Francesco Paolo Borazio

Dialetto di San Marco in Lamis

 

2694_image_5_holFRANCESCO PAOLO BORAZIO (San Marco in Lamis 1918-1953), spaccapietre e imbianchino, studiò da autodidatta. Morì prematuramente per una malattia contratta in guerra. Ha scritto una raccolta di poesie e un poemetto eroicomico, pubblicati postumi: La preta favedda [“L’eco”]. Poesie in vernacolo garganico, a cura di Sergio D’Amaro, Antonio Motta e Cosma Siani, pref. Tullio De Mauro, Manduria, Edizioni Quaderni del Sud/Lacaita, 1982; Lu trajone [“Il dragone”]. Poemetto eroicomico in vernacolo garganico, a cura di Michele Coco, Antonio Motta e Cosma Siani, intr. Francesco Sabatini, San Marco in Lamis, Quaderni del Sud, 1977.

Continua a leggere “Francesco Paolo Borazio”

Dialetto di San Marco in Lamis

FRANCESCO PAOLO BORAZIO
Amore sedeticce

St’amore mia no méttë cchiù ccalima
e va’ a capisce ngórpe ché arracama,
st’amore mia ce sécca a lla curima
e no respónnë manghe a chi lu chiama. Continua a leggere “Dialetto di San Marco in Lamis”