Dialetto di Lucera (FG)

dscn2889
Foto di Francesco Granatiero

Stornelli (*)

Tenime nu castílle
sop’a na bella coppe,
da bàsce l’hé guardà
pecché nze pó nghianà. Continua a leggere “Dialetto di Lucera (FG)”

Annunci

Spija nGele

Spija-nGele-copertinaLUIGI IANZANO (San Marco in Lamis 1975), laureato in legge, docente di scienze giuridico-economiche, francescano secolare, con il volumetto Spija nGele, «Scruta il Cielo» (2016), si sgancia dai temi più strettamente legati al paese e alla poesia più tipicamente dialettale del suo precedente più importante Tarànta mannannéra, «Taranta messaggera» (2005), per privilegiare i temi della famiglia e degli affetti e in modo particolare quello della fede, su cui è incentrata l’ode epico-religiosa Come ce mbizza la cèreva, «Come si porta la cerva», la quale ha come Leitmotiv lo stupore per ciò che Dio opera fuori e dentro l’uomo. Continua a leggere “Spija nGele”

Dialetto di Bugnara (Aq)

VITTORIO CLEMENTE

(Bugnara 1895 – Roma 1975)

76b6239ab3d59e8abf27801967772898_M

Poeta e scrittore di teatro. Durante la Prima guerra mondiale Ardengo Soffici gli affidò la redazione di un foglio di trincea. Fu insegnante elementare e successivamente ispettore didattico. Si occupò di folclore e di letteratura dialettale, in particolare di poesia romanesca e abruzzese. Continua a leggere “Dialetto di Bugnara (Aq)”

Dialetto di San Marco in Lamis

Francesco Granatiero su
“La vadda de Stignane” e altri canti popolari di San Marco in Lamis
di Grazia Galante

galante3

“La vadda de Stignane” e altri canti popolari di San Marco in Lamis è il primo di due volumi (il secondo è in corso di stampa) di un’opera davvero imponente, sebbene debba considerarsi come il prodotto estremo di una operazione necessariamente «ritardataria».

Così giudica la propria raccolta di canti popolari degli anni Settanta lo scrittore – fine presentatore della Galante – Raffaele Nigro: «Ritardataria perché la televisione, la radio, la scolarizzazione di massa, la fuga dal mondo contadino e l’assassinio del dialetto ormai da due tre decenni avevano costretto non solo il mio mondo all’emigrazione verso il paese della borghesia, verso il regno dell’italiese giornalistico e verso il complesso di sudditanza a tutto ciò che veniva dai grandi modelli linguistici dominanti.» Continua a leggere “Dialetto di San Marco in Lamis”

Dialetto di Tursi

AlbinoPierro - CopiaALBINO PIERRO

Nato a Tursi (Mt) nel 1916, nel 1939 si trasferì a Roma, dove insegnò storia e filosofia nei licei. È morto a Roma nel 1995.

Dopo otto volumi di poesia in lingua, passò al dialetto del suo paese natale pubblicando con Laterza, Garzanti, Scheiwiller, Mondadori, Einaudi e altri editori una quindicina di libri, ora raccolti in Albino Pierro : Tutte le poesie, edizione critica secondo le stampe a cura di Pasquale Stoppelli, Salerno, 2 voll., Roma 2012. Continua a leggere “Dialetto di Tursi”

Il suono [š]

Nei dialetti alto-meridionali (DAM) sci  suona

[šš] nelle parole accentate: sciacquà [ššakkwà] ‘sciacquare’, casciòune [kaššòun∂] ‘cassone’, sfascé [sfaššé] ‘sfasciare’, strùscele [strùšš∂l∂] ‘ciabatte’, ascì [aššì] ‘uscire’,  crescènde [kreššènd∂] ‘lievito’, vàsce [vàšš∂] ‘basso’, capìsce [kapìšš∂] ‘capisce’, strìsce [strìšš∂] ‘striscia’, canòsce [kanòšš∂] ‘conoscere’, pésce [péšš∂] ‘pesce’, frùsce [frušš∂] ‘foglie secche’, gràsce [gràšš∂] ‘grascia’, pugl. nesciùne ‘nessuno’, cä’sce [käšš∂] ‘cassa’;

[š] nelle parole non accentate:  busciarde  [bbušard∂] ‘bugiardo’, sciunghe ‘giunco’, stascione ‘estate’, scenestre [š∂nèstr∂] ‘ginestra’, stascedde [stašèdd∂] ‘mazza’, mascije [maši:j] ‘magia’, vasce [và:š∂] ‘bacio’,  vulisce [vulì:š∂] ‘voglia’, josce [jó:š∂] ‘oggi’, mureisce  [murèjš∂] ‘ombra’, sci [ši] ‘andare’, abr.  nesciune ‘nessuno’, vräsce [vrä:š∂] ‘brace’.

In caso di accento obbligatorio, [š] viene reso con scj o sc-: vascjà  ‘baciare’, stascjòne  [stašòn∂] ‘estate’,  vruscjé  [vrušé] ‘bruciare’,  príscje [prí∂š∂]  ‘gioia’, felìscjene [f∂lìš∂n∂] fuliggine’, sc-ínere  [ší∂n∂r∂] ‘genero’, sc-èttene  [šètt∂n∂] ‘gettano’, trasc-ì [trašì] ‘entrare’, crusc-é [krušé] ‘crochet’, accusc-ì [akkušì] ‘così’).

• Il fonema [š] di parole napoletane come šcumma sušpiro si può rendere anche con sc o sc- (sckaffesccaffe / sc-caffe [škaff∂] ‘schiaffo’, suscpire / susc-pire [sušpi:r∂] ‘sospiro’, sctelle / sc-telle [štèll∂] ‘stella’), ma in questa posizione l’uso di š tra i poeti dialettali è sempre più frequente.