L’antisonetto di Robert Gernhardt

da Poetry Foundation
Robert Gernhardt (Fotografia tratta da Poetry Foundation)

ROBERT GERNHARDT

Materiale per una critica
su una delle forme di poesia più famose
di origine italiana

Trovo il sonetto una roba merdosa,
stretta, rigida, non buona di certo;
e davvero mi crea grande sconcerto
sapere che c’è ancora oggi chi osa Continua a leggere “L’antisonetto di Robert Gernhardt”

Annunci

Dialetto di Trebisacce (Cs)

FRANCESCO GRANATIERO
A bbènedezziòne

Alla nonna di mia figlia sposa

Da Torine, Mamma Ji’,
pe ll’ùrteme viagge à’ vuste
purtate a Trèbbesàcce.

’A paròle che decìvese
pe ffessià ’ qquille d’u paìse
jèrede ce agguàcchiese? Continua a leggere “Dialetto di Trebisacce (Cs)”

La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i Dialetti Alto Meridionali (DAM), i quali formano la cosiddetta «lingua napoletana» (UNESCO), che per numero di parlanti rappresenta la seconda lingua d’Italia. In essa rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la cui scrittura bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto-Meridionali (DAM)”

Omaggio a Leopardi

LU SÀBBETE PAJESENE

La cacchiungedde vene da ngambagne,
allu calé dlu sòule,
pe nna vrazzeta d’erve; e porte mmene
nu mazzette de rose e de vejole,
aggiocca quann’è créje
pla feste ce arremèisce,
accume vole, u pítte e ’a capeddine.
Assettete a u candòune pli vvecine
file la vecchiaredde,
pe ll’úcchie a u quarte che lu júrne more;
e accónde de lu tímbe quanne jésse
a i ffíste ce azzemèive,
e angore sbrengaredde
abballèive la sèire pli cumbagne.
Ggià l’arie ce ammurnisce,
torne addsurre u sserene, e lli mmurèisce
asçénnene da i ccoppe e i titte abbasce,
a u bbianghescé dla lune appene assute.
La cambene dé segne
de la feste che vene;
e a cuddu súne u core
pere ca sté cundende.
I uagnune vurlenne
nde la chiazzette a mórre,
e cqua e ddà zumbenne,
fanne bbelle ammujine;
e ndande torne alla bbuffetta sòu,
fresckenne, lu cafòune, e nghepe a-j isse
penze ca mo ch’è créje ce refine.

Po’ quanne atturne gni llustre ce stute,
e gningòuse sté mute,
sínde u martídde vatte, sínde u mastre
che végghie pe la seche a u lume ad úgghie
ndla puteja serrete,
e ce adopre e ce mbégne
ca la fatije all’àleve cunzégne.

Cusse de la summene è u megghie júrne,
chjine de spranza iranne e de prescézze:
quann’è cré scundandézze
e abbuttamínde, gnune dla fatije
ggià sende lu talúrne.

Vagnòune prescianídde,
ssa uagnunanza tòu
è nu júrne de prísce, chjine chjine,
júrne chiere, turchine,
c’alla feste la vita tòu vé nnande.
Vúde, vagnòune mie; tímbe jalande,
stasciòne allérie è quésse.
Àlete n-de vòie dice; nn-avé fódde,
la festa tòu, sepure arrive tarde,
pe ttè nen vole jesse mé pesande.

Francesco Granatiero

Vocabolario dei dialetti garganici

Francesco Granatiero, Vocabolario dei Dialetti Garganici, Foggia, Grenzi, 2012, pp. 1024, € 59

DSCN6645

DSCN6647

«Il nostro tempo, con l’orizzontale appiattimento linguistico e culturale, l’eccessiva esaltazione del presente e il rivoluzionario progresso della scienza e della tecnica, potrebbe essere la più seria minaccia per i dialetti. Con la scomparsa degli oggetti tradizionali, legati a usi e mestieri millenari (e ora, nel migliore dei casi, relegati in qualche museo etnografico), certamente si perderanno anche le parole che li designavano. Continua a leggere “Vocabolario dei dialetti garganici”