Giacomo Strizzi

embossed_line_frameGIACOMO STRIZZI, nato ad Alberona (Fg) nel 1888, morì a Torino nel 1961. Si arruolò come volontario nella Guardia di Finanza. Poi si diplomò e insegnò come maestro elementare.

Ha pubblicato: Cusareddhe pajesane («Coserelle paesane»), Lucera, Scepi, 1933; Scerpetédde («Cianciafruscole»), Foggia, Leone, 1953; Vécchie e nove scerpetédde («Vecchie e nuove cianciafruscole»), ivi, 1957; Frónne e frusce («Ramoscelli e arbusti»), ivi, 1958; L’arche-vérie («L’arcobaleno»), Roma, «Il Nuovo Belli», 1959; Fattaredde e quatrette («Fattarelli e quadretti»), ivi, 1959; U pagghiaredde («Il piccolo pagliaio»), ivi, 1960. Continua a leggere “Giacomo Strizzi”

Dialetto di Alberona

GIACOMO STRIZZI
Frónne e fruscë

Favugne, quanne mene
nderrate, té duie sórte
de rampe: p’a cchiù longhë,

strappe all’àrbere i frónne;
da nderre, p’a cchiù córtë,
ggerenne e reggerennë,

recogghie i frusce morte.

Foglie e fronde – Favonio, quando soffia impetuoso, ha due sorta di rampe: con la più lunga, strappa agli alberi le foglie verdi, con la più corta, girando e rigirando, raccoglie per terra le foglie morte.

_____

Il testo, in dialetto di Alberona (Fg), viene trascritto in grafia DAM (manuale) dal volumetto di Giacomo Strizzi, Frónne e frussce, Foggia, Leone, 1958.