrteme viagge ha’ vuste
purtate a Trèbbesàcce.

’A paròle che decìvese
pe ffessià qquille d’u pajise
jèrede ci agguàcchiese? Continua a leggere “Dialetto di Trebisacce”

La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)

di Francesco Granatiero

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al dialetto napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i dialetti del cosiddetto «volgare pugliese», comprendente il napoletano e i dialetti italici o ausònii, che insieme e più modernamente costituiscono i dialetti alto meridionali (DAM) o meglio, secondo la definizione dell’UNESCO, la «lingua napoletana» (classificata come seconda lingua d’Italia), in cui rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la scrittura dei quali bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)”

Omaggio a Leopardi

LU SÀBBETE PAJESENE

La cacchiungedde vene da ngambagne,
a llu calé dlu sòule,
pe nna vrazzeta d’erve; e porte mmene
nu mazzette de rose e de vejole,
aggiocca quann’è creje
pla feste ce azzemeisce,
accume vole, u pítte e ’a capeddine.
Assettéte a u candòune pli vvecine
file la vecchiaredde,
pe ll’úcchie a u quarte che lu júrne more;
e accónde de lu tímbe quanne jésse
a i ffíste ce arremèive,
e angore sene e belle,
abballèive la sèire pli cumbagne.
Già ce fé scurde l’arie, e torne adzzurre
lu sseréne, e già tòrnene i mmureisce
abbàsce da li ccoppe e da li titte,
alla lustre che fé la luna chièine.
Mo sone la cambene
ca già vene la feste;
e a cuddu súne u core
pere ca sté cundende.
I uagnune vurlenne
nde la chiazzette a mórre,
e cqua e ddà zumbenne,
fanne belle ammujine;
e ndande torne a lla buffetta sou,
frescchenne, lu cafòune, e nghepe a isse
penze ca mo ch’è creje ce refine.

Po’ quanne atturne ce stute gni llustre,
e gningòuse sté citte,
sínde vatte u martídde, sínde u mastre
pla seche, respegghiete
ndla puteja serrete, a u lume ad úgghie,
che ce adopre e ce mbégne
ca la fatije all’àleve cunzégne.

Cusse de la summene è u megghie júrne,
chjine de spranza iranne e de prescjézze:
quann’è cré scundandézze
e abbuttamínde, gnune dla fatije
già sende lu talúrne.

Vagnòune prescjanídde
ssa uagnunanza tou
è nu júrne de príscje, chjine chjine,
júrne chiere, turchine,
ch’andìcepe la fest-la vita tou.
Vúde, vagnòune mije; tímbe jalande,
stascioune allérie è quésse.
Àlete n-de vòi dice; nn-avé fódde,
la festa tou, sepure arrive tarde,
pe ttè ne n-vole jesse mé pesande.

Francesco Granatiero

Vocabolario dei dialetti garganici

Francesco Granatiero, Vocabolario dei Dialetti Garganici, Foggia, Grenzi, 2012, pp. 1024, € 59

DSCN6645

DSCN6647

«Il nostro tempo, con l’orizzontale appiattimento linguistico e culturale, l’eccessiva esaltazione del presente e il rivoluzionario progresso della scienza e della tecnica, potrebbe essere la più seria minaccia per i dialetti. Con la scomparsa degli oggetti tradizionali, legati a usi e mestieri millenari (e ora, nel migliore dei casi, relegati in qualche museo etnografico), certamente si perderanno anche le parole che li designavano. Continua a leggere “Vocabolario dei dialetti garganici”

Dialetto di San Severo (FG).”La finitoria” di Carlo Jondi

di FRANCESCO GRANATIERO

san_severo_teatro_cartolina
San Severo – Teatro Verdi

La poesia dialettale della Capitanata, se si esclude qualche autore di cui è dato sapere, è quasi tutta posteriore al XIX secolo. Prima infatti non si hanno che sporadici e frammentari riscontri, come il nome del foggiano Filippo Bellizzi, antologizzato dal Sorrenti, (1) o quelli di Pietro e Alessandro Nobiletti di Ischitella, la cui poesia ha, peraltro, carattere eminentemente popolare. (2)

Continua a leggere “Dialetto di San Severo (FG).”La finitoria” di Carlo Jondi”