Dialetto di Cagnano Varano (FG)

cagnano_varano_centro_storico
Foto di Domenico Sergio Antonacci

Vide cchè bbella lune, cchè bbelli stelle

Vide cchè bbella lune, cchè bbelli stelle,
quessa iè lla nuttata pe rrubbà donne.
Chi rrobbe li donne ne nge chiama latre,
ce chiama ggiuvanotte svendurate.
Ggiuvanotte svendurate, vene, vene.
Te fa la bbocca a risë e ll’occhie bbasse.
Quille sò segnë d’amore che ve facite…

che ve facite e lla,
quidde che vò la fèmmina fa.
Se me nfonne ne mm’ave chi ’ssucà.
E më chiame tu, nennella,
pe fàrete pazzeià.

Vedi che bella luna, che belle stelle. È questa la notte per rubare donne. Chi ruba donne non si chiama ladro, si chiama giovanotto sventurato. Giovanotto sventurato, vieni, vieni. Lei ti sorride e ha gli occhi bassi. E questi son segni d’amore che vi fate… che vi fate ellà, quello che vuole la femmina fa. Se mi bagno non c’è chi mi asciughi. E mi chiami tu, bambina, per farti divertire.

Tratto, con adattamenti, da Leonarda Crisetti Grimaldi, Bbèlla, te vu mbarà a ffà l’amóre. Canti e storie di vita contadina, Centro Grafico Francescano, Foggia, 2004, p. 205.

Per la grafia del dialetto di Cagnano Varano consulta il manuale Scrivere la lingua madre