Dialetto di Trinitapoli (FG)

trinitapoli

Ninnananne

Ninnananne e ninnanannë,
nascì Ggêsü Bbomméne alla capanne.
La nötte de Natöle na nze dörme,
ho fatte u figghie màsquele la Madönne.

Ninnananne e ninnavòulë,
durmisciamille tóu, sanda Necòule.
Sande Necòule vè che mörë
e vvè vestóute da marenöre.

Ninnananne e ninnanannë,
durmisciamille tóu, cara sand’Anne;
ninnananne e ninnanannë,
cüsse ié u tresàure de la mamme.

Ninnananne e ninnaréddë,
u lóupe s’ho mangiöte la pucherédde.
Pucherédda màie, accòume te vedìeste
quanne mmocche ó lóupe te truuìeste?

Madönna màie, tinamille mbrazze,
fine ca vàuche e vénghë dalla chiazze;
Madönna màie, tinamille nzéne,
fine ca vàuche e vénghë do muléne.

Ninnananne e ninnanannë,
l’addàure de li figghie ié la mamme.
Quanne nasciste tóu, nascì la ròuse,
nascì la pambanédde e lla ceröse.

Quanne nasciste tóu, nascibbe iéie,
nasciamme tütt’e ddóu jind’a nna déie.
Ninnananne e ninnanannë,
nescióune te vòule bböne accòume alla mamme.

Ninnananne e ninnavòule,
ho mörte la iaddene sàupe all’òuve;
ho mörte la iaddena cenaréne,
ca te faciave l’ùeve sare e maténë.

Vattinne, vattinne, papönne,
ce ne nde ne vè te rombe i ccörne;
vattinne, vattinne, pezzénde,
ca u meninne dörme mmandenénde.

Ninnavòule e ninnasùennë,
s’honne rotte li camböne a Sand’Andùenië;
ninnavòule e ninnasùennë,
cüsse meninne vòule fè nu sùenne.

Sùenne ngannatàure, ngannaggénde,
na nzi ngannénne a stu figghie, ca ié nucénde.
Sùenne sùenne, accòume na nge vìene?
Vìene alla stess’ àure ca venìeste ajìere.

Ninnavòule e ninnavulessë,
figghie de cavallìere e prengepessë.
Ninnananne e ninnasùenne,
vòule durmì stu figghie, ca le töne sùenne.

Ninnananna. Ninna nanna e ninna nanna, / nacque Gesù Bambino nella capanna. / La notte di Natale non si dorme, / ha fatto il figlio maschio la Madonna. // Ninna nanna e ninna vuole, / addormentamelo tu, san Nicola. / San Nicola va per mare / ed è vestito da marinaio. // Ninna nanna e ninna nanna, / addormentamelo tu, cara sant’Anna; ninna nanna e ninna nanna, / questo è il tesoro della mamma. // Ninna nanna e ninnarella, / il lupo ha mangiato la pecorella. / Pecorella mia, come ti vedesti / quando in bocca al lupo ti trovasti? // Madonna mia, tienimelo in braccio, / fintanto che vado e vengo dalla piazza; / Madonna mia, tienimelo in grembo, / fintanto che vado e torno dal mulino. // Ninna nanna e ninna nanna, / l’odore dei figli è la mamma. / Quando nascesti tu nacque la rosa, / nacque la fogliolina e la ciliegia. // Quando nascesti tu nacqui anch’io, / nascemmo tutti e due nello stesso giorno. / Ninna nanna e ninna nanna, / nessuno ti vuole bene come la mamma. // Ninna nanna e ninna vuole, / è morta la gallina sulle uova; / è morta la gallina cenerina / che ti faceva l’uovo sera e mattina. // Vattene, vattene, babau, / se non te ne vai ti rompo le corna; / vattene, vattene, pezzente, / ché il bimbo dorme immantinente. // Ninna vuole e ninna sonno, / si son rotte le campane a Sant’Antonio; / ninna vuole e ninna sonno, / questo bimbo vuol fare un sogno. // Sonno ingannatore, ingannagente, / non ingannare questo figlio, che è innocente. / Sonno sonno, perché non vieni? / Vieni alla stessa ora in cui venisti ieri. // Ninna vuole e ninna volesse, / figlio di cavaliere e principessa; / ninna vuole e ninna sonno, / vuol dormire questo figlio, perché ha sonno.

Tratto, con adattamenti, da Grazia Stella Elia, Il matrimonio e altre tradizioni popolari, presentazione di Manlio Cortelazzo, Bari, Levante editori, 2008, p. 356.

Per la scrittura del dialetto di Trinitapoli consulta il manuale Scrivere la lingua madre

La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)

di Francesco Granatiero

795px-Brueghel-tower-of-babel

Premessa

Una grafia dei singoli dialetti che non tenga conto delle altre parlate può sfociare in una babele di scritture.

Senza nulla togliere alla lingua napoletana – tale per prestigio letterario oltre che storico –, alla sua grafia saranno rapportabili alcune varianti campane, non certo tutti i dialetti del cosiddetto «volgare pugliese», comprendente il napoletano e i dialetti italici o ausònii, che insieme e più modernamente costituiscono i dialetti alto meridionali (DAM), in cui rientrano Abruzzo, Molise, Puglia, Lucania, Calabria settentrionale e le finitime parti di Marche, Lazio e Campania, per la scrittura dei quali bisognerà guardare ai progressi della dialettologia e riferirsi a una lingua tetto, che è, non già – o non più – il napoletano, bensì l’italiano. Continua a leggere “La grafia dei Dialetti Alto Meridionali (DAM)”