Alessandra Cutrì intervista Francesco Granatiero

Da Insula Europea   Continua a leggere “Alessandra Cutrì intervista Francesco Granatiero”

Annunci

Omaggio a Dante

Portrait_de_Dante

A Dante Alighieri

Un omaggio nel volgare

dei barbarizzanti

Omaggio a Dante

Richard Berengarten

Richard 4, Skye, 2003

Richard Berengarten

Struscie

… mo che la pòleve chéde…
                              
Rrè sòule, šcacche a u uise, stambe riéle d’lu júrne,
m’attúcche, e·lla pedde devende na pedducce d’úcchie,
la spine nu níreve d’úcchie, e u cúrpe mije trèmele
mídzze ngecalute da la pisca d’òure che tu spicce
sòup’a ssu mére e a ssa cità, e ije sò cechétë.
Cqua na vòlete stèvene felére – e angore sacce ca stanne –
de chése e stréte, ch’appartenèvene a·nn’àleta cità,
nò quéssë c’ha’ ndutte strafurméte. Continua a leggere “Richard Berengarten”

Dialetto di Trebisacce

FRANCESCO GRANATIERO
A bènedezziòne

Alla nonna di mia figlia sposa

Da Torine, Mamma Ji’,
pe·ll’ùrteme viagge ha’ vuste
purtate a Trèbbesàccë.

A paròle che decìvese
pe·ffessià ’·qquille d’u pajise
jèrede ci agguàcchiese? Continua a leggere “Dialetto di Trebisacce”

La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)

di Francesco Granatiero

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere al napoletano – lingua per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i Dialetti Alto Meridionali (DAM) o «lingua napoletana» (UNESCO) che dir si voglia (classificata come seconda lingua d’Italia), in cui rientrano Abruzzo, Molise, Puglia (senza tacco), Lucania, Calabria (senza punta) e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la scrittura dei quali bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)”

Omaggio a Leopardi

LU SÀBBETE PAJESÉNE

La cacchiungedde véne da ngambagne,
allu calé d’lu sòule,
pe·nna vrazzeta d’erve; e portë mméne
nu mazzette de rose e dë vejole,
aggiocca quann’è créie
p’la feste ce azzemèisce,
accume vole, u pítte e a capeddine.
Assettéte a u candòune p’li·vvecine
file la vecchiaredde,
pe·ll’úcchie a u quarte che lu júrne more;
e accónde de lu tímbe quanne jésse
a i·ffíste ce arremèive,
e angore sene e belle,
abballèive la sèire p’li cumbagne.
Già ce fé scurde l’arie, e tornë adzzurre
lu·sseréne, e già tòrnene i·mmurèisce
abbascie da li·ccoppe e·dda li titte,
alla lustre che fé la luna chièine.
Mo sone la cambéne
ca già véne la feste;
e a·ccuddu súne u core
pére ca sté cundende.
I uagnune vurlenne
nde la chiazzette a mórrë,
e cqua e ddà zumbenne,
fanne belle ammujine;
e ndande torne alla buffetta sòu,
frešchenne, lu cafòune, e nghépe a isse
penze ca mo ch’è créie ce refine.

Po quanne atturne ce stute gni lustrë,
e gningòuse sté citte,
sínde vatte u martídde, sínde u mastre
p’la séche, respegghiéte
nd’la putéja serréte, a u lume ad úgghie,
che ce adopre e cë mbégne
ca la fatije all’àleve cunzégne.

Cusse de la summéne è u megghie júrne,
chjine de spranza iranne e dë prescézze:
quann’è cré scundandézze
e abbuttamínde, gnune d’la fatije
già sende lu talúrne.

Vagnòune prescjanídde,
ssa uagnunanza tòu
è nu júrne de prísce, chjine chjine,
júrne chiére, turchine,
ch’andìcepe la fest’ la vita tòu.
Vúde, vagnòune mije; tímbe jalande,
stascjòune allérie è quésse.
Àlete ne nde diche; nn·avé fódde,
la festa tòu, sepure arrive tarde,
pe·ttè ne nvole jesse mé pesande.

Francesco Granatiero

Vocabolario dei dialetti garganici

Francesco Granatiero, Vocabolario dei Dialetti Garganici, Foggia, Grenzi, 2012, pp. 1024, € 59

DSCN6645

DSCN6647

«Il nostro tempo, con l’orizzontale appiattimento linguistico e culturale, l’eccessiva esaltazione del presente e il rivoluzionario progresso della scienza e della tecnica, potrebbe essere la più seria minaccia per i dialetti. Con la scomparsa degli oggetti tradizionali, legati a usi e mestieri millenari (e ora, nel migliore dei casi, relegati in qualche museo etnografico), certamente si perderanno anche le parole che li designavano. Continua a leggere “Vocabolario dei dialetti garganici”